Titoli e Testi

A Costabona
A la mensa collettiva
A Parigi un neonato
A l’era sabet sera
A quel’omm
Accattari vurria
Addio a Lugano
Addio mia bella addio
Addio morettin ti lascio
Addio padre e madre addio
Alla mattina bon’ora
Alla renella
Amore mio non piangere
Amore ribelle
Anche gli uccelli
Anni settanta nati dal fracasso
Azzurri
Ballata per l’Ardizzone
Bandiera rossa
Banditi della Acqui
Bel uselin del bosc
Bella Ciao
Benito Benito
Bevi Teresa
Buonasera miei signori
Buongiorno macellaro
Camicia rossa
Canicossa e Balduchelli
Canto di pesca
Canzone dei petrolieri
Cara moglie di nuovo ti scrivo
Caviam cantando- Canto dei minatori
Chi non vuol chinar la testa
Che cosa vogliamo (Giuriam giuriam)
Cime nevose
Cinque guerre c’ha dato re Vittorio
Cinturini
Città alta
Col parabello in spalla
Compagni fratelli Cervi
Compagni Giovani Insieme Lavorammo>
Compagni miei compagni
Con la lettera del prete
Con te
Contessa
Cosa c’entra Gesù
Cosa rimiri mio bel partigiano
Dai monti di Sarzana
Dalle belle città date al nemico
Dato che
Davanti a san Giulio
Delle vostre galere
Dimmi bel giovane
Dio del cielo se fossi una rondinella
Dirindina la malcontenta
Dirmelo Pietro Gori
Donna lombarda
Dormi piccina dormi
Dove sei che non ti vedo
Dove te vett o Mariettina
Dove vola l’avvoltoio
E anche al mi’ marito
E a Roma Roma
E l’Italia l’è malada
E per la strada
E più non canto
E lee la va in filanda
El dio del vilan
E lu suli ‘ntinni ‘ntinni
El prim che l’è stait al mundo
E mi son chi in filanda
E qualcuno poi disse
E se i tedeschi
E verrà il dì che innalzerem le barricate
E’ arrivato il 18 aprile
E quei briganti neri
Ero povero ma disertore
E se Berlino chiama
El cristèe
E se un porro hai sulle mani
Evviva num
E’ l’Africa un paese
El fiol del signor conte
El pueblo unido
Elle n’est pas morte
El me gatt
El me murus
El poer Luisin
Emigrato su in Germania
Era Natale
Felice Cavallotti
Festa d’aprile
Figli della plebe
Figli dell’officina
Figli di nessuno
Fimmene fimmene
Fischia il vento
Fogli volanti
Foglie
Fra il ’19 fra l’anno ‘20
Fuoco e mitragliatrici
Gh’era on pader
Già allo sguardo
Giglio bel giglio
Giuriam giuriam
Gli ingranaggi
Gli scariolanti
Gli sfruttati
Grano grano
Guantanamera
Ho sentito sparà il cannone
I ne g’ha meso de la Todt
I romagnoli
I treni per Reggio Calabria
Il bersagliere ha cento penne
Il bosco degli alberi
Il brigadier tre stelle
Il canto dei coatti
Il canto dei deportati (Die Moorsoldaten)
Il canto dei lavoratori
Il canto dei malfattori
Il canto drll’operaia
Il canto della foresta (Colonia Cecilia)
Il canto della prigione
Il cielo è una coperta ricamata
Il crack delle banche
Il Galeone
Il Magnano
Il n° 58
Il parroco di Cinaglio
Il perseghino (Il muratore)
Il testamento dell’avvelenato
Il tragico affondamento del bastimento Sirio
Il valzer dei disertori
Il vestito di Rossini
In del Trisold
Ignoranti senza scuole
Inno del Primo maggio
Inno del sangue (Il feroce monarchico Bava)
Inno dei lavoratori del mare
Inno dei pezzenti
Inno dei socialisti anarchici
Inno del Fronte di Liberazione del Vietnam
Inno dell’Internazionale
Inno della rivolta
Inno di Mameli
Inno individualista
Io parto per l’America
Io so che un giorno
Io son io son
Io ti voglio bene
Italia bella mostrati gentile
L’amarezza delle mondine
L’amore el viene el va e gira il mondo
L’eccidio di Ancona
L’Internazionale
L’Internazionale di Fortini
L’ora del fucile
L’orologio della passione
L’uva fogarina
La badoglieide
La ballata del piccolo
La ballata del Pinelli
La ballata dell’affitto
La ballata della Fiat
La bandiera tricolore
La bella Gigogin
La brigata Garibaldi
La buona notte di Radio Libertà
La caccia alle streghe
La canzon del Navigli
La Comune di Parigi
La Comune non morrà
La Gismonda
La lega
La madre abbandonata in cerca del suo Achille
La mal maritata
La mia morosa cara
La morte di Anita Garibaldi
La povera Rosetta
La prima l’è la Carlotta
La rondinella d’Aspromonte
La settumana
La zolfara
Lassù sulle colline del Piemonte
La tradotta che parte da Novara
La canzon del Navigli
Le basi americane
Le deserteur
Le impiraresse
Le mondine contro la cavalleria
Le quattro stagioni
Le tre bandiere
Lettera a Chaim
Lu rusciu te lu mare
Ma mi
Magneremo suf
Maledetto sia Cadorna
Mama mia mi son stufa
Mamma mia dammi cento lire
Mano alla bomba
Marciam, marciam
Maremma
Maria Gioana
Mariulin bella Mariulin
Mattmark
Menelik e Taitu
Mi avete incatenato
Mi so no il perchè
Morte di Gesù
Natale 68
Nina ti te ricordi
Ninna nanna della guerra
Noi siamo la classe operaia
Noi vogliamo l’eguaglianza
Notte chiara
Nove maggio
Nuovi stornelli socialisti
Numi voi siete spietati
O cancellier che tieni la penna in mano
O cara moglie
O care mamme
O fieri flagelli
O Germania che sei la più forte
O Gorizia
O iniqua infame Turchia
Oi Marietina
O macchinista
O mama mia tegnim a ca’
O padrone non lo fare
Or che innalzato è l’albero
O sciur padrun i cavalée van male
O sol che te ne vai
O Venezia che sei la più bella
Oggigiorno a piglià moglie
Padroni ci volete spaventare
Partire partirò
Partono gli emigranti
Passannante
Perchè mai parlarvi di pace
Per i morti di Reggio Emilia
Pietà l’è morta
Poi che non vogliam sfruttati
Polesine
Porta Romana
Povero Matteotti
Povero Pinelli
Prima che se cantava bandiera rossa
Prima della guerra c’era da dubitare
Quand’ero monaca
Quand ‘riva il cald
Quando vedrai
Quando l’anarchia verrà
Quattordici luglio ore 11 Togliatti
Quattro signori a Parigi vanno
Regazzine vi prego ascoltare
Ricordate brava gente
Ricordo di Pavese
Ricordo il tempo di Benvegnuda
Rosso levante e ponente
Sacco e Vanzetti
Saluteremo il signor padrone
San Giuseppe e la Madonna
Sciopero interno
Se nasce l’anarchia
Se non ci ammazza i crucchi
Se otto ore
Se partigiano io son
Se non ci conoscete
Se tu bagni il tuo piede
Sei minuti all’alba
Sent un po, Gioan, te se ricordet
Senti le rane che cantano
Sentite buona gente
Sento il fischio del vapore
Set Filanda
Set risaia
Siam tutti bagnati
Siamo i precari
Siamo stufe
So’ stato a lavora’ a Montesicuro
Son cieco
Son deciso
Son la mondina son la sfruttata
Son maritata giovane
Sono povero ma disertore
Sorgiam
Sotto l’albero del Piemonte
Spunta l’alba al 15 giugno
Stornelli d’esilio
Stornelli pisani
Stornelli toscani
Strofette satiriche antifasciste
Su comunisti della capitale
Sulla sponda argentina
Sun cuntent de vess al mund
Tall el Zaatar
Ta pum
Thyssen Krupp
Trenta giorni di nave a vapore
Tu lo sai compagno a Marzabotto
Tutti mi dicon Cesare
Uguaglianza
Ultime ore e decapitazione di Sante Caserio
Una cosa già detta (Questo amore)
Un bel dì finirà
Uomini e soldi
Valle Giulia
Valsesia
Varda Giulaj
Venti giorni sull’Ortigara
Vedrai come è bello
Vegna quel mes
Vi ricordate?
Vi ricordate quel 18 aprile
Via Gleno
Vieni o maggio
Vitti ‘na crozza
Voglio fare il passaporto
Vuoi tu venir Giulietta

 


Natale 68

Natale 68

Scusa signor consumator
tu lo sai che il Natale
è soltanto una sabba infernale
inventato dal gran Capitale
per spillare i quattrini anche a chi non è ha,
per spillare i quattrini
che cazzo c’entra Gesù.

La tredicesima che hai con te
la devi spendere senza un perchè
ma in fondo in fondo la ragione c’è
questo sistema ha bisogno di te
festeggia il tuo sfruttamento c’è chi specula su
festeggia il tuo sfruttamento
che cazzo c’entra Gesù.

 


Siamo stufe

Siamo stufe

Siamo stufe di fare bambini
lavare i piatti stirare pannolini
avere un uomo che ci fa da padrone
e ci proibisce la contraccezione

Noi siamo stufe di far quadrare
ogni mese il bilancio familiare
lavare, cucire, pulire, cucinare
per chi sostiene che ci mantiene

Noi siamo stufe della pubblicità
che deforma la nostra realtà
questa moderna schiavitù
da oggi in poi non l’accettiamo più

Noi siamo stufe di essere sfruttate
puttane o sante venir classificate
basta con la storia della verginità
vogliamo la nostra sessualità

Ci han diviso fra brutte e belle
ma tra di noi siamo tutte sorelle
fra di noi non c’è distinzione
all’uomo serve la divisione

Noi siamo stufe di abortire
ogni volta col rischio di morire
il nostro corpo ci appartiene
per tutto questo lottiamo insieme

Ci dicon sempre di sopportare
ma da oggi noi vogliamo lottare
per la nostra liberazione
facciamo donne la rivoluzione!

 


anni settanta nati dal fracasso

Ambarabà cicciccocò

Ambarabaciccicoccò
tre galline sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore
il dottore si ammalò
ambarabaciccicoccò

Chissà se il dottore s’è ripreso
oppure se è rimasto offeso,
chissà la figlia del dottore
che gusto prova a far l’amore
con tre galline sul comò
ambarabaciccicoccò
ambarabaciccicoccò.

Sora maestra non s’arrabbi
se sono stato impertinente
dimmi cosa farai da grande,
sora maestra credo niente.
Voglio cantare su un comò
ambarabaciccicoccò.
ambarabaciccicoccò.

Saresti tanto intelligente
però non t’applichi per niente
stai lì a cantar come un babbeo,
cosa farai dopo il liceo.
Io professore non lo so,
ambarabaciccicoccò
ambarabaciccicoccò.

E’ arrivato il 68 , urla canti grida rosso
come un tram senza freni, come un tram che non vedi
che ti schianta lasciandoti in piedi.

Mille e più bandiere rosse – le domande e le risposte
che si andava e cercar, tutti pronti a cambiar
questo mondo che puzzava già.


Accattari vurria
rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Accattari vurria ‘na virrinedda,
di notte la to porta spirtusari,
perché, figghiuzza mia, quantu sì beddha,
quannu ti spogli prima di curcari!
Iu temu ca tu fussi cussì beddha
Ca l’occhi nun m’avissiru a nurvari:
lassa la porta misa a spaccazeddha,
ca iu stanotti ti vegnu a truvari.
E na va varcuzza banneri banneri
sta dia d’ammuri ni vinni a purtari,
ridianu tutti li cilesti speri
trimavanu li specchi di klu mari.
Binidittu lu diu chi ti manteni
Ca cussì beddha ti volsi furmari!
Spampinanu li sciuri unni ca veni,
l’ariu tribulatu fa sirinari.

 


A Costabona
Della Mea Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

A Costabona a gh’era il maggio
gh’era un bel sol e quei che cantaven
cantaven Magg e Magg voeur di’
viva la tera, viva la dona, viva la vita
di chi l’è viv.

Viv’anca ti e canta Giuan
che te set lì, ma per registrà
quei che canten Magg, canta anca ti
che t’è capii, che t’è capii, che quel cantà color de tera
voeur dì creà

Creà cultura anca per num
che gh’emm la crapa pien de cultura
ma di padron gh’emm la parlada
gh’emm la cantada, e la giornata vita impestada.

Giuan l’è sira, Magg l’è finii
el sol se coata de dree i muntagn
per andà a dormì e alora ti
col fiaa strasciaa del gran cantaa
e dit “Incoeu quaicoss emm faa”

A Costabona incoeu gh’è il Magg
gh’è anca el sol per quei che canten
che canten Magg. Quaicos emm faa
sì per capì, che sto cantè
color de tera, voeur dì creà….e anca viv.

 


Addio a Lugano
Rielab F. Amodei Ed.Bella Ciao-Ala Bianca

Addio Lugano bella, o dolce terra pia,
scacciati senza colpe gli anarchici van via.
E partono cantando con la speranza in cuor (2 volte)
Ed è per voi sfruttati, per voi lavoratori
che siamo ammanettati al par dei malfattori
Eppur la nostra idea è solo idea d’amor (2 volte)
Anonimi compagni, amici che restate,
le verità sociali da forti propagate.
E’ questa la vendetta che noi vi domandiam (2 volte)
Ma tu che ci discacci con una vil menzogna,
repubblica borghese un dì ne avrai vergogna.
Noi oggi t’accusiamo in faccia all’avvenir (2volte)
Banditi senza tregua andrem di terra in terra
a predicar la pace ed a bandir la guerra.
La pace fra gli oppressi, la guerra agli oppressor (2 volte)
Elvezia il tuo governo schiavo d’altrui si rende
d’un popolo gagliardo le tradizioni offende
e insulta la leggenda del tuo Guglielmo Tell (2 volte)
Addio cari compagni, amici luganesi
addio bianche di neve montagne ticinesi,
i cavalieri erranti son trascinati al nord,
e partono cantando con la speranza in cuor.
Vittorio Emanuele figlio di un assassino.
Viva Gaetano Bresci che ucciso Umberto primo
Questa è la vendetta che gli anarchici san far
Qiesta è la vendetta che gli anarchici san far


Addio mia bella, addio

Addio mia bella addio,
l’armata se ne va,
e se non partissi anch’io
sarebbe una viltà:
e se non partissi anch’io
sarebbe una viltà

Non piangere, mio tesoro,
forse ritornerò;
ma se in battaglia io moro
in ciel ti rivedrò.
La spada, le pistole ,
lo schioppo l’ho con me;
allo spuntar del sole
io partirò da te,

Il sacco è preparato
sull’omero mi sta;
son uomo, e son soldato,
viva la libertà.
Non è fraterna guerra
la guerra ch’io farò;
dall’italiana terra
l’estraneo caccerò.

L’antica tirannia
grava l’Italia ancor;
io vado in Lombardia
incontro all’oppressor
Sa¬ran tremende l’ire,
grande il morir sarà!
Si mora, è un bel morire
morir per la libertà!

Tra quanti moriranno
forse ancor io morrò;
non ti pigliare affanno,
da vile non cadrò
Se più del tuo diletto
tu non udrai parlar,
perito di moschetto,
per lui non sospirar.

Io non ti lascio sola,
e resta un figlio ancor;
nel figlio ti consola,
nel figlio dell’amor.
Squilla la tromba addio,
l’armata se ne va;
un bacio al figlio mio;
viva la libertà.


Addio morettin ti lascio
rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Addio morettin, ti lascio,
finita è la mondata,
tengo un altro amante a casa,
tengo un altro amante a casa;
addio morettin ti lascio,
finita è la mondata,
tengo un altro amante a casa
più bellino assai di te

Più bellino, più carino,
più sincero nel far l’amore,
ci ho donato la vita e il cuore
ci ho donato la vita e il cuore;
più bellino e più carino,
più sincero nel far l’amore,
ci ho donato la vita e il cuore
e per sempre l’amerò.

Tu credevi che io t’amassi,
mentre invece ti ho ingannato,
caramelle tu m’hai pagato,
caramelle tu m’hai pagato.
Tu credevi che io t’amassi
Mentre ivece ti ho ingannato,
caramelle tu m’hai donato
vino bianco abbiam bevù.

T’ho amato per quaranta giorni
sol per passare un’ora
e adesso che è giunta l’ora, ti lascio in libertà.
e adesso che è giunta l’ora,
t’ho amato per quaranta giorni
sol per passare un’ora
e adesso che è giunta l’ora,
ti lascio in libertà.

La libertà è quella
di non più lavorare,
casa vogliamo andare
casa vogliamo andare,
la libertà è quella
di non più lavorare,
casa vogliamo andare
in cima del vapor.


Addio padre e madre addio
Rielab. P.Pietrangeli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Addio padre e madre addio
che per la guerra mi tocca di partir
ma che fu triste il mio destino
che per l’Italia mi tocca morir.
Quando fui stato in terra Austriaca
subito l’ordine a me l’arrivò
mi dà l’assalto la baionetta in canna
addirittura un macello diventò.
E fui ferito, ma una palla al petto
e i miei compagni li vedo a fuggir
ed io per terra rimasi costretto
mentre quel chiodo lo vedo a venir.
“ Fermati o chiodo che sto per morire
pensa a una moglie che piange per me”
ma quell’infame col cuore crudele
col suo pugnale morire mi fe’.
Sian maledetti quei giovani studenti
che hanno studiato e la guerra han voluto
hanno gettato l’Italia nel lutto
per cento anni dolor sentirà.


Alla mattina bonora
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Alla mattina bonora si sente supelar
saranno le filere lerà (2)

Alla mattina bonora si sente supelar
saranno le filere lerà che vanno a lavorar

O giovinotti cari se vurì fare l’amor
andè dalle filere lerà (2)

O giovinotti cari se vurì fare l’amor
andè dalle filere lerà, non ste’ a guardaghe le man.

Non ste’ a guardaghe le mani, non ste’ a guardaghe i color,
l’è el fum de la caldera lerà (2)

Non ste’ a guardaghe le mani, non ste’ a guardaghe i color,
l’è el fum de la caldera lerà li dis che el ghe fa mal

 


Alla renella
Rielab. E. Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

A tocchi a tocchi la campana sona:
li turchi so’ sbarcati alla marina!
Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola,
io me l’ho risolate stamattina
Come te pozz’amà
Come te pozz’amà!
S’esco da ‘sti cancelli
Qualcheduno l’ha da pagà.
Amore amore manneme un saluto
Che sto a Reggina Celi carcerato,
d’amici e da parenti abbandonato
so’ come un pover’albero sparuto
Come te pozz’amà…
S’er papa me donasse tutta Roma
E me dicesse “Lassa star chi t’ama”
Io je direbbe “No, sacra corona”
Val più l’amore mio che tutta Roma
Come te pozz’amà…
E si de’ sfortunati stanno ar monno,
uno de quelli me posso chiamare.
Butto ‘na paja a mare e me va a fonno,
all’antri vedo er ferro galleggiare.
Come te pozz’amà…


Un bel dì finirà
Sull’aria di “All’alba se ne parte il marinaio”

Ma perché lavorar
se non basta nemmeno a mangiar.

All’alba se ne parte l’operaio
nella “schiscietta” niente da mangiare,
il caso si fa sempre disperato
e a casa non vorrebbe più tornare.
Ma perché lavorar
se non basta nemmeno a mangiar
c’è mia moglie che piange e che spera
con tanta miseria non sa come far.
Ma perché lavorar…

C’è il gran partito dei lavoratori
che comunisti vengono chiamati,
capitalisti li hanno intimoriti,
ed anche il Papa li ha scomunicati.
Ma un bel dì finirà
la cuccagna dei democristian
ed insieme uniti e compatti
col nostro Togliatti per la libertà


El prim che l’è stait al mundo
Dario Fo

Al primm ca l’è stait al mund
l’è stait noster Signur:
dui, la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund
l’è stait noster Signur.

Tre, tre re magi
la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…

Quattro, quattro Evangelisti
tre re magi
la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…

Cinque, cinq piaghe del Signur
quattro Evangelisti
tre re magi
la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…

Sei, ses gaj ca cantun in Galilea ,
cinq piaghe del Signur
quattro Evangelisti
tre re magi
la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…

Sette, sette sacramenti
ses gaj ca cantun in Galilea,
cinq piaghe del Signur
quattro Evangelisti
tre re magi
la luna e i sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…

Otto, otto corpi santi
sette sacramenti
ses gaj ca cantun in Galilea,
cinq piaghe del Signur
quattro Evangelisti
tre re magi
la luna e il sôl,
ma al primm ca l’è stait al mund…


Amore mio non piangere
Rielab. E.Esposito-M.L.Straniero Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Amore mio non piangere se me ne vado via,
io lascio la risaia ritorno a casa mia.

Amore mio non piangere se me ne vo lontano
ti scriverò da casa per dirti che io t’amo.

Non sarà più la capa che sveglia alla mattina,
ma là nella casetta mi sveglia la mammina.

Vedo laggiù fra gli alberi la bianca mia casetta
e vedo laggiù la mamma che ansiosa lei mi aspetta.

Mamma, papà non piangere se sono consumata,
è stata la risaia che mi ha rovinata.


Amore ribelle
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

All’amor tuo fanciulla
altro amore io preferìa
è un ideal l’amante mia
a cui detti braccio e cor.
Il mio core aborre e sfida
i potenti della terra
il mio braccio muove guerra
al codardo, all’oppressor.
Perché amiamo l’uguaglianza
siam chiamati malfattori
ma noi siam lavoratori
che padroni non vogliam.
Dei ribelli sventoliamo
le bandiere insanguinate
e innalziam le barricate
per la vera libertà.
Se tu vuoi fanciulla cara
noi lassù combatteremo
e nel dì che vinceremo
braccio e cor ti donerò.
Se tu vuoi fanciulla cara
noi lassù combatteremo
e nel dì che vinceremo
braccio e cor ti donerò


A quel omm
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

A quel omm, che incontravi de nott
in vial Gorissia, sora el Navili,
quand i viv dormen, sognen tranquilli
e per i strad giren quei ch’hinn mort.

A quel omm, ma te seret ‘na màgia
che vegniva su l’asfalt de la strada
cont la fàcia on poo gialda e stranida
cont i oeucc on poo stracch e on poo smort.

A quel omm, ma te seret on omm
quatter strasc, on poo d’ombra e nient alter
no Giusepp, no Gioan, gnanca Walter
e gnanca adess mi cognossi el to nom

A quel omm, a quel tocch de silensi,
a la nott e anca a lu voeuri dì
“In vial Gorissia ghe sont mi de per mi
e so no se ‘sti robb g’han on sens.”


Ballata per l’Ardizzone
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

M’han dit che incö la pulisia
l’ha cupà un giuvin ne la via
sarà sta’, m’han dit, vers i sett ur
a un cumisi de lauradur.

Giovanni Ardizzone l’era el so nom
de mestè stüdent universitari
comunista, amis d’i pruletari
a l’han cupà visin al noster Domm.

E i giurnaj de tüta la tera
diseven Castro, Kennedy e Krusciov
e lü el vusava “Sì alla pace e no alla guerra”
e con la pace in bocca a l’è mort.

In via Grossi i pulè cui manganej
vegnü de Padova, specialisà in dimustraziun
han tacà cunt i gip un carusel
e cunt i röd han schiscià l’Ardissun.

A la gent gh’è andà insema la vista
per la mort del giuvin stüdent
e pien de rabia “Pulè e fascista”
vusaven “Mascalzun e delinquent”

E i giurnaj de l’ultima edisiun
a disen tücc: Un giovane studente-
incö a una gran dimustrasiun
è morto per fatale incidente.


Bandiera rossa
Rielab. P.Santi Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Avanti o popolo alla riscossa
bandiera rossa, bandiera rossa
avanti o popolo alla riscossa
bandiera rossa trionferà.
Bandiera rossa la trionferà
bandiera rossa la trionferà
bandiera rossa la trionferà
evviva il comunismo e la libertà.

Avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione, rivoluzione
avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione vogliamo far.
Rivoluzione noi vogliamo far
rivoluzione noi vogliamo far
rivoluzione noi vogliamo far
evviva il comunismo e la libertà.

Dai campi al mare alle miniere
rosse bandiere rosse bandiere
dai campi al mare alle miniere
rosse bandiere sventoleran.
Bandiera rossa la si innalzerà
bandiera rossa la si innalzerà
bandiera rossa la si innalzerà
evviva il comunismo e la libertà.

Non più nemici, non più frontiere
sono i confini rosse bandiere
o proletari alla riscossa
bandiera rossa trionferà.
Avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione, rivoluzione
avanti o popolo tuona il cannone
rivoluzione vogliamo far.

 

Banditi della Acqui
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Banditi della Acqui in alto il cuore
Sui monti di Cefalonia sta il tricolore.
Quelli che han combattuto non son tornati,
sui monti di Cefalonia sono restati
Un giorno scenderemo per la vittoria
col sangue partigian scriverem la storia.
Bel uselin del bosc

 

(Quel uselin del bosc)
Rielab. P.Santi-G. Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Bel uselin del bosc (2 volte)
per la campagna vola bel uselin del bosc
per la campagna vola.
Dove sarà vulà (2 volte)
in braccio alla mia bella dove sarà vulà
in braccio alla mia bella.
Cosa g’avrà ‘l purtà (2 volte)
‘na lettra sigillata cosa g’avrà ‘l purtà
na lettra sigillata.
Se ghe sarà sta su (2 volte)
de maridalla oi bella se ghe sarà sta su
de maridalla oi bella.
Son maridada ier (2 volte)
incoeu son già pentita son maridada ier
incoeu son già pentita.
(versione osteria)
uguale alla precedente ma più cadenzata

Versione Garibaldina (Rataplan)

Bel uselin del bosc (2 volte)
per la campagna vola e bel uselin del bosc
per la campagna vola rataplan – e plan-
e plan tararataplan plan plan tararataplan.
Duve sarà vulà (2 volte)
in braccioa a Garibaldi e duve sarà vulà
in braccio a Garibaldi e rataplan – e plan-
e plan tararataplan plan plan tararataplan.
Cusa ‘l g’avrà purtà (2 volte)
na lettra sigillata e cusa ‘l g’avrà purtà
‘na lettra sigillata rataplan – e plan-
e plan tararataplan plan plan tararataplan
Se ghe sarà sta su (2 volte)
de liberà l’Italia e se ghe sarà sta su
de liberà l’Italia rataplan – e plan-
e plan tararataplan plan plan tararataplan
Chi la libererà (2 volte)
Giuseppe Garibaldi e chi la libererà
Giuseppe Garibaldi rataplan – e plan-
e plan tararataplan plan plan tara rataplan

Bella ciao
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Questa mattina, appena alzata
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
questa mattina appena alzata
ho trovato l’invasor.
O partigiano, portami via,
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
partigiano, portami via,
che mi sento di morir.
E se io muoio da partigiano
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
e se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.
Seppellirai, lassù in montagna,
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
seppellirai lassù in montagna
sotto l’ombra di un bel fiore.
Tutte le genti che passeranno,
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
tutte le genti che passeranno
mi diranno che bel fior.
E’ questo il fiore del partigiano,
o bella ciao, bella ciao. bella ciao, ciao, ciao:
è questo il fiore del partigiano
morto per la libertà.


Benito, Benito
Rielab. E. Cuppone

Benito , Benito
te m’ha ciavà pulito,
te m’ha sbasà la paga,
te m’ha cressu l’afito


Buona sera miei signori
rielab. E.Cuppone

Buona sera miei signori
questa l’è l’ora sì, questa l’è l’ora sì.
Buonasera miei signori
questa l’è l’ora sì de ‘nda’ a durmì.
Mezzanotte è già suonata
e l’altra mezza sì e l’altra mezza sì
Mezzanotte è già suonata
e l’altra mezza sì la suonerà


Buongiorno macellaro (Bej)
Corsini-Parigi Ed. Warner Chappell

Buongiorno macellaro, buongiorno cosa vòle,
vorrei ‘n chilo de carna, vorrei ‘n chilo de carna.
Buongiorno macellaro, buongiorno cosa vòle,
vorrei ‘n chilo de carna co’ cinque o sei braciole.

Passi di qua dal banco mia bella signorina,
sentirai che carne fresca, sentirai che carne fresca.
Passi di qua dal banco mia bella signorina,
sentirai che carne fresca, che carne fresca che ci ho stamattina.

Le undici da mamma, le dodici da me,
tiriamoci le somme, tiriamoci le somme.
Le undici da mamma, le dodici da me,
tiriamoci le somme che faccia ventitrè.

E sette, sette, sette e sette fan ventuno
arriva la volante, arriva la volante.
E sette, sette, sette e sette fan ventuno
arriva la volante non ci sta più nessuno.

E il pregio del giardino e il pregio l’è il cavallo,
e il pregio della donna, e il pregio della donna.
E il pregio del giardino e il pregio l’è il cavallo,
e il pregio della donna e il pregio l’è il capello.

E vieni bella mia, e vieni ‘n braccia a me
si pesca la merluzza, si pesca la merluzza.
E vieni bella mia, e vieni ‘n braccia a me
si pesca la merluzza poi te la fo’ vedè.


Camicia Rossa
Rielab. Cuppone/Esposito Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Quando la tromba suonava all’armi
con Garibaldi corsi a arruolarmi
la man mi strinse con forte scossa
e mi diè questa camicia rossa.
E dall’istante che ti indossai,
le braccia d’oro ti ricamai.
Quando a Milazzo passai sergente,
camicia rossa, camicia ardente.
Porti l’impronta di mia ferita,
sei tutta lacera, tutta scucita.
Per questo appunto mi sei più cara,
camicia rossa, camicia rara.
Tu sei l’emblema dell’ardimento
il tuo colore mette spavento
fra poco uniti andremo a Roma
camicia rossa, camicia indoma.
Fida compagna del mio valore,
s’io ti contemplo, mi batte il core.
Par che tu intenda la mia favella,
camicia rossa, camicia bella.
Là sul Volturno di te vestito
quando sul campo caddi ferito
eri la stessa che allor vestìa
camicia rossa, camicia mia.
Con te sul petto farò la guerra
ai prepotenti di questa terra,
mentre l’Italia di eroi si vanta,
camicia rossa, camicia santa.
Quando all’appello di Garibaldi
un dì que’ mille suoi prodi e baldi
accorser pronti, pien di valore,
camicia rossa, piena d’onore.
Se de’ tedeschi ne’ fieri scontri
vien che la morte da prode incontri,
a te qual sorte sarà serbata,
camicia rossa, camicia amata?


Canicossa e Balduchelli
Rielab. Esposito Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Era la festa di San Pietro e l’era l’ora della funziôn
e Canicossa cunt Balducchelli l’era andada in del furmentun.
E sua madre alla finestra e suo padre dietro al balcon
e cussa felle Canicossa cara, Balducchelli l’è un traditor.
E no, no, no che non è vero che Balducchelli l’è un traditor
l’è così bravo di far l’amore l’è simpatico nel parlar.
E Canicossa è all’ospedale e Balducchelli la va a trovar
e cussa felle Canicossa cara “Balducchelli la mi va mal”
E se a te la ti va male e a me la mi va ben
abbandona i tuoi pensieri che l’amore l’è bell’e andà.
E se l’amor l’è bell’e andato, se n’è andata anche la mia vita
da Balducchelli so’ sta tradita, so sta tradita nel furmentôn.
Da Balducchelli so’ sta tradita, so sta tradita nel furmentôn.

 


Canto di pesca
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Eh – e tiorte i remi e voga
che femo sta’ calà.

Se – se no se ciapa gnente
no’ tornaremo a ca’.

A ca’ – a ca’ senza mangiare
no no se puol tornar.

Cia – ciaperemo un’anguela
la spartiremo in tre


Canzone dei petrolieri

Siam quelli del petrolio, ciascuno lo sa già,
quindi porgiamo encomio al fuoco che farà.
Siccome brucia bene e molta luce fa,
il petrolio è come birra qui e a fiumi scorrerà
Qua il petrolio, là il petrolio petroleum bum bum
spilliamo fino a farlo traboccar viva il petroleum

Borghese storci il naso, dici “che brutto odore”
e credi che gli anarchici sia gente senza cuore
Per te fa solo verità la stampa qualunquista
il fuoco ti rischiarerà le idee, il pensier, la vista
Qua il petrolio, là il petrolio petroleum bum bum
spilliamo fino a farlo traboccar viva il petroleum

Libero chiaro e schietto sì, brucia nelle città
ed altreettanto bene può nei villaggi divampar
L’esercito è rischiarato, la cosa può stupirlo,
nè codici e bastoni potranno soffocarlo
Qua il petrolio, là il petrolio petroleum bum bum
spilliamo fino a farlo traboccar viva il petroleum

Malgrado i tempi bui e potente sia il nemico
andiamo avanti uniti, noi col fuoco per amico
E quando il signor giudice ci incarcererà
avremo una ragione in più per farlo divampar.
Qua il petrolio, là il petrolio petroleum bum bum
spilliamo fino a farlo traboccar viva il petroleum

Compagno del petrolio, fratello non temere
noi instancabilmente faremo il tuo dovere
Del falso liberismo noi ce ne strabattiamo
e in nome della libertà battaglia scateniamo.
Qua il petrolio, là il petrolio petroleum bum bum
spilliamo fino a farlo traboccar viva il petroleum


Cara moglie di nuovo ti scrivo
Rielab. G. Bertelli Ed. W.Colle

Cara moglie di nuovo ti scrivo
che mi trovo ai confin de la Francia,
anche quest’anno c’è poca speranza
di poterti mandà dei dané.
La cucina l’è molto assai cara
e di paga si piglia assai poco.
E i bresciani s’en vanno al galopo,
questa vita la posso più far.
Cara moglie di nuovo ti scrivo
di non darla nè a preti, nè a frati,
ma dalla pure ai più disperati
che nel mondo la pace non han.


Caviam cantando o Canto dei minatori

Caviam cantando, caviam la fossa
dove c’è un nero tozzo di pane
qui dove un giorno, le nostre ossa
marciran forse sotto le frane
Pei ricchi il biondo oro cerchiam
caviam cantando, caviam, caviam


Chi non vuol chinar la testa
Giuffrida-Nicotra Ed. Soul Trade Music

Scrive la gazzetta “Non c’è pace sociale”
e che gli operai son sempre a scioperare.
“Fabbrichge occupate, scuole picchettate,
qui non si produce più”
I giornali dei padroni gridan “Rossi sovversivi”
ci vuol ordine, c’è troppa libertà.

“Ci vuole repressione, ordine sociale,
bisogna eliminare la lotta sindacale.
Ci vuole l’uomo forte con la dittatura
e il manganel bisogna usar”
Ma questo è l’ordine fascista, non si può chinar la testa,
chi non vuol chinar la testa è comunista.
Ma questo è l’ordine fascista, non si può chinar la testa,
chi non vuol chinar la testa è comunista.

Ordine vuol dire, combattere i fascisti,
ordine vuol dire no alla violenza,
ordine vuol dire, la lotta di classe
e alla destra dire no.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.

Ordine vuol di re poter lavorare,
ordine vuol dire, non dover emigrare.
Ordine vuol dire aver la dignità
di non partire e di stare qua.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.

Ordine vuol dire combattere la mafia,
ordine vuol dire no allo sfruttamento.
Ordine vuol dire lotta per la terra
e agli agrari dire no.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.
E se non vuoi chinar la testa fatti aggiungere alla lista
chi non vuoi chinar la testa è comunista.

La Canzone politica degli anni ’70- Reg del Canzoniere delle Lame


Che cosa vogliamo (Giuriam giuriam)
Rielab. G. Marini Ed Bella Ciao- Ala Bianca

Noi siam da secoli calpesti e derisi,
perché noi siam pecore, perché siam divisi.
Ma il giorno si appresta, faremo l’unione
e allora i padroni avran da pensar.
Giuriam, giuriam, padron non ne vogliam!
Vogliamo la pace, la scienza e il lavoro,
la grande famiglia dell’umanità.
Non più vagabondi che sfruttan con l’oro
la razza dei ladri dispersa sarà
Vogliam che la terra sia patria di tutti
che chi la lavora raccolga i suoi frutti
e noi dai signori siam sempre sfruttati
ci han sempre rubato il nostro sudor.
Giuriam, giuriam, padron non ne vogliam! …


Cime nevose
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Là sulle cime nevose una croce l’è piantà.
Non vi son fiori nè rose, lìè la tomba di un soldà.
L’è un partigian, l’è un partigian che il nemico uccise,
l’è un partigiano, che nel fuoco morì.
Pensando alle alte vette fra i dolci acuti canti,
tra i rivoli fruscianti snodati verso il pian.
La mamma più non piange il figlio suo perduto;
sull’alpe sconosciuto un altro eroe sta.
L’è un partigian, l’è un partigian che il nemico uccise,
l’è un partigiano, che nel fuoco morì.
Vi vedo e penso ancora nell’ora dei tramonti
al sorger dell’aurora montagne del mio cuor.
Questo dolce ricordo mi fa sognare, mi fa cantare
tutta la melodia che riempie il cuore di nostalgia.
Vi vedo e penso ancora nell’ora dei tramonti
al sorger dell’aurora montagne del mio cuor.


Cinque guerre c’ha dato re Vittorio

Cinque guerra ci ha dato re Vittorio
più vent’anni di fascio obbligatorio
non contento di tutto l’animale
voleva andare pure ar Quirinale .
Nel diciannove dopo il conflitto immane
il popolo chiede al re lavoro e pane
ai reduci del Carso sul mantello
je rispose con ojo e manganello.


Città alta
Sandra Boninelli

Da quei muri antichi di tempo e di vita
dai vicoli chiusi, di case in salita
le voci dei vecchi seduti a parlare
e i passi della gente che va a lavorare
si aprono gli occhi sul giorno che passa
e battono i rintocchi che si odono a basso
la gente di secoli si guarda stupita
poi uno poi altri discendon la salita
le case invecchiate i ricordi la vita
bisogna lasciarli alla gente arricchita
lassa lé i to strass ch’en va toeuc al bas
diceva la Rosa col nodo alla gola
e altri poi tanti la fila si allunga
gli armadi sui carri di ‘sta gente muta
ci sono i quartieri più belli più grandi
ci sono gli ospizi più nuovi bianchi
così han detto i ricchi con la faccia da pena
ma le mani nei soldi di dietro alla schiena
la gente più sola si è vista smarrita
poi uno poi tanti insieme alla salita
dal nostro silenzio di voce sommessa
è cresciuta la voglia più forte e più rossa
di dirvelo in faccia siam qui alla riscossa
la voglia di vita è qui sulla salita


Col parabello in spalla
Rielab. Rsposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Col parabello in spalla
caricato a palla
sempre ben armato paura non ho:
quando avrò vinto – quando avrò vinto

Col parabello in spalla
caricato a palla
sempre ben armato paura non ho:
quando avrò vinto ritornerò

E allora il capobanda
giunta la pattuglia sempre ben armato
mi vuol salutare:
e poi mi disse, e poi mi disse

E allora il capobanda
giunta la pattuglia sempre ben armato
mi vuol salutare:
e poi mi disse i fascisti son là

E a colpi disperati
mezzo massacrati
dalle bombe scippe i fascisti sparivan:
gridando ribelli, gridando ribelli

E a colpi disperati
mezzo massacrati
dalle bombe scippe i fascisti sparivan:
gridando ribelli abbiate pietà


Compagni fratelli Cervi
Rielab. Veneri Giovanni

Quando la guardia fa vedetta
sempre sta all’erta il partigiano
con l’arma sua fedele in mano
per annientare l’invasor
E’ giunta l’ora dell’attacco
il vessillo tricolore
e noi dei Cervi l’abbiam giurato
vogliam pace e libertà, e libertà
Compagni fratelli Cervi
cosa importa se si muore
per la libertà e l’onore
al tuo popolo fedel.
Arma il moschetto o partigiano
vesti la giubba di battaglia
per la salvezza dell’Italia
forse domani si morrà
E’ giunta l’ora dell’attacco
il vessillo tricolore
e noi dei Cervi l’abbiam giurato
vogliam pace e libertà, e libertà
Compagni fratelli Cervi
cosa importa se si muore
per la libertà e l’onore
al tuo popolo fedel.
Metti la giubba di battaglia,
mitra, fucile e bombe a mano,
per la libertà lottiamo
per il tuo popolo fedel
E’ giunta l’ora dell’attacco
il vessillo tricolore
e noi dei Cervi l’abbiam giurato
vogliam pace e libertà, e libertà
Compagni fratelli Cervi
cosa importa se si muore
per la libertà e l’onore
al tuo popolo fedel.


Compagni Giovani Insieme Lavorammo (o CGIL)
Sandra Boninelli

Compagni giovani, insieme lavorammo
per inventare un luogo tutto nostro,
mondo di fratellanza, aiuto a chi non l’ha,
la casa di un’altra umanità.
Compagne giovani, insieme lavorammo
per costruire un mondo di uguaglianza,
non di parole vuote, ma gesti e fantasia,
la solidarietà è anche poesia.

Milioni d’ore in fabbrica consumano la vita.
Lottare insieme, avanti, e non è mai finita.
Cent’anni, quanti giorni, a contarli passa un anno
i Di Vittorio e i tanti che tornano alla mente…

…e noi, e noi,
e noi testardi ancora qui
col nostro pugno giovane di un secolo,
la solidarietà che mai vien meno,
giorni di gioia o pianto, un po’ d’amore
e il nostro segno rosso in fondo al cuore,
il nostro segno rosso in fondo al cuore.

Adesso quanti insieme a lavorare,
l’acciaieria che cambia, un diverso “fare”,
sguardi venuti da lontano, Almir, Ahmed, Assane
camminano sicuri accanto a noi.
Adesso quante insieme a lavorare,
ma il mondo per noi resta ineguale,
le rose, il pane, il sogno della metà del cielo,
le trame che affidiamo al nostro secolo.

La storia ha rotto un muro, ma le nostre radici,
le lotte, la memoria, son già dentro il futuro.
Cent’anni, quanti giorni, a contarli passa un anno
i Di Vittorio e i tanti che tornano alla mente…

…e noi, e noi
e noi testardi ancora qui
col nostro pugno giovane di un secolo,
la solidarietà che mai vien meno,
giorni di gioia o pianto, un po’ d’amore
e il nostro segno rosso in fondo al cuore,
e il nostro segno rosso in fondo al cuore,
e il nostro segno rosso in fondo al cuore,
e il nostro segno rosso in fondo al cuore.


Compagni miei compagni
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Compagni miei compagni, ti vuò toccar la mano
a un fatto disumano che a Todi si compì.
Per le elezioni a Todi sono aperti i monasteri
le monache coi preti andarono a votar.

Ma un triste giorno alla monachella
brutta novella le capitò,
morendo il padre, non vuol morire
se non rivede la sua figliò’.
Col cuore in pezzi in gola
pregò la Superiora
se le concede un’ora
per riveder papà.
Però le fu negato
dicendo: « La clausura
è come la sepoltura
che attende il tuo papà ».

Ma il dì diciotto aprile
la sveglia di buon’ora
la buona Superiora,
a lei parlò così:
« Su vestiti figliola
sei libera di andare
solo per andà a votare,
ma non per tuo papà »

La monachella si veste in fretta
ma la vendetta le balenò.
« Brutti vigliacchi » lei grida fora
« questa dimora più non vedrò »
Entrò nella cabina
votò pel comunismo
e la dottrin di Cristo
le suggerì così.
E maledì i preti e i frati
e tutto il clero
perché del mondo intero
sono la corruzion.


Con la lettera del prete
Ivan della Mea Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Con la lettera del prete l’è vegnùu chì a Milan,
lìè vegnùu per laurà, per far su quatter danée.
Gira gira e on alter pret g’ha truàa un bel laur,
l’è andà a fà el muradur per far su quatter danée
Dài lavora, sei un terrone, dài lavora che tu sei forte
Dài a Dio qualche soldo per comprarti il tuo aldilà
Il padrone gli disse “Per accordo con il prete
Ti trattengo un tanto al mese per la chiesa e la carità”
L’è andàa innanz a streng i dent per tri ann e quatter mes,
l’ha fàa su on bel poo de ges col lavoro e la carità.
Dài lavora, sei un terrone, dài lavora che tu sei forte
Dài a Dio qualche soldo per comprarti il tuo aldilà
L’è cascàa l’alter dì, l’è borlàa dal campanil,
lìè restàa lì inciodàa cont i gamb paralisàa
Con la lettera del prete lìè tornàa al so paes
L’è andàa via da Milan, l’è andàa a vivv de carità
Non lavori sei un terrone con le gambe rotte e storte
Con i soldi dati a Dio hai comprato il tuo aldilà.
Quando suona la santa messa, giù al paese o il mattutino 2 volte
Lui è lì su di un gradino a cercar la sua carità


Con te
Sandra Boninelli

Chiudo gli occhi e fuori dal mio tempo,
ti vedo e mi ritrovo lì.
Davanti a tanta gente
e canti e canto con te.
Con la tua chitarra portata sulla destra,
la mia sulla sinistra.
Come uno specchio la tua immagine prende forma,
ti sento dentro me,
ma sarà vero che ho capito il tuo mondo,
ma sarà vero, ho sentito il tuo fiato!
Qui si parla sempre di te.
La tua presenza è memoria,
è ancora vita, è ancora canto!
Ma che meraviglia, che passione, che bellezza
e sempre sento che….

Quando io canto penso soltanto
ad una donna che tempo fa,
con la chitarra e col violino cantava storie di povertà.
Dentro alle piazze, nelle osterie,
portavi sogni e realtà
e ci cantavi “Donna Lombarda” per tutti noi che siamo qua.
O donna, donna, nostra compagna,
hai preso fiato, sei qui a cantar.
Faremo cose dell’altro mondo, faremo vivere la libertà!
O donna, donna, donna Giovanna
con te vicino si riproverà
a scuoter dentro i sentimenti, la “setumana” si cambierà.
Nelle risaie, nelle officine,
si sente ancora a “supelà”,
son le operaie e i contadini che chiedon solo la dignità.
E allora…
Forza c’hè giunta l’ora, siam partigian del canto,
per conquistar la vita, per liberarci dentro:
scendiamo giù dai palchi, corriamo contro il tempo
per conquistar la pace che sia per tutto il mondo.

Apro gli occhi, l’incanto ormai è svanito,
tendo le mani, cerco ancora te,
Giovanna se n’è andata portando via il violino,
ma la chitarra l’ha lasciata a me.
Giovanna se n’è andata portando via il violino,
ma la chitarra l’ha lasciata a me.


Contessa
Pietrangeli Ed Bella Ciao- Ala Bianca

«Che roba contessa all’industria di Aldo
han fatto uno sciopero quei quattro ignoranti
volevano avere i salari aumentati
dicevano, pensi, di essere sfruttati.
E quando è arrivata la polizia
quei quattro straccioni han gridato più forte
di sangue han sporcato il cortile e le porte,
chissà quanto tempo ci vorrà per pulire ».
Compagni dai campi e dalle officine
prendete la falce, portate il martello
scendete giù in piazza picchiate con quello
scendete giù in piazza e affossate il sistema
Voi gente per bene che pace cercate
la pace per far quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra
vogliamo vedervi finir sotto terra.
Ma se questo è il prezzo l’abbiamo pagato
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato.
«Sapesse contessa che cosa mi ha detto
un caro parente dell’occupazione
che quella gentaglia rinchiusa là dentro
di libero amore facea professione.
Del resto mia cara di che si stupisce
anche l’operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente ne può venir fuori,
non c’è più morale, contessa ».
Se il vento fischiava ora fischia più forte,
le idee di rivolta non sono mai morte,
se c’è chi l’afferma non state a sentire,
è uno che vuole soltanto tradire.
Se c’è chi l’afferma sputategli addosso,
la bandiera rossa ha gettato nel fosso.
Voi gente per bene che pace cercate
la pace per far quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra
vogliamo vedervi finir sotto terra.
Ma se questo è il prezzo l’abbiamo pagato
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato


Cosa c’entra Gesù

Scusa signor consumator
tu lo sai che il Natale
è soltanto una sabba infernale
inventato dal gran Capitale
per spillare i quattrini anche a chi non è ha,
per spillare i quattrini
che cazzo c’entra Gesù.
La tredicesima che hai con te
la devi spendere senza un perchè
ma in fondo in fondo la ragione c’è
questo sistema ha bisogno di te
festeggia il tuo sfruttamento c’è chi specula su
festeggia il tuo sfruttamento
che cazzo c’entra Gesù.


Cosa rimiri mio bel partigiano
Rielab. P.Santi-G.Bertelli-M.L.Straniero Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Cosa rimiri mio bel partigiano ?
Io rimiro la figlia tua
è la più bella della città
La mia figlia l’è giovine e bella
ai partigiani non ce la do,
in camerella la chiuderò
In camerella chiudetela pure,
verrò di notte la ruberò,
sugli alti monti la porterò
Sugli alti monti portatela pure,
verran i tedeschi a rastrellar
e la biondina, l’ammazzeran
La mia banda l’è forte ed armata:
dei Tedeschi paura non ho
con la mia banda li vincerò.


Dai monti di Sarzana
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Momenti di passione, giornate di dolore,
ti scrivo cara mamma, domani c’è l’azione.
E la brigata nera noi la farem morir.
Dai monti di Sarzana
un dì discenderemo,
all’erta partigiani del battaglion Lucetti
Il battaglion Lucetti
son libeertari e nulla più
coraggio e sempre avanti, la morte e nulla più.
Bombardano i cannoni
dai monti sarzanelli
all’erta partigiani del battaglion Lucetti
Più forte sarà il grido
che salirà lassù
fedeli a Pietro Gori discenderemo giù.


Dalle belle città date al nemico
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Dalle belle città date al nemico
fuggimmo un dì su per l’aride montagne
cercando libertà fra rupe e rupe
contro la schiavitù del suol tradito
Lasciammo case, scuole ed officine
mutammo in caserme le vecchie cascine
armammo le mani di bomba e mitraglia
temprammo i muscoli e i cuori in battaglia.
Siamo i ribelli della montagna
viviam di stenti e di patimenti
ma quella fede che ci accompagna
sarà la legge dell’avvenir:
ma quella fede che ci accompagna
sarà la legge dell’avvenir.
Di giustizia è la nostra disciplina,
libertà è l’idea che ci avvicina,
rosso sangue il color della bandiera,
siam d’Italia l’armata forte e fiera.
Sulle strade dal nemico assediate
lasciammo talvolta le carni straziate,
provammo l’ardor per la grande riscossa,
sentimmo l’amor per la patria nostra.
Siamo i ribelli della montagna…


Dato che
(La risoluzione dei comunardi)
P.Pietrangeli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Dato che, noi deboli, le vostre
leggi avete fatto, e servi noi,
quelle leggi non le obbediremo
dato che servire, dato che servire non vogliamo più.

Dato che voi ora minacciate
con cannoni e con fucili, noi
decretiamo d’ora in poi da bestie vivere
peggio che morire è.

Dato che noi altri avremo fame
se ci lasceremo derubare,
verificheremo che tra il pane buono
che ci manca e noi, che ci manca e noi solo un vetro sta.

Dato che voi ora minacciate…

Dato che laggiù ci sono case,
mentre senza tetto ci lasciate,
decretiamo c’entreremo e subito,
stare nelle tane, stare nelle tane non ci garba più.

Dato che voi ora minacciate…

Dato che non può riuscirvi mai
un salario buono di pagarcelo,
d’ora in poi le fabbriche noi le guideremo,
dato che a noi basta, dato che a noi basta, mentre con voi no.

Dato che voi ora minacciate…

Dato che ai governi che promettono
sempre tanto non si crede più,
verificheremo che con queste mani
una vita vera, una vita vera ci si costruirà.

Dato che voi ora minacciate…

Dato che il cannone lo intendete
e che a ogni altra lingua siete sordi,
sì contro di voi ora quei cannoni, noi si volterà.
Sì contro di voi ora quei cannoni, noi si volterà.


Davanti a San Giulio
Della Mea Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Ho fatto un sogno, eja alalà
Le orde rosse dei comunisti invadono il Vietnam.
Nessuno più le può fermar
Neanche i marines, neanche i parà..
Ma che si fa.

Sono milioni quei senza dio
Tutti bastardi perché nipoti si sa di un solo zio,
lo zio Ho chi Minh. C’è chi ha la falce
c’è chi ha il martello e c’è anche chi,
ci ha il parabello.

Ma guarda quello che in testa sta
È il loro capo, com’è cattivo, ha un nome truce Giap.
Chi scappa qui, chi fugge là,
scappa il marine, fugge il parà..
ho perso il tram.

Un lampo e un tuono e a ciel sereno
Un raggio bianco di luce bianca discende giù dal cielo.
Luce divina, tremila watts
Che ferma l’orda, che ferma Giap.
Chi mai sarà?

E’ un uomo bianco dal volto pio
Non è un papa, non è un Nixon, ma è un figliol di dio.
Lui dritto sta (o quasi) davanti al Giap
Lo fissa, prega e in mano ha
La svastica.

Ma come prega quel santo là
E come grida “Tu vade retro, tu vade retro Giap.
Iddio non vuole e nel Vietnam
La pace rossa mai si farà
Eja alalà.

Per uno a zero sconfitto è Giap.
Ha vinto il santo ed ha salvato la nostra civiltà.
Giap se ne va (il meschino) a capo chino
Sia gloria al santo, messo divino..
E io ho quasi pianto.

Pianto di gioia per l’uomo pio, sì
Che non è un papa e neanche un Nixon, ma è un figliol di dio,
che torna al padre lui tra lampi e botti
ora lo vedo, sì, è proprio lui
GIULIO ANDREOTTI


Delle vostre galere un giorno
A. Bandelli
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao – Ala Bianca

Botte su botte poi l’isolamento
spesso finisce così.
Quei brutti boia, figli di troia
non fanno che pestare.
Non ci si può neanche lamentare
non si può neanche parlare
basta un lamento per il carcerato
per esser massacrato
Delle vostre galere un giorno
un buon uso sapremo far
prima apriremo le porte agli schiavi
li accoglieremo nell’umanità.
E dopo in fila uno per uno
vi metteremo tutti là
il tribunale del proletariato
i vostri delitti dovrà giudicar.
Siamo saliti tutti sul tetto
gridando ”Porci nazisti,
vogliamo avere i nostri diritti
o la dovrete pagare”.
Ci ha risposto il direttore
con mille poliziotti
ed ai giornali è andato a dire
ch’era disposto a trattare.
Delle vostre galere un giorno…
E se per caso voi sentirete
ch’è morto un carcerato
certo è possibile che quel disgraziato
sia stato massacrato.
Ma se vi parlano di rivolta
di lotte nelle prigioni,
è perchè cresce la lotta di classe
contro tutti i padroni
Delle vostre galere un giorno…


Dimmi bel giovane
Francisci- Settimelli Ed. Warnel Chappell

Dimmi bel giovane onesto e biondo
dimmi la patria tua qual’è?
Adoro il popolo, mia patria è il mondo
il pensier libero è la mia fe’
è la mia fe’

La casa è di chi l’abita
è un vile chi lo ignora,
il tempo è dei filosofi
la terra a chi la lavora.

Addio mia bella casetta addio
madre amatissima e genitor
Io pugno intrepido per la Comune
come Leonida saprò morir.

La casa è di chi l’abita
è un vile chi lo ignora,
il tempo è dei filosofi
la terra a chi la lavora.


Dio del cielo se fossi una rondinella

Dio del cielo se fossi una rondinella
Dio del cielo se fossi una rondinella
Vorrei volare, vorrei volare,
vorrei volare in braccio alla mia bella
Prendi quel secchio e vattene alla fontana.
Prendi quel secchio e vattene alla fontana.
Là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore
Là c’è il tuo amore che alla fontana aspetta
Prendi il fucile e vattene alla frontiera
Prendi il fucile e vattene alla frontiera.
Là c’è il nemico, là c’è il nemico
Là c’è il nemico che alla frontiera aspetta.
Prendi il fucile e gettalo giù per terra
Prendi il fucile e gettalo giù per terra.
Vogliam la pace, vogliam la pace
Vogliam la pace e non mai più la guerra
Vogliam la pace, vogliam la pace
Vogliam la pace e non mai più la guerra.


Dirindina la malcontenta
Rielab. C.Bueno Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Dirindina la malcontenta, babbo gode e mamma stenta,
babbo va all’osteria, mamma tribola tuttavia:
babbo mangia l’erbe cotte, mamma tribola giorno e notte:
babbo mangia e beve ‘i vino, mamma tribola co i’ cittino:
babbo mangia li fagioli, mamma tribola coi figlioli:
babbo mangia il baccalà, mamma tribola a tutt’andà:
babbo mangia le polpette, mamma fa delle crocette:
mamma piange e grida forte, babbo urla e le dà le botte.
Dirindina la malcontenta, babbo gode e mamma stenta.


Dirmelo Pietro Gori
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Dirmelo Pietro Gori dove sei
Sono a Porto Ferraio a lavorare.
Qua siamo nelle mani dei giudei
Lavoro l’oro e mi pagan col rame.
O Pietro Gori sorti o dalla tomba
Che c’è l’Italia e priva d’istruzione
Tu Malatesta sona la tromba
E dai lo squillo alla rivoluzione
Evviva Pietro Gori e il suo ideale
E abbasso a quell’infame o borghesia
Evviva la rivoluzione sociale
E abbasso il fascio e viva l’anarchia.


Donna Lombarda
Rielab. F.Amodei

Donna lombarda, donna lombarda
tu vuoi venire a spasso con me
Io venerìa ben volentieri
ma ho paura del mio marì
Tuo marito l’è un uomo vecchio
t’ho da insegnare a farlo morir
E vai nell’orto di tuo padre
là c’è la testa di un serpentin
Lo prenderai, lo pesterai
ì’ nel buon vino lo metterai
E ariva a casa suo marito
tutto sudato dal lavorar
Donna lombarda, donna lombarda
vammi a cavare tu del buon vin
Tu lo vuoi bianco, tu lo vuoi rosso?
donna lombarda come vuoi tu
E un bambino di nove mesi
sta i’ nella culla, così parlò
O mio buon padre, o mio buon padre
se lo berrai tu morirai
E lui si mise la spada al fianco
donna lombarda beva sto’ vin
Ed ogni goccia che lei beveva
lei la diceva adio marì
adio marito, adio per sempre
ci rivedremo là su i’ nel ciel
adio marito adio per sempre
ci rivedremo là su i’ nel ciel.


Dormi piccina dormi
Rielab. P.Santi- I.Della Mea ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Dormi piccina dormi, dormi e fai la nanna
che quando sarai mamma non dormirai mai più. (2 volte)
Fai finta di dormire per non venire da basso,
sei dura più d’un sasso, sei dura nel fare l’amor (2 volte)
La mezzanotte in punto preparati svegliata,
ti fo’ la serenata, la serenata d’amor (2 volte)


Dove sei che non ti vedo
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Dove sei che non ti vedo?
Son qui sotto all’alberello
Sto guardando la mia bella
con un altro a far l’amor.
Sto guardando la mia bella
con un altro a far l’amor.
Con un altro a far l’amore,
questo sì che mi disprezza.
Oh che figlia l’è mai questa,
la mi vuole abbandonar (2 volte)
La mi vuole abbandonare,
son contento e son felice.
Anche il cuore me lo dice
che felice io sarò (2 volte)


Dove te vett o Mariettina
Antonio Piazza

Dove te vett o Mariettina
Dove te vett o Mariettina
Dove te vett o Mariettina
inscì bonn’ora in mezz’ai pràa ?
Mi voo a fa la campagnola (3)
in campagna a lavorà.
Se ti te fusset propi sola (3)
te vegnarissi a compagnà.
Ma la rosada la se alza (3)
la te bagnerà el scoussàa.
El scossarin l’ho già bagnato (3)
stamattina in mezzo al pràa.


Dove vola l’avvoltoio
Italo Calvino-Sergio Liberovici Ed. Novalis

(parlato) Un giorno nel mondo finita fu l’ultima guerra,
il cupo cannone si tacque e più non sparò,
ma privo dell’aspro suo cibo dall’arida terra
un branco di neri avvoltoi si levò.

Dove vola l’avvoltoio?
avvoltoio vola via, vola via dalla terra mia
ch’è la terra dell’amor.

L’avvoltoio andò dal fiume ed il fiume disse “no!”
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via.
Nella limpida corrente scendon solo carpe e trote
non più corpi dei soldati che la fanno insanguinar”

Dove vola l’avvoltoio…

L’avvoltoio andò dal bosco ed il bosco disse “no!”
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via.
Fra le fronde in mezzo ai rami passan sol raggi di sole,
gli scoiattoli e le rane, non più i colpi dei fucil.

Dove vola l’avvoltoio…

L’avvoltoio andò alla madre e la madre disse “no!”
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via.
I miei figli li dò solo a una bella fidanzata
che li porti nel suo letto, non li mando più a ammazzar.

Dove vola l’avvoltoio…

L’avvoltoio andò ai tedeschi e i tedeschi disser “no!”
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via.
Non vogliamo mangiar più fango, odio e piombo nelle guerre,
pane e case in terra altrui non vogliamo più rubar.

Dove vola l’avvoltoio…

L’avvoltoio andò all’uranio e l’uranio disse “no!”
avvoltoio vola via, avvoltoio vola via.
La mia forza nucleare farà andare sulla luna
non deflagrerà infuocata distruggendo le città.

Dove vola l’avvoltoio…

(parlato) Ma chi delle guerre quel giorno aveva il rimpianto,
in un luogo deserto si radunò,
quand’ecco da cielo si vide volare quel branco
e scendere, scendere finchè qualcuno gridò.

Dove vola l’avvoltoio…


E anche al mi’ marito
Rielab. G. Marini Ed Bella Ciao-Ala Bianca

E anche al mi’ marito tocca andare
a fa’ barriera ‘ontro l’invasore
ma se va a fa la guerra e po’ ci more
rimango sola ‘on quattro creature

E avevano ragione i socialisti
ne more tanti e ‘un semo ancora lesti
ma s’anco ‘r prete dice che dovresti
a morì te ‘un ci vai ‘un ci hanno cristi

E a te Cadorna ‘un mancan l’accidenti
chè a Caporetto n’hai ammazzati tanti
noi si patisce tutti questi pianti
e te, nato da un cane, non li senti

E ‘un me ne ‘mporta della tu’ vittoria
perché ci sputo sopra alla bandiera.
sputo sopra all’Italia tutta intera
e vado ‘n culo al re con la su’ boria

E quando si farà rivoluzione
ti voglio ammazzà io, nato d’un cane,
e a’ generali figli di puttane
gli voglio sparà a tutti cor cannone.


E a Roma Roma
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

E a Roma Roma, ci sta un papa,
che di soprannome si chiama Pio nono
Lo butteremo giù dal trono
dei papi in Roma non ne vogliamo più (2 volte)
Prima in san Pietro, e poi in san Paolo
E le lor teste vogliamo far saltar
E in piazza d’armi la ghigliottina
e le tre teste vogliamo far saltar (2 volte)
E a Roma Roma, suonavan le campane
Piangevan le puttane, gh’è mort al puttanè
Lo butteremo in una pignatta
O brutta vacca buon brodo ci darà (2 volte)
Chi siete voi? Noi siamo piemontesi
Voi siete barbari, vili ed assassin – SI-NO
Siam valorosi garibaldini
Che anche Roma vogliamo liberar (2 volte)
E sulle mura di quei conventi
Piazzeremo piazzeremo i nostri cannoni
E ai preti e ai frati quei birbantoni
Il buon giorno lo daremo noi.


E l’Italia l’è malada
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E l’Italia l’è malada e Lenino l’è il dottore,
e per far guarir l’Italia ci vuole rivoluzion

Anderemo a Monte Calvario dove è nato (morto) Gesù Cristo
e l’era un vero socialista, predicava la libertà.

O Romagna, bella Romagna, dell’Italia sei la più forte
dell’anarchia vogliam la morte, dell’Italia vogliam la libertà


E per la strada
Rielab. G.Marini- I.Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E per la strada gridava i scioperanti
non più vogliam da voi restar sfruttati
siam liberi siam forti e siamo tanti
e viver non vogliam da carcerati
E nelle stalle
più non vogliam morir
è giunta l’ora
siam stanchi di soffrir
Ma da lontano giungono i soldati
avanti tutti assieme coi padroni
e contro i scioperanti disarmati
s’avanzano sguainando gli spadoni
Essi non fuggono
forti del loro ardir
i figli del lavoro
son pronti anche a morir
Presto il dì verrà che vittoriosi
vedrem la redenzione nell’albeggiare
muti saran crumiri e paurosi
vedendo l’idea nostra trionfare
Così il lavoro
redento alfin sarà
e il sol del socialismo
su noi risplenderà
Così il lavoro……


E più non canto
Rielab. P. Santi- I. Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E più non canto, e più non ballo
perchè il mio amore l’è ‘ndà a solda’ – 2 volte
L’è ‘nda’ a soldato, l’è ‘nda’ a la guerra
e chi sa quando ritornerà 2 volte
Faremo fare un ponte di ferro
per traversare di là dal mar 2 volte
Quand le fu stato di là dal mare
ed un bel giovine se lo incontrò 2 volte
“Disim o giovine, caro bel giovine,
avete visto il mio primo amor?” 2 volte
“Sì, sì l’ho visto in piazza d’armi
che lo portavano a seppellir” 2 volte
“Oilà bel giovine, disi bel giovine,
che funerale aveva mai?” 2 volte
“Cinque, sei torceri e ‘na bandiera
e lo portavano a seppellir” 2 volte
E la ragazza nel sentir questo
lei cade a terra del gran dolor 2 volte


E lee la va in filanda
Rielab. Di Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E lee la va in filanda lavorà, lavorà, lavorà,
e lee la va in filanda lavorà pel suo bel morettin.
E lee la va in stanzetta fà su el lett, fà su el lett, fà su el lett,
e lee la va in stanzetta fà su el lett pel suo bel morettin.
E lee la va in giardino coglie i fior, coglie i fior, coglie i fior,
e lee la va in giardino coglie i fior pel suo bel morettin.
E lee la va in cantina cava il vin, cava il vin, cava il vin
e lee la va in cantina cava il vin pel suo bel morettin.
O morettino mio morirai, morirai, morirai,
o morettino mio morirai sott i roeud del tranvai
O morettino mio morirai, morirai, morirai,
o morettino mio morirai con le pene nel cuor.


El dio del vilan
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

El dio del vilan l’è la cariola
el so sacrosanto è la badila
tentand per i maun la roda prila
e tera e sol che ghe seca la gola
Come l’è sta’
come l’è anda’
l’è sta’ Lenin ch’al s’ha ‘ bandunà
e mi per dir la me rason
ho trovà i fasista col baston
E anca se la man de rabbia trema
lu tuto il giorno se rompe la s’cena
e quando torna a ca’ ghìè nient de sena
se seta in’t’un cantun e poi biastema
Come l’è sta’
come l’è anda’
l’è sta’ Lenin ch’al s’ha ‘ bandunà
e mi per dir la me rason
ho trovà i fasista col baston


E lu suli ‘ntinni ‘ntinni

versione Rosa Balistreri dal disco Cetra lpp/353

E lu suli ‘ntinni ‘ntinni                          Ed il sole (è) antenne antenne

chist’è lìura di jirininni;                       questa è l’ora di andarcene

e lu suli mari mari                                     Ed il sole (è) mare mare
u nostru patrunu nni cunta i dinari;      il nostro padrone ci conta i denari
e lu suli vanedda vanedda                         ed il sole (è) vicolo vicolo
a ‘u suprastanti cci cadi ‘a vardedda;       al soprastante ci cade il basto
e lu suli vadduni vadduni                           ed il sole vallone, vallone
cauci e pugna a lu nostru patruni         calci e pugni al nostro padrone
E lu suli si ‘nn’annau e lu suli si ‘nn’annau
e lu suli si ‘nn’annau e domani tornerà.
E si mi nni vaju jeu, e si mi nni vaju jeu
e si mi nni vaju jeu cca ‘un ci tornu cchiui, nno nno.
E la curpa l’havi to ma’, e la curpa l’havi to ma’
e la curpa l’havi to ma’ ca ‘un ti vozi mar


E mi son chi in filanda
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E mi son chi in filanda e speti che vien sira
ch’el me’ murus el vegna, ch’el me’ murus el vegna.
E mi son chi in filanda e speti che vien sira
ch’el me’ murus el vegna, per scompagnarmi a ca’
Per scompagnarmi a casa, per scompagnarmi a letto
per fare un bel sognetto, per fare un bel sognetto.
Per scompagnarmi a casa, per scompagnarmi a letto
per fare un bel sognetto, e poi per fare all’amor.


E qualcuno poi disse
Gianni Nebbiosi Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Fu l’idea di vedere i tuoi occhi,
di abbracciare la nostra creatura,
che mi diede la forza e il coraggio
di andar contro la natura,
di sorridere agli infermieri,
di pesare ogni parola
e alla notte ogni grido che usciva,
ricacciarmelo dentro in gola…
E qualcuno poi disse:” Guarda lì l’agitato,
son passati otto mesi, sembra un po’ migliorato”.

Fu l’idea di vedere i tuoi occhi,
di giocare con la bambina
che mi fece ingoiare in silenzio
ogni loro medicina.
E mi diede la forza e il coraggio
di rispondere senza urlare
al dottore che aveva spiegato
la mia malattia mentale.
E un bel giorno venisti col tuo abito a fiori
mi prendesti la mano, mi portasti di fuori.

Di fuori la voglia di uscire
si trasforma in voglia di fare,
ma il discorso era sempre lo stesso:
”Torni fra due settimane”
Imparai a riconoscere presto
dietro quello strano impaccio
una legge senza parole
fredda e dura come il ghiaccio.
Quella sera ricordo, tu dormivi al mio fianco,
ma la stanza girava e di colpo fui stanco.

Furon sempre le stesse facce
a legare questo mio male
e la stessa iniezione nel braccio
a portarmi in ospedale,
con lo stesso soffitto imbiancato
con gli stessi scarabocchi
dove ormai la paura e il silenzio
nascondevano i tuoi occhi.
E qualcuno poi disse; “Guarda lì l’agitato”
son passati otto giorni e c’è già ricascato”.


E se i tedeschi
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E se i tedeschi ne ciapa de giorno
allora bojorno, allora bojorno
E se i tedeschi ne ciapa de notte
madonna che botte, madonna che botte
E se i tedeschi ne ciapa sul treno
spetemo, vedemo, spetemo, vedemo
spetemo, vedemo, spetemo, vedemo


E verrà il dì che innalzerem le barricate

Prona la fronte sotto il peso del lavoro
piegato a corda è lo scudiscio del potente
purchè la gioia dia a chi vive nell’oro
senza dimani il lavorator morente.
Siam nel dolore di un schiavitù tiranna
uniti insieme da sacramental promessa
sulla terra del duol, tutti pronti a morir
alla luce del sol.
In questa notte di tenebre secolari
il nero drappo sventola su un carro di fuoco.
E redentrice una marcia, sian proletari
l’anarchica gloria alla nuova umanità.
E verrà il dì che innalzerem le barricate
e tu borghese salirai alla ghigliottina
per quanto fosti sordo alle stremate
grida di chi morìa nell’officina
Pei nostri figli fino all’ultimo momento
contro te vile borghesia combatteremo
su da forti pugnam per la lotta final
l’Anarchia salutiam.
In questa notte di tenebre secolari
il nero drappo sventola su un carro di fuoco
E redentrice una marcia, sian proletari
l’anarchica gloria alla nuova umanità.
l’anarchica gloria alla nuova umanità


E’ arrivato il 18 aprile
Marino Piazza

E’ arrivato il 18 aprile (paraponziponzipò)
una moglie tutta stile (paraponziponzipò)
per potersi vendicare lei si mise a scioperare
daghela ben biondina daghela ben biondà
Quando furono nel letto (paraponziponzipò)
lei gli dice al poveretto (paraponziponzipò)
Per la DC tu hai votato ora stai disoccupato
daghela ben biondina daghela ben biondà
Ma il marito democristiano (paraponziponzipò)
allungava una mano (paraponziponzipò)
e la moglie per dispetto lo buttava giù dal letto
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Lui le dice cara Fernanda (paraponziponzipò)
se permetti una domanda (paraponziponzipò)
Te lo giuro son pentito voglio entrare nel tuo partito
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Lei allora l’ha abbracciato, (paraponziponzipò)
fortemente l’ha baciato (paraponziponzipò)
entra pure mio tesoro nella Camera del Lavoro
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Per non fare più questioni, (paraponziponzipò)
per la socializzazione (paraponziponzipò)
si lavora con gran passione per aumentare la produzione
daghela ben biondina daghela ben biondà.


E quei briganti neri

E quei briganti neri mi hanno arrestato
in una cella scura mi han portato.
Mamma non devi piangere per la mia triste sorte (2 volte)
piuttosto di parlare vado alla morte
E quando mi han portato alla tortura
legandomi le mani alla catena;
tirate pure forte le mani alla catena (2 volte)
piuttosto che parlare torno in galera.
E quando mi portarono al tribunale
dicendo se conosco il mio pugnale;
sì sì che lo conosco; ha il manico rotondo (2 volte)
nel cuore dei fascisti lo cacciai a fondo.
E quando l’esecuzione fu preparata
fucili e mitraglie eran puntat;
non si sentiva i colpi, i colpi di mitraglia
ma si sentiva un grido “Viva l’Italia”
Non si sentiva i colpi della fucilazione
ma si sentiva un grido “Rivoluzione”


Ero (sono) povero ma disertore
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Sono povero ma disertore
e disertavo per la foresta
quando un pensiero mi viene, mi viene in testa, (2)
di non fare mai più il soldà
Monti e valli ho scavalcato
E dai fascisti ero inseguito,
quando una sera mi addo- mi addormentai (2)
e mi svegliai incatenà.
Incatenato le mani e i piedi
e dal questore fui trasportato
ed il pretore m’ha do- m’ha domandato (2)
perchè mai so’ ‘ncatenà
Io gli risposi delicatamente
che il disertore sempre avea fatto
e disertavo per la- per la foresta (2)
disperato de fa ‘l soldà.
Padre mio che sei già morto,
madre mia che vivi ancora,
se vuoi vedere tuo figlio torturato (2)
e ‘mprigionato senza ragion
O soldati che marciate,
che marciate al suon della tromba,
quando sarete su la- su la mia tomba (2)
griderete “pietà di me

La versione precedente è la variante del canto della Grande Guerra
che a sua volta era antecedente e faceva riferimento a Ferdinando
imperatore d’Austria (1793-1875)
Ecco il testo
Ero povero ma diserto-o-re e disertai dalle mie frontie-e-re
e Ferdinando l’impe-l’imperatore che mi ha a perse-perseguità
Valli e monti ho scavalca-a-to e dai gendarmi ero insegui-i-to
quando una sera mi addo-mi addormentai e mi svegliai inca-incatenà
Incatenato le mani e i pie-e-di e in tribunale mi hanno porta-a-to
e il pretore mia ha di-mi ha dimandato perchè mai sei inca- sei incatenà.
Io gli risposi fra-an-came-en-te camminavo nella fore-e-sta
quando un pensiero mi vien-mi viene in testa di non fare mai più-mai più il soldà
Caro padre che sei giù mo-or-to e tu madre che vivi anco-o-ra
se vuoi vedere tuo figlio alla tortura condannato senza ragion
O compagni che-e marcia-a-te, che marciate al suon della tro-om-ba
quando sarete su la-su la mia tomba griderete pietà-pietà di me


E se Berlino chiama
Fausto Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E se Berlino chiama ditele che s’impicchi:
crepare per i ricchi, crepare per i ricchi.
E se Berlino chiama ditele che s’impicchi
crepare per i ricchi no! non ci garba più!

E se la Nato chiama ditele che ripassi:
lo sanno pure i sassi, lo sanno pure i sassi.
E se la Nato chiama ditele che ripassi
lo sanno pure i sassi, non ci si crede più.

Se la ragazza chiama non fatela spettare:
servizio militare, servizio militare.
Se la ragazza chiama non fatela spettare:
servizio militare solo con lei farò.

E se la Patria chiama lasciatela chiamare:
oltre le Alpi e il mare, oltre le Alpi e il mare
E se la Patria chiama lasciatela chiamare:
oltre le Alpi e il mare un’altra Patria c’è.

E se Patria chiede di offrirgli la tua vita,
rispondi che la vita, rispondi che la vita.
E se Patria chiede di offrirgli la tua vita,
rispondi che la vita per ora serve a te.


El Cristée
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O donn sem chi a cantà ‘l Cristé
de fà ‘ndà ben i cavalé
se me darì un quei uvètt
farem ‘ndà ben anca i galètt
se me darì un palancùn
farem ‘ndà ben anca i marciun
Traduzione.
Donne siamo qui a cantare “Il Cristé”
per fare andar bene i bachi da seta
se mi darete qualche uovo
faremo andar bene anche i bozzoli
se mi darete una palanca
faremo andar bene anche i bozzoli marci


E se un porro hai sulle mani
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

E se un porro hai sulle mani
devi prendere due foglie
di un bel salice piangente.
Le strofini con del lardo,
poi raggiungi in fretta il bosco,
ma nessuno ha da vederti
che se no l’incantamento
è difficile a venire
Frega il porro con le foglie
Troverai gran refrigerio
poi con tre Avemarie
le sotterri e vieni via.
Di ricetta c’è n’è un’altra
che fa bene agli occhi rossi:
quattro foglie di erisimo
van bollite e poi colate
dell’infuso che ne viene
devi fare degli impacchi
con ovatta delicata,
che sian tiepidi e non caldi.
Vedi, basta molto poco
per guarire e stare bene.
Io ti fo’ un incantamento
fatto apposta pei tuoi mali.


Evviva num
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Evviva num insema a quei d’Arlun
emm fa na spetasciada e l’emm vinciuda num
Num mangerem pulaster e capun
e ai padrun ghe tajum i cujun
Ai uperari che andaran a l’adunada del padrun
ghe tajerem na piana del melgun
La giurnada pu a nissun, la giurnada pu a nissun
ed i capun metà per un
Evviva num, evviva quei d’Appian
e s’emm piantà el sciopero per mangià del pan
Evviva num, evviva l’uniun
e s’emm piantà el sciopero per pagà pu i capun
I sciuri su l’albergo, i sciuri su l’albergo
e i pover paisan in stalla va l’inverno
I sciuri in su l’albergo, i sciuri in su l’albergo
e i pover paisan je mandan a l’inferno
Trumbalalillallà Trumbalalillallera
trumbalalillallà …..


E’ l’Africa un paese
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E’ l’Africa un paese felice e dovizioso
aperto alle alte imprese di Ciccio il vittorioso
Laggiù conquisteremo gloria decoro e onor
La sabbia insaccheremo ch’è sabbia tutta d’or

Avremo onor ricchezze, plausi dall’Alpi al mare
chi l’Africa disprezza è matto da legare
Ed ora la morale tanto per cominciar
non ve l’abbiate a male, vi prego di pagar


El fiol del signor conte
Flaminio Gervasi

Toeu mièe, toeu mièe scior conte, scior conte toeu mièe
E va a sposar la figlia e la figlia d’un cavalier
E va a sposar la figlia e la figlia d’un cavalier

La sera la dimanda, la notte la sposò
E la matin bonora in Francia la menò
E la matin bonora in Francia la menò

Ne fece trenta miglia senza mai poter parlar
Ne fece trenta d’altre, la incomincia a sospirar
Ne fece trenta d’altre, la incomincia a sospirar

A che sospiri oi figlia, a che sospiri tu
Sospiro la mia mamma che mai più la rivedrò
Sospiro la mia mamma che mai più la rivedrò

Se sospiri per questo, sarebbe perdonà
Se sospiri per altro, il coltello l’è preparà
Se sospiri per altro, il coltello l’è preparà

Guarda là quel monte, rimiri quel castel
Cinquanta tosan bele, son già rimaste là
Cinquanta tosan bele, son già rimaste là

O lei, o signor conte, m’impresti il suo pugnal
G’ho da taglià na rama per far ombra al mio caval
G’ho da taglià na rama per far ombra al mio caval

Quand’ebbe quel pugnale, nel cuor glielo piantò
E poi montò a cavallo e a casa ritornò
E poi montò a cavallo e a casa ritornò


El pueblo unido
Compositori: GARZA ROB, HILTON RICHARD ERIC

La- Do Fa6 Mi7
De pie cantar, que vamos a triunfar
La- Do Fa6 Mi7
avanzan ya banderas de unidad
Re- Sol7 Do Fa
y tu vendràs marchando junto a mi
Re- Mi7 La- La7 Re-
y asì vendras tu canto y tu bandera florecer
Sol7 Do Fa
la luz de un rojo amanecer
Re- Mi7 La- Mi7
anuncia ya la vida que vendrà.

La- Do Fa6 Mi7
De pie marchar, que el pueblo va a triunfar,
La- Do Fa6 Mi7
serà mejor la vida que vendrà.
Re- Sol7 Do Fa
A conquistar nuestra felicidad
Re- Mi7 La- La7 Re-
y en un clamor mil voces de combate se alzaran
Sol7 Do Fa
diran cancion de libartad.
Re- Mi7 La- Mi7
Con decision la patria vencerà.
Re Si
Y ahora el pueblo que se alza en la lucha

Mi7
con voz de gigante gridando: adelante!

El pueblo unido jamas serà vencido!

La patria està forjando la unidad:
de norte a sur, se movilizarà,
desdè el salar ardiente y mineral,
al bosque austral, unidos en la lucha y en el trabajo
iràn, la patria cubriràn.
Su paso ya anuncia el porvenir.

De pie cantar, que el pueblo va a triunfar,
millones ya imponen la verdad;
de acero son ardiente bayyallòn sus manos van llevando la justicia y la razòn
ya estàs aqui junto al trabajador.

Re Si
Y ahora el pueblo que se alza en la lucha

Mi7
con voz de gigante gridando: adelante!

El pueblo unido jamas serà vencido!


Elle n’est pas morte
La Comune non è morta

On l’a tuée a coups d’ chassepot
a coups de mitrailleuse,
et roulée avec son drapeau
dans la terre argileuse.
Et la tourbe des bourreaux gras
se croyait la plus forte
Tout ça n’empêch’ pas Nicolas
qu’la Commune n’est pas morte.

Comme fauchers resant un pré,
comme on abat de pomme,
les Versaillais on massacré
pour le moins cent mille hommes.
Et ces cent mille assassinats
voyez c’ que ça rapporte
Tout ça n’empêch’ pas Nicolas, ecc.//

On a bien fusillé Varlin
Flourens Duval Millière
Ferré Rigault , Tony-Moilin
gavé le cimitière
On croyait couper les bras
et lui vider l’aorte
Tout ça n’empêch’ pas Nicolas
qu’la Commune n’est pas morte.

Ils ont faits acte de bandits,
comptant sur le silence,
ach’vés les blessés dans leurs lits,
dans leurs lits d’ambulance.
El le sang inondant les draps
ruisselait sous la porte.
Tout ça n’empêch’ pas Nicolas, ecc

Les journalistes policiers,
marchands de calomnies,
on répandu sur nos char¬niers
leurs flots d’ignominies.
Les Maxim ’ Ducamp les Dumas
ont vomi leur eau-forte.
Tout ça n’empêch’ pas Nicolas, ecc

C’est la hache de Damoclès,
qui plane sul leurs têtes.
A l’enterr’ ment de Vallès,
ils en étaient tout bêtes.
Fait est qu’on était fier un tas
a lui servir d’escort!
C’qui vous prouve en tout cas, Nicolas
qu’la Commune n’est pas morte

Bref, tout ça prouve aux combattants
qu’ Marianne a la peau brune,
du chien dans l’ ventre et qu’ il est temps
d’ crier: vive la Commune!
Et ça prouve a tous les Judas
qu’ si ça marche de la sorte.
Il sentiront dans peu, nom de Dieu
qu’la Commune n’est pas morte


El me gatt
Della Mea -Ed. Bella Ciao-Ala bianca

A l’han trovàa distes in mezz a i orti
i oeucc a eren ross e un poo sversàa
me piasaria savè chi l’è quel ostia
che al me gatt la panscia al g’ha sbusàa
L’era insci bell, inscì simpatich
negher e bianch, propri on belèe
se ciapi quel che l’ha copàa
mi a pesciàa ghe s’ceppi ‘l de drèe
I amis m’han dit « L’è stada la Ninetta
quella cont la gambetta sifolina
l’emm vista in mezz a i orti ier matina
che la lumava ‘l gatt coon on cortel”
L’è malmostosa, de bruta cera,
e l’ha g’ha on nas svisser e gross
vedella in gir fa propri pena
e tucc i fioeu ghe dann adoss.
Incoeu a l’l’hoo spetada in via savona
dopo mezzdì, quand lee la torna a cà
ghe sont rivàa adrèe a la barbona
e su la gamba giusta giò legnàa.
Hoo sentù on crach de ossa rott
l’è andada in terra come on fagott
lee la vosava “Oi mamma mia”
me sont stremìi, sont scapàa via.
Stasera voo a dormì al riformatori
in quel di Filangeri al numer duu
m’han dàa del teddy-boy, del brutt demoni
mi sont convint istess d’avegh reson.
Se g’hoo de divv, o brava gent
de la Ninetta me frega nient
l’è la giustissia che me fa tort
Ninetta è viva, ma il gatt l’è mort.


El me murus

El me murus el stà de là del Sère
l’è picinin ma ‘l gh’à le gambe bele
l’è picinin ma ‘l gh’à le alte ‘us
el puse bel del mund l’è ‘l me murus
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà
E mi stanot g’ò fat d’un sogno matto
sugnai che ‘l me murus al me stringeva ‘l braccio
e me g’ò fat per daga d’un basin
mi g’ò basà la fodra dal cusin.
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà
El me murus l’è bel e po l’è bel
el gh’à du rissulit sòta al capel
al gh’à du rissulit d’una caviada
se lu l’è bel e me so inemurada.
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà
El me murus el m’à mandà una riga
al m’à mandat a di che me so nigra
e me g’ò riscuntrà d’una rigassa
se me so nigra lu l’è de la rassa.
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà
El me murus al m’à mandà una lètera
al m’à mandat a dì che me son puarèta
e me g’ò riscuntrà le so richesse
lu ‘l porta la giachèta a punc e pesse.
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà
El me murus la m’à mandà una nus
al m’à mandat a dì che lu l’è spus
e me g’ò riscuntrà d’una nisola
se lu l’è spus e me g’ò già una fiola.
iaralalla laralalalla
laralalalla laralalà


El poer Luisin

Un dì per sta cuntrada pasava un bel fiö
e un masulin de ros l’ha trà in sül mè pugiö
E per tri mes de fila e squasi tüti i dì
el pasegiava semper dumà per vedèm mi
Vegnü el cinquantanöv, che guera desperada!
e mi per ‘sta cuntrada l’hu pü vedü a pasà
Un dì, piuveva, vers sira, s’ciupavi del magun,
quand m’è rivà ‘na lètera cul bord de cundiziun
Scriveva la surela del pover Luisin
che l’era mort in guera de fianc al Castelin
Hin già pasà tri an, l’è mort, el vedi pü
epür stu pover cör l’è chi ancamò per lü.
<

Emigrato su in Germania
Gianni Nebbiosi)

Emigrato su in Germania, sento il cuore che mi smania,
sento estranee cose e gente e alla fine anche la mente.

E finito in ospedale per ‘sta malattia mentale,
ci ho trovato con stupore un che parla da signore.

E racconta certi fatti di romanzi e di ritratti,
di poeti e di persone di cui non conosce il nome.

Io gli parlo di cantieri e dei miei troppi mestieri,
di sudore e di fatica, cose che non le sa mica

Ma ci stiamo ad ascoltare e ci sembra di imparare,
il perchè siam stati esclusi, il perchè ci hanno rinchiusi

E così l’altra mattina quando han fatto la “strozzina”
e picchiato a più non posso un che s’è pisciato addosso,

noi ci siam guardati in viso e poi dopo all’improvviso
non più servi nè stranieri fummo addosso agli infermieri+


Felice Cavallotti
Rielab E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Povero Cavallotti
che nome avevi Felice:
fine così infelice
non ti dovea seguir – non ti dovea seguir.

Dal deputato Macola
un colpo nella gola
troncò la sua parola
e tosto egli spirò – e tosto egli spirò.

Così preziosa vita
per caso iniquo e fello
si spense in un duello
che non dovea seguir – che non dovea seguir.

Piangi, deh piangi, o popolo,
colui che t’amò tanto:
ti sia verace il pianto
di chi ti rispettò – di chi ti rispettò.

Ti rispettò il politico,
il dotto e lo scienziato
e sempre venerato
dal popol che amò – dal popol che amò.

E’ morto Cavallotti,
l’illustre letterato,
l’onesto deputato,
docile e onesto fu – docile e onesto fu.

Piangi, deh piangi, Italia,
su quella tomba santa
e le vittorie canta
del grande che morì – del grande che morì.


Festa d’Aprile o Grande festa d’aprile
Sergio Liberovici

E’ già da qualche tempo che i nostri fascisti
si fan vedere poco e sempre più tristi
Hanno capito forse se non son proprio tonti
che sta per arrivare la resa dei conti.
Forza ch’è giunta l’ora, infuria la battaglia
per conquistar la pace, per liberar l’Italia.
Scendiamo giù dei monti a colpi di fucile
evviva i partigiani, è festa d’aprile.
In queste settimane miei cari tedeschi
maturano le nespole persino sui peschi,
l’amato Duce e il Führer ci davano per morti,
ma noi partigiani siam sempre risorti.
Forza ch’è giunta l’ora, infuria la battaglia…
Nera camicia nera, che noi t’abbiam lavata,
non sei di marca buona, ti sei ritirata.
Si sa la moda cambia quasi ogni mese,
ora per i fascisti si addice il borghese.
Forza ch’è giunta l’ora, infuria la battaglia…
Quando un repubblichino omaggia un germano
alza la mano destra al saluto romano,
ma se per caso incontra noi altri partigiani
per salutarci alza entrambe le mani.
Forza ch’è giunta l’ora, infuria la battaglia…


Figli della plebe
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O figli oppressi di plebe in catena,
tanta ingiustizia dovrà ben finir.
Se la tua vita è calvario di pena,
anziché schiavo, più fiero è il morir.
Gli eroi borghesi, superbi ed avari
Che tanto spregian l’Umanità
Saran dispersi da noi libertari
All’alto grido di libertà
Vessillo ner, non più soffrir
Lo sfruttamento è dannato a perir
Popolo in piè,
per l’Ideal,
al grido di Rivoluzion Social.
vendetta ognor dobbiam voler,
solo l’union la potrà ottenere.
Vessillo ner trionferà…
Il vil borghese morrà, morrà!
Se in petto un cuore all’unisono batte
Per questa causa d’amor, di ben:
se con ardore, con fé si combatte
della vittoria la palma otterrem.
O proletario, la vil borghesia
Dovrai sfidare con dignità:
dovrai de’ ricchi troncar l’albagia
la lor malvagia stupidità.
Vessillo ner non più soffrir…


Figli dell’officina
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Figli dell’officina
o figli della terra
già l’ora s’avvicina
della più giusta guerra.
La guerra proletaria
guerra senza frontiere
innalzeremo al vento
bandiere rosse e nere.
Avanti siam ribelli
fieri vendicator
d’un mondo di fratelli
di pace e di lavor.
Dai monti e dalle valli
giù giù scendiamo in fretta
pure le man dai calli
noi la farem vendetta.
Del popolo gli Arditi
noi siamo i fior più puri,
fiori non appassiti
al lezzo dei tuguri.
Avanti siam ribelli
fieri vendicator
d’un mondo di fratelli
di pace e di lavor.
Noi salutiam la morte
bella vendicatrice
noi schiuderem le porte
a un’era più felice.
Ai morti ci stringiamo
e senza impallidire
per l’anarchia pugnamo
o vincere o morire.
Avanti siam ribelli
fieri vendicator
d’un mondo di fratelli
di pace e di lavor.


Figli di nessuno
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Noi siam nati chissà dove e chissà quando
allevati dalla pubblica carità.
Senza padre, senza madre, senza un nome
e noi viviam come gli uccelli in libertà.
Figli di nessuno
per i boschi noi viviam:
ci disprezza ognuno
perché laceri noi siam,
ma se c’è qualcuno
che ci sappia ben guidar e ben guidar
figli di nessuno
anche il digiuno saprem lottar.
Noi viviam tra i boschi
e sulle alte cime
e dagli aquilotti
ci facciamo comandar,
ma il nemico nostro
ai confini scaccerem e scaccerem
e l’Italia bella
noi la saprem, noi la sapremo liberar.
Figli di nessuno
per i monti noi viviam
ci disprezza ognuno
perché laceri noi siam
ma se c’è qualcuno
che ci sappia ben guidar e ben guidar
figli di nessuno
anche il digiuno saprem lottar.


Fimmene fimmene

Fimmene fimmene ca sciati allu tabbaccu
La ditta no bu tae li tiraletti
La ditta no bu tae le tiraletti
Ci ti l’ha ditta cu chianti lu tabbaccu
Lu sole è forte e te lu secca tuttu
Lu sole è forte e te lu secca tuttu
Ci ti l’ha ditta cu chianti lu salluccu,
vene lu duca e te lu pigghia tuttu
vene lu duca e te lu pigghia tuttu
Ci ti l’ha ditta cu chianti zaguvina
Poi vene la finanza e te rruvina
Poi vene la finanza e te rruvina.

A Calimera si canta un verso poco conosciuto nelle altre zone del Salento
Fimmene fimmene ca sciati allu tabbaccu
ndi sciati toi e ndi turnati quattru
ndi sciati toi e ndi turnati quattru

Fischia il vento
Cascione

Fischia il vento, infuria la bufera,
scarpe rotte eppur bisogna andar
a conquistare la rossa primavera
dove sorge il sol dell’avvenir.
Ogni contrada è patria del ribelle,
ogni donna a lui dona un sospir,
nella notte lo guidano le stelle,
forte il cuore e il braccio nel colpir.
Se ci coglie la crudele morte
dura vendetta verrà dal partigian,
ormai sicura è già la dura sorte
del fascista vile e traditor.
Cessa il vento, calma è la bufera,
torna a casa il fiero partigian
sventolando la rossa sua bandiera.
vittoriosi alfin liberi siam.


Fogli volanti
Sandra Boninelli

Fogli volanti di vecchie canzoni,
dolci ricordi passati e perduti,
vi ho riscoperti per caso stasera,
vi ho ritrovati e non vi lascio più.

Quante figure consumano il tempo
dentro le righe di anonimi scritti,
cresce la vita sotto gli ulivi,
parla la gente di libertà.

Mani callose tremanti e infantili,
hanno sbiadito le vostre parole,
il cantastorie comincia a narrare,
accorre la gente ad ascoltar.

Fan capannelli nella gran piazza,
son tutti attenti e non batton ciglio,
leggono insieme i fogli volanti,
volano i canti sulla città.

Volano insieme i vecchi rancori,
le tristi storie di gente sfruttata,
gli attimi nati insieme all’amore,
con il dolore di non più tornar.

La nostra terra legata ai ricordi,
spaccata in tanti frammenti di vita,
mio padre suda dentro alla terra,
mia madre piange per non parlar.

E passa il tempo sopra la gente,
mutan le piazze, cambian le idee,
ma pur qualcosa deve restare,
nessuno ancora può dimenticar!

Son troppi i morti che ci hanno lasciato,
troppe le lacrime che abbiam versato,
tante canzoni in loro memoria
dentro alle piazze abbiam fatto la storia!
Tante canzoni in loro memoria,
dentro alle piazze abbiam fatto la storia!

 


Foglie
Rielab. E.Cuppone

Foglie portate dal vento che incominciate a cader,
nei cuori un po’ di sgomento voi ci infondete davver.
Triste sappiamo è l’inverno
che ancor più triste sarà
se dure come l’inferno saran
le pene di noi partigian.
Foglie tremule restate su,
se ci cadete, ahimè triste è la gioventù.
Sole, luci, ci voglion qui,
ma se la neve ci copre noi mesti pensiamo alle nostre città.
Autunno dimmelo ancora che presto noi scenderem,
presso la nostra dimora, quei vili noi scaccerem.
Triste sappiamo è l’inverno
che ancor più triste sarà,
se in Allemagna i tedeschi non van
scacciati da noi partigian.
Foglie tremule restate su,
sino a quando ognor scende la gioventù.
Per stroncare quella viltà
che tra tedeschi e fascisti da vili egoisti consumano già.
Per stroncare quella viltà
che tra tedeschi e fascisti da vili egoisti consumano già.


Fra il ‘19 fra l’anno ‘20
sull’aria di “Donna, Donna”

Fra il Diciannove, fra l’anno Venti
gran cambiamenti gloriosi si dan:
con l’elezioni, con le comunali,
scaccià i clericali, l’agrario e il pipi.

Via e via
la borghesia l’agrario e il pipì;
via e via
fa i conti con Lenin

Affittuari rimasti a mezzadri
vi è morto l’agrario e sta male il pipì;
fan compassione soltanto a vederli
quei poveri merli che in gabbia restar.

Via e via
la borghesia l’agrario e il pipì;
via e via
fa i conti con Lenin.

Siam comunisti artisti e valenti
intelligenti e per lavorar,
per minoranza c’è un qualche pipì
ma poverino più forza non ha.

Basta e basta
massacratori dell’umanità
basta e basta
Lenin vi pagherà.

Maledizione la guerra e il cannone
la munizione che uso vi dà;
o santo giusto verrà quell’ora
chi non lavora non deve mangiar.

Basta e basta
massacratori dell’umanità
basta e basta
Lenin vi pagherà.

Le guardie regie figura più brutta
l’è carne venduta che uccide ogni dì:
rubare e ammazzare, pipì e clericali
le cose bestiali non è santità.

Basta e basta
massacratori dell’umanità
basta e basta
Lenin vi pagherà.


Fuoco e mitragliatrici
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Non ne parliamo di questa guerra
che sarà lunga un’eternità,
per conquistare un palmo di terra
quanti fratelli son morti di già.
Fuoco e mitragliatrici
Si sente il cannone che spara
Per conquistar la trincea
Savoia si va.
Trincea di raggi maledizioni
Quanti fratelli son morti lassù,
finirà dunque ‘sta flagellazione
di questa guerra non se ne parli più.
O monte San Michele
Bagnato di sangue italiano
Tentato più volte ma invano
Gorizia pigliar.
Da Monte Nero a Monte Cappuccio
Fino all’altura di Doberdò
Un reggimento più volte distrutto
Alfine indietro nessuno tornò.
Fuoco e mitragliatrici
Si sente il cannone che spara
Per conquistar la trincea
Savoia si va.


Gh’era òn pader che aveva set figlie
Rielab. Sandra Boninelli

Gh’era òn pader che aveva sèt figlie
e de set al n’à maridàt gi’òna,
e per dota ‘l gh’à dat la cariola
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al n’à maridàt doi,
e per dota ‘l gh’à dat i fasòi
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al n’à maridàt trei
e per dota ‘l gh’à dat i sopei*
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al n’à maridàt quàter,
e per dota ‘l gh’à dat i dàter
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al n’à maridàt sìcc,
e per dota ‘l gh’à dat i ficc
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al n’à maridàt sès,
e per dota ‘l gh’à dat i vers
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.
Gh’era òn pader che aveva set figlie
e de set al già maridàt tote,
e per dota ‘l gh’à dat i sòche
e l’è trop e l’è trop e l’è trop.

Traduzione:C’era un padre che aveva sette figlie e di sette ne ha maritata una, e per dote le ha dato la carriola, ma è troppo, è troppo, è troppo……e di sette ne ha maritate due e per dote le ha dato i fagioli, ma è troppo…e di sette ne ha maritate tre e per dote le ha dato i zoccoli (sopei), ma è troppo…e di sette ne ha maritate quattro e per dote le ha dato i datteri, ma è troppo…e di sette ne ha maritate cinque e per dote le ha dato i fichi, ma è troppo…e di sette ne ha maritate sei e per dote le ha dato le verze, ma è troppo…e di sette le ha maritate tutte e per dote le ha dato le zucche (sòche), ma è troppo…
Canto numerativo ed ironico sulla dote che si dà alle nubili quando convolano a nozze.
Informatori Letizia e Maria Cretti, Fulgenzia Amighett, registrata i a Ceratello (Costa Volpino) l’11 marzo 1979.
Da “Sotto il ponte passa l’acqua” pag. 30 una pubblicazione di Marino Anesa e Mario Rondi -Ed. Provincia di Bergamo 1989


Già allo sguardo
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Già allo sguardo
già allo sguardo mi apparve la terra
fra gli albori di un sole nascente
Nel vederla
nel vederla il mio cuore si serra
nel mio petto mi balza fremente
Tra le nebbie
lontane lontane
già discorgo del porto i fanali
non più lungi il suolo toscano
che fu patria di tanti immortali.

Perché mai
perché mai da te sto lontano
fui esiliato, qual colpa commisi,
perché mai,
perché mai sì potente la mano
mi strappò dai più dolci sorrisi.
Tra il lavoro e l’amore sognavo
di vederlo un popol redento
nel mio petto l’amore albergavo
non dell’odio il terribil tormento.

Dell’amore
dell’amore la colpa espiai
e dall’isola infame ritorno
ma la fede
ma la fede che ho sempre nel cuore
la riservo in un triste soggiorno.
Fra un istante avrò il piede posato
nella terra ove nacqui ed amai
e ove il duolo e la gioia provai
dove tante memorie lasciai

Potrò alfine
potrò alfine restringere al seno
la mia sposa e i miei figli adorati
ma l’amplesso
ma l’amplesso più puro e sereno
gioirò tra questi esseri amati
ma per sempre la fede e il cuore
serberò per chi soffre e chi geme
ma l’ideale di pace e d’amore
sarà sempre la sola mia speme.


Giglio bel giglioRielab. Caterina Bueno

Iersera posi un giglio alla finestra
iersera il posi e stamane gli è nato.

Andai per affacciarmi alla finestra
con le sue fronde mi copriva il capo.

Giglio, mio giglio, quanto sei cresciuto!
ricordati del ben che t’ho voluto.

Giglio, mio giglio, quanto sei crescente,
ricordati del ben ch’io ti vo’ sempre.

E cinquecento catenelle d’oro
hanno legato il tuo cuore al mio.

E l’hanno fatto tanto stretto i’ nodo
che non si scioglierà nè te e nè io..

Ed hanno fatto un nodo tanto forte
che non si scioglierà fino alla morte.


Giuriam, Giuriam!
sull’aria dell’Inno di Mameli

Noi siamo da secoli calpesti e derisi,
perché noi siam pecore, perché siam divisi,
ma il giorno si appressa, faremo l’unione
allora padrone ci avrai da pensar.
Giuriam, Giuriam, padron non ne vogliam!
vogliamo la pace, la scienza e il lavoro,
la grande famiglia dell’umanità;
non più vagabondi che sfruttan con l’oro
la razza dei ladri dispersa sarà.

Vogliam che la terra sia patria di tutti
che chi la lavora raccolga i suoi frutti;
non più dei signori, ci ha sempre sfruttati,
ci han sempre rubati i nostri sudor.
Giuriam, giuriam, padron non ne vogliam!


Gli ingranaggi
G. Marini-G. Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Mama mia cara mama il peggio non è morto
ma io non mi ricordo d’aver mai così penà
Tre anni di galera o viver d’animali
è meglio della pena che dentro mi son trovà
Avevo sedici anni che sono stato assunto
ero un derelitto e m’hanno sistemà
In poco m’hanno fatto tutta una vita nuova
sono un qualificato come che chi ha studià
Io mi sentivo un altro dritto per la mia strada
‘na macchina moderna ‘sta fabbrica m’ha formà
un sogno ad occhi aperti che adesso mi si scola
e già mi secca in gola quel poco che ho gustà
Ho scioperato anch’io erano i miei diritti
erano i miei interessi m’han detto che ho sbaglià
Che io non ho diritti e che non sei tu mia madre
la fabbrica m’ha fatto il padrone mi ha creà
Prima non ero un uomo ora sono una vite
se sciopero mi fermo mi devono cambiar
siamo degli ingranaggi pagati a poco prezzo
che con questo ricatto si possono buttar
Spremuti come schiavi servi del suo sistema
se vieni licenziato non trovi da lavorar.


Gli scariolanti
Rielab. Esposito- Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

A mezzanotte in punto
si sente un gran rumor
sono gli scariolanti
llerì llerà
che vanno a lavorar
Volta, rivolta
e torna a rivoltar
sono gli scariolanti
llerillerà
che vanno a lavorar
Gli scariolanti belli
son tutti ingannator
hanno ingannà la bionda
llerì llerà
con un bacin d’amor
Volta, rivolta
e torna a rivoltar
sono gli scariolanti
llerillerà
che tornan dal lavor.


Gli sfruttati
(di Franco Rusnati)
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

L’autunno caldo ormai se n’è andato
e molti frutti a noi ha lasciato.
Quell’unità da tempo cercata
è il dono di una lotta consumata:
or gli sfruttati, giorno per giorno,
meditan, studian quei che sta attorno.
Lottano in fabbrica e in ogni rione.
Ci siamo tutti, tutti contro il padrone!
Gli sfruttati son scesi in battaglia
cambierà il corso della sua storia,
tutti uniti siam forza e ricchezza
e i padroni noi non li vogliam.
Della Breda noi siamo i coglioni,
che tra polvere, fumo e rumori
siam sfruttati dai nostri padroni
or giustizia noi vogliamo far.
Operai della Breda di Sesto,
la salute è la cosa più bella,
non ti far rovinare anche quella
per la faccia del tuo padron.
Operai della Breda di Sesto
fai suonar la campana a martello,
chiama tu gli operai all’appello
in battaglia bisogna tornar.
Operai tutti insiem scioperiamo
contro chi ci vuol male e ci sfrutta,
contro chi di noi tutti si infischia
intascandosi tanti milion.
Operai della Breda di Sesto
fai suonar la campana a martello,
chiama tu gli operai all’appello,
in battaglia bisogna tornar.


Grano Grano

Grano grano non carbonchiare!
Io ti vengo a illuminare
È l’utima sera d’i carnevale
Tanto a i’ piano che a i’ poggio
Ogni spiga ne faccia un moggio
Ogni spiga ne faccia uno staio
Anche pe’ qu’i’ ladro d’i’ mugnaio


Guantanamera
Canzone popolare cubana

Re Sol La Re Sol La
Yo soy un ombre sincero de donde crece la palma
Re Sol La Re Sol La
y antes de morirme quiero echar mis versos del alma
Sol La Re La
Guantanamera guajira Guantanamera
Re Sol La Re Sol La
Guantanamera guajira Guantanamera.

Mi verso es de un verde claro y de un carmin encendido.
Mi verso es un ciervo herido que busca en el monte amparo

Guantanamera, guajira…

Cultivo una rosa blanca en julio como en enero
para el amigo sincero que me da su mano franca

Guantanamera, guajira…

Y para el cruel que me arranca el corazon con que vivo,
cardo mi ortiga cultivo cultivo la rosa blanca.

Guantanamera, guajira…

Yo so de un pesar profundo entre las penas sin nombres,
la esclavitud de los hombres es la gran pena del mundo.

Guantanamera, guajira…


Ho sentito sparà ‘l cannone
Rielab. Vaninetti

Ho sentito sparà ‘l cannone,
ho sentito tremà la terra,
o moglie mia io vado in guerra
chissà quando ritornerò.
E se per caso io non tornassi,
moglie mia l’avrai capito,
cercati pure ‘n’altro marito
per allevare i figli miei.
I figli tuoi son già ‘levati
lor vanno in giro pel Montenero,
lor vanno in giro pel Montenero
a vendicare il suo papà.
Maledisco porto di Bari
e la cinquina che ci ha sbarcati,
in Albania destinati
sempre soli a guerreggiar.
Maledisco la Croce Rossa
che non faceva il suo servizio,
lasciava i morti nella fossa
e i feriti a sospirar.
Maledisco la Val di Osta
coi suoi monti così alti,
coi suoi sentieri stretti stretti
pien di sangue di soldà


I ne g’ha messo de la Todt
Rielab. E. Cuppone

I ne g’ha messo de la Todt
Tuti noi de la “legera”
Co’ la pala e col picon
De matina fin la sera.
E la sera, za se sa,
I i ne da’ quel fià de boba,
do patate e tre fasoi:
tuta quela xe la roba.


I romagnoli

Noi siam poveri romagnoli
ma siam tutti d’un sentimento:
moriremo di fame e stento,
ma vogliamo l’emancipazio.

O borghesi prepotenti
è finita la cuccagna
i plebei della Romagna
sono stanchi di soffrir.

Sono stanchi di soffrire
e ben presto lo mostreranno.
quando l’armi impugneranno
e giustizia si faran.

O borghesi prepotenti
è finita la cuccagna
i plebei della Romagna
sono stanchi di soffrir.

Avanti, avanti o giovanotti,
la bandiera rossa è spiegata:
e quando l’ora sia suonata
combattiamo come un sol uom

O borghesi prepotenti
è finita la cuccagna
i plebei della Romagna
sono stanchi di soffrir.


I treni per Reggio Calabria
Giovanna Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Andavano col treno giù nel meridione
per fare una grande manifestazione
il 22 di ottobre del ’72.
In curva il treno che pareva un balcone
quei balconi con la coperta per la processione
il treno era coperto di bandiere rosse,
slogans, cartelli e scritte a mano.
Da Roma Ostiense mille e duecento operai
vecchi, giovani e donne,
con i bastoni e le bandiere arrotolati
portati tutti a mazzo sulòle spalle.
Il treno parte e pare un incrociatore
tutti cantano Bandiera Rossa.
Dopo venti minuti che siamo in cammino
si ferma e non vuole più partire;
si parla di una bomba sulla ferrovia,
il treno torna alla stazione,
tutti corrono coi megafoni in mano,
richiamano: “Andiamo via Cassino.
Compagni da qui a Reggio è tutto un campo minato,
chi vuole si rimetta in cammino”

Dopo un’ora quel treno che pareva un balcone
ha ripreso la sua processione.
Anche a Cassino la linea è saltata,
siamo tutti attaccati al finestrino.
Roma Ostiense, Cisterna, Roma Termini, Cassino
e adesso siamo a Roma Tiburtino.
Il treno di Bologna è saltato a Piverno,
è una notte, una notte d’inferno.
I feriti tutti sono ripartiti
caricati sopra un altro treno.
Funzionari, responsabili, sindacalisti,
sdraiati sulle reti dei bagagli
per scrutare meglio la massicciata
si sono tutti addormentati;
dormono, dormono profondamente
sopra le bombe non sentono più niente:
l’importante adesso è di essere partiti
mentre i giovani hanno gli occhi spalancati,
vanno in giro tutti eccitati
mentre i vecchi sono stremati.
Dormono, dormono profondamente
sopra le bombe non sentono più niente.
Famiglie intere a tre generazioni
sono venute tutte insieme da Torino,
vanno dai parenti, fanno una dimostrazione.
Dal treno non è sceso nessuno.
La vecchia e la figlia alle rifiniture,
il marito alla verniciature,
la figlia della figlia alle tappezzerie
stanno in viaggio armai da più di venti ore
aspettano seduti sereni e contenti
sopra le bombe non gliene importa niente:
aspettano che è tutta una vita
che stanno ad aspettare,
per un certificato mattinate intere,
anni e anni per due soldi di pensione.
Erano venti treni più forti del tritolo,
guardare quelle facce bastava solo
con la notte le stelle e con la luna
i binari stanno luccicanti
mai guardati con tanta attenzione
e camminato sulle traversine,
mai individuata una regione
dai sassi della massicciata
dalle chine di erba sulla vallata,
dai buchi che fanno entrare il mare.
Piano piano, a passo d’uomo,
pareva che il treno si facesse portare
tirato per le briglie come un cavallo,
tirato dal suo padrone.
A Napoli la galleria illuminata
bassa e sfasciata con la fermata.
Il treno che pare un balcone.
Qualcuno vuol salire, attenzione,
non fate salire nessuno,
può essere una provocazione.
Si sporgono coi megafoni in mano
e un piede sullo scalino
e gridano, gridano quello che hanno in mente.
Sono comizi, la gente sente,
Ora passa la notte e con la luce
la ferrovia è tutta popolata,
contadini e pastori che l’hanno sorvegliata
col gregge sparpagliato.
La Calabria ci passa sotto i piedi, ci passa.
Dal tetto di una casa una signora grassa
fa le corna e alza una mano.
Un gruppo di bambini
ci guardano passare
e fanno il saluto romano.

Ormai siamo a Reggio e la stazione
è tutta nera di gente.
“Domani chiuso tutto in segno di lutto
ha detto Ciccio Franco a sbarre.
E alla mattina c’era la paura
e il corteo non riusciva a partire,
ma gli operai di Reggio sono andati in testa
e il corteo si è mosso improvvisamente,
è partito a punta come un grosso serpente
con la testa corazzata.
I cartelli schierati lateralmente
l’avevano tutto fasciato.
Volavano sassi e provocazioni
ma nessuno s’è neppure voltato.
Gli operai dell’Emilia Romagna
guardavano con occhi stupiti.
I metalmeccanici di Torino e Milano
puntavano avanti tenendosi per mano.
Le voci rompevano il silenzio
e nelle pause si sentiva il mare
e il silenzio di quelli fermi
che stavano a guardare.
E ogni tanto dalle vie laterali
si vedevano i sassi volare.
E alla sera Reggio era trasformata.
Pareva una giornata di mercato.
Quanti abbracci e quanta commozione
“Il Nord è arrivato nel Meridione”
E alla sera Reggio era trasformata.
Pareva una giornata di mercato.
Quanti abbracci e quanta commozione
Gli operai hanno dato una dimostrazione


Ignoranti senza scuole
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Ignoranti, senza scuole, calpestati dai padron,
eravam la plebe della terra, in risaia come in una prigion.
Ci dicevan: “Questa vita la dovrete sempre far.
I padroni ci son sempre stati e per sempre ci dovran restar.
Ma un bel giorno abbiam risposto: “Siete i servi dei signor.”
Se lottiamo avremo più giustizia nella pace la gloria del lavor.
Ma i nemici hanno armi di menzogna e corruzion:
han giornali il cinema e la radio che difendono i profitti dei padron.
Ma “Noi donne” è un gran faro che c’illumina il cammin,
per noi donne è arma di progresso, è la voce di tutte noi mondin.


Inno del Primo Maggio
sull’aria di Funiculì Funiculà

Le plebi sotto il giogo del borghese languendo stan
(languendo stan)
Da fame e stenti e da pellagra offese morendo van
(morendo van)
Ma delle smorte plebi, unite a un patto, il dì verrà
(il dì verrà)
Ma il dì solenne e grande del riscatto presto verrà
(presto verrà)
Su compagni liberi sorgiam
Su compagni su la fronte alziam
Già splende il sol dell’avvenir
Già splende il sol dell’avvenir
Di pace e libertà glorioso il sol risplenderà

Ci succhian senza posa quei signori sangue e sudor
(sangue e sudor)
Chi più non ha nè sangue nè sudori non fa per lor
(non fa per lor)
Ma delle smorte plebi, unite a un patto, il dì verrà
(il dì verrà)
Ma il dì solenne e grande del riscatto presto verrà
(presto verrà)
Su compagni liberi sorgiam
Su compagni su la fronte alziam
Già splende il sol dell’avvenir
Già splende il sol dell’avvenir
Di pace e libertà glorioso il sol risplenderà


Inno del sangue (Il feroce monarchico Bava)
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Alle grida strazianti e dolenti
di una folla che pan domandava
il feroce monarchico Bava
gli affamati col piombo sfamò.
Furon mille i caduti innocenti
sotto il fuoco degli armati caini
e al furor dei soldati assassini
«Morte ai vili!» la plebe gridò.
Deh non rider sabauda marmaglia
se il fucile ha domato i ribelli,
se i fratelli hanno ucciso i fratelli
sul tuo capo quel sangue cadrà.
La panciuta caterva dei ladri
dopo avervi ogni bene usurpato
la lor sete han di sangue saziato
in quel giorno nefasto e feral.
Su piangete mestissime madri
quando scura discende la sera
per i figli gettati in galera
per gli uccisi dal piombo fatal.

 


Il bosco degli alberi
Rielab. Santi Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Nel bosco degli alberi una bella figlia c’è
e nessuno mai sapevano di andarla a ritrovar.

Lui si vestì di gioia e poi dopo se ne andò
là nel bosco degli alberi a cercar la carità.

La carità o signora questo povero pellegrin
che nel farga l’elemosina e lü el g’ha ciapà la man.

O mama la mè mama guarda là chel brüt vilan
che nel farga l’elemosina e lü el g’ha ciapà la man.

“S’el g’ha ciapà la mano e te lassegla pür ciapà,
sarà forse la tua fortuna che Iddio gli ha mandà.

La mama su la porta, ol papà l’è sul balcun
stan veder la Giuseppina che l’è in mèso al battagliun.
Stan veder la Giuseppina che l’è in mèso al battagliun


Il brigadier tre stelle
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Mamma, il brigadier tre stelle
s’è messo in testa di mandarmi via.
S’è messo in testa di mandarmi all’isola,
all’isola crudel Pantelleria.
Pantelleria scoglio,
scoglio di dolore,
dove son nato io voglio morire.

Mamma tu che sei un angelo
scongiura il brigadier a mani giunte
non metterò più piede su quel ponte
dove m’hai dato l’arte d’orfanello.
Ahi mamma mia
ahi mamma mia
ecco la regia marina mi porta via.

Mamma i muri cantano
cantano tutti per la stessa fiamma
o quanta gioventù che s’arrivinano
e non conosce ancor amor di mamma.
Ahi mamma che tu tieni
‘sto core allegro
non sai che hai un figlio ch’è carcerato.


Il canto dei coatti
Rielab. S. Liberovici Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Addio compagni addio, sorelle, spose, madri
la società dei ladri
ci ha fatto relegar sepolti in riva al mar.

Siamo coatti e baldi, per l’isola partiamo
e non ci vergogniamo
perché questo soffrir è sacro all’avvenir.

Ma la sublime idea che il nostro cor sorregge
sfida la infame legge
che ai cari ci strappò e qui ci incatenò.

A viso aperto i diritti al popolo insegnammo
e a liberar pugnammo
da tanta iniquità l’oppressa umanità.

Sognammo una felice famiglia di fratelli
perciò fummo ribelli
contro ogni sfruttator, contro ogni oppressor.

Vedemmo l’alba immensa delle speranze umane,
lottammo per il pane
e per la libertà contro ogni autorità.

Vi giunga o plebi ignare da questa fossa infame
del freddo e della fame
sdegnoso incitator quest’inno del dolor.

O borghesia crudele, tu non ci fai paura:
la società futura
per la tua gran viltà, te pur condannerà.

Ma voi lavoratori, voi poveri sfruttati
per questi relegati
rei di bandire il ver, avrete un pio pensier.

Addio dolente Italia, d’illustri ladri ostello,
di tresche ree bordello,
stretti alla nostra fè, oggi partiam da te.

Ma un dì ritorneremo più fieri ed implacati,
finchè rivendicati
non sieno i diritti ancor d’ogni lavorator.

Straziate o sgherri vili le carni e i corpi nostri,
ma sotto i colpi vostri
il cor non piegherà, l’idea non morrà.


Il canto dei deportati (Die Moorsoldaten)
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Fosco è il cielo sul lividore
di paludi senza fin.
Tutto intorno è già morto e muore
per dar “gloria” agli aguzzin
Sul suolo desolato
con ritmo disperato
zappiam.
Una rete spinosa serra
il deserto in cui moriam.
Non un fiore su questa terra,
non un trillo in cielo udiam!
Sul suolo desolato…
Botte, grida lamenti e pianti…
sentinelle notte e dì,
suon di passi, di mitra e schianti.
E’ la morte a chi fuggì.
Sul suolo desolato…
Pure un giorno la sospirata
primavera tornerà.
Dai tormenti la desiata
libertà rifiorirà.
Dai campi del dolore
rinascerà la vita
doman!


Il canto dei Lavoratori
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Su fratelli, su compagne,
su venite in fitta schiera
sulla libera bandiera
splende il sol dell’avvenir
Nelle pene, nell’insulto
ci stringemmo in mutuo patto;
la gran causa del riscatto
niun di noi vorrà tradir.
Il riscatto del lavoro
de’ suoi figli opra sarà
o vivremo del lavoro
o pugnando si morrà.
O vivremo del lavoro
O pugnando, pugnando si morrà
Noi vivremo del lavoro
O pugnando si morrà
La risaia, la miniera
ci han fiaccati ad ogni stento
come bruti d’un armento
siam sfruttati dai signor.
I signor per cui pugnammo
ci han rubato il nostro pane;
ci han promesso una dimane,
la diman s’aspetta ancor.
Il riscatto del lavoro…
L’esecrato capitale
nelle macchine ci schiaccia;
l’altrui solco queste braccia
son dannate a fecondar.
Lo strumento del lavoro
nelle mani dei redenti
spenga gli odi e fra le genti
chiami il dritto a trionfar.
Il riscatto del lavoro…
Se divisi siam canaglia
stretti in fascio siam potenti;
sono il nerbo delle genti
quei che han braccio e quei che han cor.
Ogni cosa è sudor nostro;
noi disfar, rifar possiamo;
la consegna sia “Sorgiamo!”
Troppo lungo fu il dolor.
Il riscatto del lavoro…
Maledetto chi gavazza
nelle ebbrezze e nei festini,
fin che i giorni un uom trascini
senza pene e senza amor!
Maledetto chi non geme
dello scempio dei fratelli,
chi di pace ne favelli
sotto il piè dell’oppressor!
Il riscatto del lavoro…
I confini scellerati
cancelliam dagli emisferi;
i nemici, gli stranieri
non son lunge, ma son qui.
Guerra al regno della guerra!
Morte al regno della morte!
Contro il dritto del più forte:
forza, amici, è giunto il dì!
Il riscatto del lavoro…
O sorelle di fatica
o consorti negli affanni,
che ai negrieri, che ai tiranni
deste il sangue e la beltà:
agli imbelli, ai proni al giogo
mai non splenda il vostro riso;
un esercito diviso
la vittoria non corrà.
Il riscatto del lavoro…
Se uguaglianza non è frode,
fratellanza un’ironìa,
se pugnar non fu follìa
per la santa libertà,
su fratelli, su compagne!
Tutti i poveri son servi;
cogli ignavi e coi protervi
il transigere è viltà!
Il riscatto del lavoro…


Il canto dei malfattori
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Ai gridi ed ai lamenti di noi plebe tradita,
la lega dei potenti si scosse impaurita
e prenci e magistrati gridaron coi signori
che siam degli arrabbiati, dei rudi malfattori.
Folli non siam, nè tristi, nè bruti, nè birbanti,
ma siam degli anarchisti pel bene militanti.
Al giusto al ver mirando strugger cerchiam gli errori,
perciò ci han messo al bando col dirci malfattori.
Deh t’affretta a sorgere o sol dell’avvenir,
vivere vogliam liberi, non vogliam più servir.
Noi del lavor siam figli e col lavor concordi,
sfuggir vogliam gli artigli dei vil padroni ingordi
che il pane han trafugato a noi lavoratori
e poscia han proclamato che siam dei malfattori.
Natura comun madre a niun nega i suoi frutti
e caste ingorde e ladre ruban quel ch’è di tutti.
Che in comun si viva, si goda e si lavori,
tal’è l’aspettativa che abbiam noi malfattori.
Deh t’affretta a sorgere o sol dell’avvenir,
vivere vogliam liberi, non vogliam più servir.
Chi sparge l’impostura avvolto in nera veste,
chi nega la natura sfuggiam come la peste:
sprezziam gli dei del cielo e i falsi lor cultori,
del ver squarciamo il velo, perciò siam malfattori.
Amor ritiene uniti gli affetti naturali
e non domanda riti, nè lacci coniugali.
Noi dai profan mercati distor vogliam gli amori
e sindaci e curati ci chiaman malfattori.
Divise hanno con frodi città, popoli e terre;
da ciò gli ingiusti odi che generan le guerre.
Noi che seguendo il vero gridiamo a tutti i cori
che patria è il mondo intero, ci chiaman malfattori.
Leggi dannose e grame, di frode alti stromenti,
secondan sol le brame dei ricchi prepotenti.
Dan pene a chi lavora, onor a sfruttatori,
conferman poscia ancora che siam dei malfattori.
Deh t’affretta a sorgere o sol dell’avvenir,
vivere vogliam liberi, non vogliam più servir.
La chiesa e lo stato, l’ingorda borghesia,
contendono al creato di libertà la via.
Ma presto i dì verranno che papa, re e signori
coi birri lor cadranno per man dei malfattori.
Allor vedremo sorgere il sol dell’avvenir,
in pace potrem vivere, in libertà gioir


Il canto dell’operaia

Vita più misera, vita men gaia,
no, no, non trovasi dell’operaia.
Pieni di triboli, irti d’affanni
insopportabili passano gli anni.
Dalla canicola sotto l’ardore
i campi mietere al buon signore
A furia fendere di sudor molle
col grave vomere le dure zolle.
Dalle voragini nel suol scavate
in fondo ai vortici de l’onde irate
Tesori strappansi, gemme e milioni
per gli insaziabili nostri padroni.
E sull’incudine piegar la schiena
slombarsi al mantice, affannar lena.
E sino il fegato sopra un banchetto
guastarsi, ahi misero, rompersi il petto.
Eppure i teneri miei pargoletti
il pane accattano da fame astretti
E sui giallognoli visi sparuti
i segni portano, segni temuti
degl’implacabili tanti tormenti
ch’ognora affannano i lor parenti,
e del tirannico giogo opprimente
la vil spregevole turba paziente
Vita più misera, vita men gaia
no, no, non trovasi dell’operaia.


Il cielo è una coperta ricamata
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il cielo è una coperta ricamata,
la luna con le stelle fanno la spia.
Io son venuto a far la serenata
con la chitarra per mia compagnia.
Mentre tu dormi, bellezza mia
Non so che sia, ma sento un non so che.
Sarà la smania di averti accanto,
amore santo, non farmi più penar
Tu stavi riposando sul tuo letto
con i capelli sciolti sul cuscino,
ed io ti accarezzavo pian pianino
e ti dicevo “Amore, amor diletto”
Mentre tu dormi….

 


Il crack delle banche
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

S’affondano le mani nelle casse – crack!
S’afferrano sacchetti pieni d’oro – crack!
E per governare come fare ?
Rubar, rubar, rubar, sempre rubare !
I nostri governator
Son tutti malfattor,
Ci rubano tutto quanto per farci da tutor.
Noi siam tre
Celebri ladron
Che per aver rubato ci han fatto senator.
Mazzini , Garibaldi e Masaniello – crack!
Erano tutti quanti malfattori – crack!
Gli onesti sono loro i Cuciniello,
Pelloux, Giolitti, Crispi e Lazzaroni.
I nostri governator
Son tutti malfattor,
Ci rubano tutto quanto per farci da tutor.
Noi siam tre
Ladri tutti e tre
Che per aver rubato ci han fatto cugini del Re.
Se rubi una pagnotta a un cascherino* – crack!
Te ne vai dritto in cella senza onore – crack!
Se rubi in vece qualche milioncino
Ti senti nominar commendatore.
I nostri governator
Son tutti malfattor,
Ci rubano tutto quanto per farci da tutor.
Noi siam tre
Celebri ladron
Che per aver rubato ci han fatto senator.
* cascherino= è in romanesco il garzone del fornaio che porta il pane a casa


Il galeone
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Siamo la ciurma anemica d’una galera infame
su cui ratta la morte miete per lenta fame.
Mai orizzonti limpidi schiude la nostra aurora
e sulla tolda squallida urla la scolta ognora.
I nostri dì s’involano tra fetide carene,
siam magri, smunti, schiavi, stretti in ferro catene.
Sorge sul mar la luna, ruotan le stelle in cielo,
ma sulle nostre luci steso è un funereo velo.
Torme di schiavi adusti chini a gemer sul remo,
spezziam queste catene o chini a remar morremo.
Cos’è gementi schiavi questo remar, remare?
meglio morir tra i flutti nel biancheggiar del mare.
Remiam finchè la nave si schianti sui frangenti,
alte le rossonere fra il sibilar dei venti.
E sia pietosa coltrice l’onda spumosa e ria,
ma sorga un dì sui martiri il sol dell’anarchia.
Su schiavi all’armi, all’armi! l’onda gorgoglia e sale,
tuoni baleni e fulmini sul galeon fatale.
Su schiavi all’armi, all’armi! pugnam col braccio forte!
Giuriam, giuriam giustizia o libertà o morte!
Nessun nocchiero ardito sfida dei venti l’ira?
pur sulla nave muda* l’etere ognun sospira.
Falci del messidoro, spighe ondeggianti al vento
voi siete i nostri labari nell’epico cimento.

*Muda è il termine con il quale venivano designate nel Medioevo le carovane navali periodicamente organizzate dalle Repubbliche Marinare italiane. In particolar modo a Venezia le mude erano organizzate dallo Stato e si distinguevano dalle imprese mercantili completamente private per il fatto di essere guidate da comandanti della Repubblica e di rappresentarne ufficialmente gli interessi nei mercati levantini. Le mude prendevano il nome dalle principali regioni nelle quali operavano (Muda di Siria, Muda d’Egitto, etc.) e il termine stesso (muda, cioè muta) traeva spunto dalla loro periodicità (gli arrivi e le partenze avvenivano in determinati periodi dell’anno), simile a quella degli uccelli migratori. Tali viaggi, nati nel XIII secolo, furono via via regolarizzati nel corso del Trecento, divenendo di voga nel Quattrocento per terminare nella prima metà del Cinquecento.


Il numero 58

Io ho tirato il numero, numero 58
povero giovinotto, mi tocca fa’ ‘l soldà
Io ho tirato il numero, numero 130
cara morosa, pensa, mi tocca fa’ ‘l soldà
Mi tocca fa’ ‘l soldato, o l’assassin di strada la prima canonada la mi ferisce il cuor
La mi ferisce il cuore, la mi ferisce in vita
oh mamma son tradita, tradita nell’amor
O caporal maggiore, prepara la pagnotta
se fa’ ‘l soldà mi tocca, pagnotta mangerò


Il parroco di Cinaglio
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E il parroco di Cinaglio (sul paiun)
l’ha predicato in chiesa (sul paiun)
attente ragazzine (sul paiun)
che il partigian vi frega
Sul paiun de la caserma requiem aeternam e così sia
Va a ramengo ti, to pari, to mari e to zia
E la Muti in compagnia
Sul paiun, sul paiun, sul paiun de la caserma
E una delle più belle (sul paiun)
Gli ha dato una risposta (sul paiun)
Se il partigian ci frega (sul paiun)
L’è tuta roba nostra
Sul paiun de la caserma requiem aeternam e così sia
Va a ramengo ti, to pari, to mari e to zia
E la Muti in compagnia
Sul paiun, sul paiun, sul paiun de la caserma
E una delle più brutte (sul paiun)
Ha scritto sopra i muri (sul paiun)
Se il partigian ci frega (sul paiun)
Saranno cazzi duri.
Sul paiun de la caserma requiem aeternam e così sia
Va a ramengo ti, to pari, to mari e to zia
E la Muti in compagnia
Sul paiun, sul paiun, sul paiun de la caserma


Il canto della foresta o (La colonia Cecilia )
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

L’eco dalle foreste,
dalle città insorte al nostro grido.
Or di vendetta sì, ora di morte,
liberiamoci dal nemico.
All’erta compagni dall’animo forte
a noi non ci turbino il dolore e la morte.
All’erta compagni, faremo l’unione
evviva evviva la rivoluzione.

Ti lascio Italia, terra di ladri,
coi miei compagni vado in esilio
e tutti uniti a lavorare
e formeremo una colonia social.
E tu borghese ne paghi il fio
tutto precipita: re, patria e dio,
e l’Anarchia, forte e gloriosa
e vittoriosa trionferà.

la nostra causa
e noi godremo dei diritti sociali;
saremo liberi, saremo uguali,
la nostra idea trionferà.


Il canto della prigione

Quando muore triste il giorno e ne l’ombra è la prigione,
de’ reietti e de’ perduti intuoniamo la canzon
La canzone maledetta che ne’ fieri petti rugge,
affocata da la rabbia che c’infiamma e che ci strugge.
La canzon che di bestemmie e di lacrime è contesta;
la canzone disperata de l’uman dolore è questa.
Noi nascemmo e fanciullini per il pane abbiam lottato,
senza gioia di sorrisi sotto un tetto sconsolato.
Noi soffrimmo e niun ci volse un conforto, o porse aita,
niuno il cor ci ritemprava a le pugne de la vita.
Noi cademmo e giù sospinti rotolammo per la china,
supplicammo, e de li sdegni ci travolse la ruina.
Or, crucciosi e senza speme, qui da tutti abbandonati,
maledetti abbiamo l’ora ed il giorno in cui siam nati.
Ma su voi, che luce e pane a noi miseri negaste
e, caduti sotto il peso de la croce, c’insultaste.
Sovra voi di questo canto che ne l’aura morta trema,
come strale di vendetta, si rovescia l’anatema.


Il perseghino anche “Il muratore”

Oi mamma la mia mamma il muratore
La fabbrica il pugioeu per far l’amore
La fabbrica il pugioeu che ‘l guarda in piassa
Per vedere l’amor mio ma quando el passa.

Oi mamma la mia mamma vu sì bella
Vu sii la rosa e mi son la ramella.
Vu sii la rosa che compagna il fiore
E mi son la ramella ma dell’amore

Stanotte il mio giardin l’è stato aperto
Le rose più gentil son sta’ rubate.
Ma se sapessi che l’è sta’ il mio amore
Ci donerei la rosa che l’è un bel fiore
Ma se sapessi che l’è sta’ il mio amante
Ci donerei le rose e poi le piante.

In fondo al mio giardin c’è un perseghino,
e su quel perseghin c’è un uccellino.
El g’ha la penna d’ora in su la cua
Chi g’ha la donna bella l’è minga sua.
El g’ha la penna d’ora in su la s’cena
Chi g’ha la donna bella l’è minga insema.


Il testamento dell’avvelenato
Rielab. Santi-Straniero Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

“Dove si’ sta’ ier sira, figliol mio caro fiorito e gentil?
Dove si’ sta’ ier sira?”

“Sun sta’ dalla mia dama, signora mama, mio core sta mal,
sun sta’ dalla mia dama, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cosa v’hallo dà da cena, figliol mio caro fiorito e gentil?
Cosa v’hallo dà da cena?

“Un’inguelletta arrosto, signora mama, mio core sta mal,
un’inguilletta arrosto, ohimè ch’io moro, ohimè”

“L’avì mangiada tüta, figliol mio caro fiorito e gentil?
l’avì mangiada tüta?”

“No n’ho mangià che mezza, signora mama, mio core sta mal,
no n’ho mangià che mezza, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cos’havì fa’ dell’altra mezza, figliol mio caro fiorito e gentil?
cos’havì fa’ dell’altra mezza?”

“L’ho dada alla cagnola, signora mama, mio core sta mal,
l’ho dada alla cagnola, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cos’havì fa’ de la cagnola, figliol mio caro fiorito e gentil?
cos’havì fa’ de la cagnola?”

“L’è morta dre’ la strada, signora mama, mio core sta mal,
l’è morta dre’ la strada, ohimè ch’io moro, ohimè”

“La v’ha giüst dà el veleno, figliol mio caro fiorito e gentil
la v’ha giüst dà el veleno!”

“Mandè a ciamà el nodaro, signora mama, mio core sta mal,
mandè a ciamà el nodaro, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cosa lassè alla vostra mama, figliol mio caro fiorito e gentil?
cosa lassè alla vostra mama?”

“Ghe lasso il mio palasso, signora mama, mio core sta mal,
ghe lasso il mio palasso, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cosa lassè ai vostri fratelli, figliol mio caro fiorito e gentil?
cosa lassè ai vostri fratelli?”

“Carrozze coi cavalli, signora mama, mio core sta mal,
carrozze coi cavalli, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cosa lassè alli vostri servi, figliol mio caro fiorito e gentil?
cosa lassè alli vostri servi?”

“La strada da andà a messa, signora mama, mio core sta mal,
La strada da andà a messa, ohimè ch’io moro, ohimè”

“Cosa lassè alla vostra dama, figliol mio caro fiorito e gentil?
cosa lassè alla vostra dama?”

“La forca da impiccarla, signora mama, mio core sta mal,
la forca da impiccarla, ohimè ch’io moro, ohimè”


Il tragico affondamento del bastimento «Sirio»
Rielab. Virgilio Savona

E da Genova il «Sirio» partivano
per l’America varcare…varcare il confin.

E da bordo cantar si sentivano
tutti allegri del suo…del suo destin.

Urtò il «Sirio» un orribile scoglio
di tanta gente la mise…la misera fin.

Padri e madri bracciava i suoi figli
e si sparivano fra le onde…fra le onde del mar.

E fra loro un vescovo c’era
dando a tutti la sua be…la sua benedizion.
E fra loro – lerì
un vescovo c’era – lerà
dando a tutti – lerì
la sua benedizion.


Il valzer dei disertori
Rielab. E. Cuppone

Fuoco e mitragliatrice senti il cannone che tuona
per conquistar la trincea Savoia si va.
Tuona cannone tuona, tuona sugli altipiani
e noi da bravi italiani dobbiamo avanzar
Voi altri disertori forse l’avrete capita
prima che guerra è finita dovete morir


Il vestito di Rossini
Paolo Pietrangeli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

“Come ti chiami?” “Ve l’ho già detto!”
“Ripeti ancora, non ho capito”
“Sono Rossini, iscritto al Partito
sor commissario mi conoscete”
“Confessa allora, tu l’hai colpito
non mi costringere a farti del male
tu sai benissimo, conosco dei mezzi
che anche le tombe fanno parlare”
“Sor commissario, i vostri mezzi
sono tre ore che li sopporto
e se volete vedermi morto
continuate pure così”.
Aveva solo un vestito da festa
se lo metteva alle grandi occasioni
a lui gli dissero “Domani ai padroni
gliela faremo, faremo pagar”
E l’indomani quand’era già l’alba
aprì l’armadio e il vestito si mise
guardò lo specchio, la faccia sorrise
guardò lo specchio e si disse di sì.
Andò alla fabbrica ed erano in mille
tutti gridavano l’odio e il furore
forse Giovanna il vestito vedeva
in quella folla, fra tanto colore.
“Ti han visto tutti, tu sei finito,
c’è anche del sangue sul tuo vestito
quei cinque uomini che sono morti
sulla coscienza li hai anche tu”.
“ Sor commissario, voi lo sapete
quali che sono i veri assassini
quelli al servizio degli aguzzini
che questa vita ci fanno fare.
E questo sangue che ho sul vestito
è solo il sangie degli innocenti
che protestavano perchè fra i denti
solo ingiustizia hanno ingoiato”
Aveva solo un vestito da festa
se lo metteva alle grandi occasioni
a lui gli dissero “Domani ai padroni
gliela faremo, faremo pagar”
Ma l’hanno visto con un sasso in mano
che difendeva un ragazzo già morto
ma quel che conta è che a uno di loro
un sampietrino la testa sfasciò.
Ed ha scontato vent’anni in prigione
perchè un gendarme s’è rotto la testa.
Ormai Giovanna ha tre figli, è in pensione
chissà se ha visto il vestito da festa.
Ormai Giovanna ha tre figli, è in pensione
chissà se ha visto il vestito da festa.


In del Trisold
Rielab E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

In del Trisold, in via Buchétt
semm in sédes, dersétt.
tücc del fascio del partì
tücc insèmm e riunì

Se ‘l padrun con la sua lista,
se il padrun con la sua lista
ne farà girà i battista
ne farà girà i battista

Sachernùn semm socialista
rangiarèmm i cünt un dì
sachernùn semm socialista
rangiarèmm i cünt un dì


Il bersagliere ha cento penne
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il bersagliere ha cento penne e l’alpino ne ha una sola
il partigiano ne ha nessuna e sta sui monti a guerreggiar.
Là sui monti vien giù la neve, la bufera dell’inverno
ma se venisse anche l’inferno il partigian riman lassù.
Quando viene la notte scura, tutti dormono alla pieve,
ma camminando sopra la neve il partigian scende in azion
Quando poi ferito cade, non piangetelo dentro al cuore,
perché se libero un uomo muore che cosa importa di morir.


Inno dei lavoratori del mare

Lavoratori del mar s’intoni
l’inno che il mare con noi cantò
da che fatiche stenti e cicloni
la nostra errante vita affrontò.
quando con baci d’oro ai velieri
l’ultimo raggio di sol morì
e giù tra i gorghi de’ flutti neri
qualcun dei nostri cadde e sparì.
Su canta o mare
l’opra e gli eroi
tempeste e calme
gioia e dolor.
o mare canta
canta con noi
l’inno di sdegno
l’inno d’amor.

Canto d’aurore di rabbie atroci
sogni e singhiozzi del marinar
raccogli e irradia tutte le voci
che il nembo porta da mare a mar.
E soffia dentro le vele forti
che al sole sciolse la nostra fe’
e chiama e chiama da tutti i porti
tutta la gente che al mar si die’.
Su canta o mare…

Solo una voce da sponda a sponda
sollevi al patto di redenzion
quanti sudando solcano l’onda
per questa al pane sacra tenzon.
Mentre marosi gonfi di frode
e irose attardan forze il cammin
noi dalla nave scorgiam le prode
dove le genti van col destin
Su canta o mare…

Già da ogni prora che il corso affretta
la evocatrice diana squillò
e a l’alba il grido della vendetta
la verde terra già salutò.
Terra ideale dell’alleanza
tra menti e braccia, giustizia e cor
salute o porto della speranza
che invoca il mesto navigator.
Su canta o mare…

Noi sugli abissi tra le nazioni
di fratellanza ponti gettiam
coi nostri corpi su dai pennoni
dell’uomo i nuovi diritti dettiam.
Ciò che dai mille muscoli spreme
con torchi immani la civiltà
portiam pel mondo gettando il seme
che un dì per tutti germoglierà.
Su canta o mare…


Inno dei pezzenti (La marsigliese del lavoro)
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Noi siamo i poveri siamo i pezzenti
la sporca plebe di questa età
la schiera innumere dei sofferenti
per cui la vita gioie non ha.
nel crudo inverno la nostra prole
per lunga inedia languir vediam
solo pei ricchi risplende il sole
mentr’essi esultano noi fame abbiam.
Pur natura a tutti uguali
diè diritti sulla terra
noi facciamo aspra guerra
ai ladroni, agli oppressor.
Non sia pace fra i mortali
finchè un uom sovr’altro imperi:
i nemici a noi più fieri
sono i nostri sfruttator.

Triste spettacolo le nostre donne,
per noi primizie non han d’amor,
ancora impuberi, sciolte le gonne
si danno in braccia di lor signor.
Son nostre figlie le prostitute
che muoion tisiche negli ospedal,
le disgraziate si son vendute
per una cena, per un grembial.

Pur natura…..

Di patria al nome talor sospinti
contro altri popoli noi si pugnò,
ma vincitori fossimo o vinti
la nostra sorte mai non cangiò.
Tedesco od italo se v’ha padrone
il sangue nostro deve succhiar,
la patria libera è un’irrisione
se ancora il bastio ci fan portar.

Pur natura…

Nelle officine sui monti e piani
giù nelle mine sudiam sudiam,
ma delle nostre fatiche immani
il frutto intero non raccogliam.
Poi fatti vecchi veniam rinchiusi
dentro i ricoveri di carità
e sul berretto di noi reclusi
bollano i ricchi la lor pietà.

Pur natura…

Ah se sperate non è follia
nella giustizia dell’avvenir,
del privilegio di tirannia
il turpe regno dovrà finir.
Le nostre lagrime, gli stenti, l’onte,
le gravi ambascie finir dovran,
noi già leviamo balda la fronte
per salutare l’astro lontan.

Pur natura…

Inno dei socialisti anarchici

Siamo i figli del lavoro
che lottiamo per il pan
e i superbi eroi dell’oro
supplicammo ognora invan.
Ma ci siamo alfin levati
dal servaggio secolar
e a riscossa abbiam chiamati
gli operai dai campi al mar

Abbasso le frontiere!
Su in alto le bandiere,
salutiam l’umanità!
Sorgiam contr’ogni tirannia
e combattiamo la borghesia!
Pugnam, pugnam, pugnam
per l’Anarchia!

Operai di tutto il mondo
Che il sudor vostro abbellì.
Innalziam l’inno giocondo
salutante i nuovi dì
Ed il mondo a voi rubato
noi saprem rivendicar
ed al popolo sfruttato
lo potremo ridonar

Abbasso le frontiere…

Oh di audaci schiera forte
disfidanti ogni furor,
cavalieri della morte,
cavalieri del dolor
Noi frememmo la mattina
che sapeste il capo offrir
a la vile ghigliottina
e lo spirito all’avvenir.

Abbasso le frontiere…

La camorra parassita
trema e l’armi affila già
e alla plebe urlante aita
come cibo il piombo da’
Ma noi siam la forza e il diritto,
la miseria e l’ideal,
vinceremo il gran conflitto
per il popolo immortal

Abbasso le frontiere…

Tuoni un grido e dei fratelli
scuota il lungo sonnecchiar
e la schiera dei ribelli
faccia il dritto trionfar
Su moviamo ai forti amori
di un’idea che irradia il ver
sopra noi lavoratori
e del braccio e del pensier

Abbasso le frontiere…

Su fratelli in alto i cuori
pronti all’ultima tenzon!
Muovan gli odi ed i dolori
all’umana redenzion!
Oh dei miseri speranza,
santa e cara libertà
nel gran dì dell’uguaglianza
il tuo sole splenderà

Abbasso le frontiere…

Inno del Fronte di Liberazione del Vietnam

Liberiamo il sud Vietnam
Non ha paura questo sud
uniti noi combatterem,
Da sempre siamo oppressi e torturati
pieni d’odio noi combatterem
contro quel bastardo di yankee che
la morte portò nel sud
in questa terra
che poi divise
qui dove i monti e i fiumi gridano
Liberiamo il sud Vietnam

Non ha paura questo sud
uniti noi combatterem,
la vile armata non passerà
la fermerà il fucil
e l’alba che sorge sopra di noi
vedrà già libero il Vietnam


Inno dell’Internazionale
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Su leviamo alta la fronte o curvati dal lavor;
già sul culmine del monte splende il sol dell’avvenir
Splende il sol dell’avvenir.
I superbi eroi dell’oro, i pastori d’ogni greggia,
o nel tempio o nella reggia fan quell’stro impallidir

Pace pace ai tuguri del povero
guerra guerra ai palagi e alle chiese
non sia scampo all’odiato borghese
che alla fame e agli stracci insultò.

I vigliacchi ci han rubato il sudor dei nostri padri
Le sorelle ci ha styuprato, ogni gioia ci rapir
Ogni gioia ci rapir.
Ma un sol grido “Morte ai ladri”, sia dal campo all’officina
non più leggi di rapina, non più l’onta del servir.

Pace pace ai tuguri del povero…

Sotto il vel di patrio amore gittan l’odia tra fratelli,
ma dovunque è un oppressore, c’è un fratel che oppresso sta.
c’è un fratel che oppresso sta!
Nostro è il mondo e ai d’ novelli sacro un patto ormai ci si adduce
e quel patto è vita e luce, fratellanza e libertà.

Pace pace ai tuguri del povero…

O giustizia o o nostra speme, il tuo regno affretta, affretta,
E’ da secoli che geme la percossa umanità
la percossa umanità
Ma nel dì della vendetta, che vicina, il cor ne addita
come belva inferocita da ogni lato ruggirà

Pace pace ai tuguri del povero

note:Parole di Stanislao Alberici Giannini sull’aria dell’inno di Rouget de l’Isle (La marsigliese). Il testo si trova nel n° 10 del giornale “L’Anarchia bollettino del movimento sociale” ed è fatto rilasile all’estate del 1874 o al più tardi 1875. E’ ripubblicato in numerosi canzonieri, anonimo e col titolo “Inno della Pace”


Inno della rivolta
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Nel fosco fin del secolo morente
sull’orizzonte cupo e desolato
già spunta l’alba minacciosamente
del dì fatato.

Urlan l’odio, la fame ed il dolore
da mille e mille facce ischeletrite
e urla col suo schianto redentore
la dinamite.

Siam pronti e dal selciato d’ogni via
spettri macabri del momento estremo
sul labbro il nome santo d’Anarchia
insorgeremo.

Per le vittime tutte invendicate
là nel fragor dell’epico rimbombo
compenseremo sulle barricate
piombo con piombo.

E noi cadremo in un fulgor di gloria
schiudendo all’avvenir novella via
dal sangue spunterà la nova istoria
de l’Anarchia.


Inno di Mameli

Do Sol Do
Fratelli d’Italia l’Italia s’è desta
Sol Do
Dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa
Mi7 la- sol do sol
Dov’è la vittoria, le porga la chioma
Do sol do
Che schiava di Roma Iddio la creò
Rataplan, rataplan
Fa
Fratelli d’Italia l’Italia s’è desta
Do7
Dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa

Dov’è la vittoria, le porga la chioma
fa
Che schiava di Roma Iddio la creò
Re- la7
Stringiamoci a corte siam pronti alla morte
Re- la
Siam pronti alla morte l’Italia chiamò.
Fa sol-
Stringiamoci a corte siam pronti alla morte
Fa do7 fa
Siam pronti alla morte l’Italia chiamò. SI

Noi siamo da secoli calpesti, derisi,
perché non siam popolo, perché siam divisi.                                                                         Raccolgaci un’unica bandiera, una speme:
di fonderci insieme già l’ora suonò.
Stringiamci a coorte siam pronti alla morte
l’Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci, l’Unione, e l’amore
Rivelano ai Popoli le vie del Signore;
Giuriamo far libero Il suolo natìo:
Uniti per Dio chi vincer ci può?
Stringiamci a coorte siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.

Dall’Alpi a Sicilia dovunque è Legnano,
ogn’uom di Ferrucci ha il core, ha la mano,
I bimbi d’Italia si chiaman Balilla,
il suon d’ogni squilla i Vespri suonò.
Stringiamci a coorte siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.

Son giunchi che piegano le spade vendute:
già l’Aquila d’Austria le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia, ll sangue Polacco,
bevé, col cosacco, ma il cor le bruciò.
Stringiamci a coorte siam pronti alla morte
L’Italia chiamò


Inno individualista
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Pria di morir sul fango della via
imiteremo Pini e Ravachol;
chi stende a te la mano, o borghesia,
è un uomo indegno di guardare il sol.
Le macchine stridenti
dilaniano i pezzenti
e pallide e piangenti stan le spose ognor.
Restano i campi incolti
e i minator sepolti
e gli operai travolti da omicidi ognor.
E a chi non soccombe
si schiudan le tombe
s’apprestin le bombe
s’affili il pugnal – è l’azion l’ideal!

Francia all’erta sulla ghigliottina
tronca il capo a chi punir la vuol;
Spagna vil garrotta ed assassina
fucila Italia chi tremar non suol.
In America impiccati,
in Africa sgozzati,
in Spagna torturati a Montjuich ognor.
Ma la razza trista
del signor teppista
l’individualista sa colpire ancor.
E a chi non soccombe, ecc.

Finchè siam gregge è giusto che vi sia
cricca social per leggi decretar;
finchè non splende il sol dell’Anarchia
vedremo sempre il popol trucidar.
Sbirri inorridite
se la dinamite
voi scrosciare udite contro l’oppressor.
Abbiamo contro tutti
sbirri e farabutti
e uno contro tutti noi li sperderem.
E a chi non soccombe, ecc.


Io ero Sandokan
Trovaioli-Scola Ed West Musicali

Marciavamo con l’animo in spalla
nelle tenebre lassù
ma la lotta per la nostra libertà
il cammino ci illuminerà

Non sapevo qual’era il tuo nome
neanche il mio potevo dir
il tuo nome di battaglia era Pinin
e io ero Sandokan.

Eravam tutti pronti a morire,
ma della morte noi mai parlavam,
parlavamo del futuro,
se il destino ci allontana
ma il ricordo di quei giorni
sempre uniti ci terrà.

Mi ricordo che poi venne l’alba
e poi qualche cosa di colpo cambiò
Il domani era venuto
e la notte era passata
c’era il sole su nel cielo
sorto nella libertà


Io parto per l’America
Rielab. V. Savona Ed Musicali Eliseo

Io parto per l’America, parto col bastimento,
io parto e son contento di non vederti più (2 volte)
Quando sarò in America, sposo un’americana
La bella ittaliana la lascio in abbandon (2 volte)
O donne sei volubile, o donna senza cuore
Tu mi giurasti amore con grande falsità (2 volte)
(Versione femminile)
Io parto per l’America, sposo un americano
addio bell’italiano non ci vedrem mai più (2 volte)
Quando sarò a Genova, parto col bastimento
parto col cuor contento di non vederti più (2 volte)
L’anel che tu mi hai dato, lo metto sotto i piedi,
vigliacco se non credi te la farò veder (2 volte)
Te la farò vedere, te la farò sentire
Io ti farò morire dalla soddisfazion ( 2 volte)
(Assieme)
Dalla soddisfazione morir non mi rincresce,
farem come fa il pesce noi moriremo insiem
farem come fa il pesce noi moriremo insiem.


Io so che un giorno
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Io so che un giorno verrà da me
un uomo bianco vestito di bianco
e mi dirà “Mio caro amico tu sei stanco”
e la sua mano con un sorriso mi darà.
Mi porterà tra bianche case
di bianche mura, in bianchi cieli,
mi vestirà di tela greggia dura e bianca
e avrò una stanza, un letto bianco anche per me.
Vedrò il giorno e tanta gente
anche ragazzi di bianco vestiti,
mi parleranno dei loro sogni
come se fosse la realtà.
Li guarderò con occhi calmi
e dirò loro di libertà;
verrà quell’uomo con tanti altri forti e bianchi
e al mio letto stretto con cinghie mi legherà.

“La libertà – dirò- è un fatto,
voi mi legate, ma essa resiste”
Sorrideranno “Mio caro amico tu sei matto,
la libertà, la libertà più non esiste.
Io riderò, il mondo è bello
tutto ha un prezzo, anche il cervello.
“Vendilo amico, con la tua libertà
e un posto avrai in questa società”

Viva la vita pagate a rate
con la seicento, la lavatrice,
viva il sistema, che rende uguali e fa felice
chi ha il potere e chi invece non ce l’ha.


Io son, io son                                                                                                                      Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Io son, io son, e la luna e ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, sono i santi tre Re Magi e la luna e ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, sono i quattro Evangelisti,
sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, i cinq piaghe del Signur,
sono i quattro Evangelisti, sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, ses gai che canta in Galilea,
i cinq piaghe del Signur, sono i quattro Evangelisti,
sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, set a le grazie de la Madona,
ses gai che canta in Galilea, i cinq piaghe del Signur,
sono i quattro Evangelisti, sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son io son, sono gli otto corpi santi,
set a le grazie de la Madona, ses gai che canta in Galilea,
i cinq piaghe del Signur, sono i quattro Evangelisti,
sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, sono i nove porton di Roma,
sono gli otto corpi santi, set a le grazie de la Madona,
ses gai che canta in Galilea, i cinq piaghe del Signur, sono i quattro Evangelisti,
sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.

Io son, io son, sono i dieci comandamenti,
sono i nove porton di Roma, sono gli otto corpi santi,
set a le grazie de la Madona, ses gai che canta in Galilea,
i cinq piaghe del Signur, sono i quattro Evangelisti,
sono i santi tre Re Magi e la luna ‘l sol,
ma al prim ch’è venuto al mondo l’è il nostro car Signor.


Io ti voglio bene
(Paolo Pietrangeli)

E le note accompagnavano il cammino degli oppressi
quando c’era tanto tempo, era un vanto esser diversi.
Sulle tracce dei colpevoli dei delitti dei depressi,
era appena cominciata la ricerca di noi stessi.

Io ti voglio bene avanti avanti con te e senza di te
Io ti voglio bene avanti avanti con te e senza di te.

Quando il bar teneva al sole fuori tanti tavolini,
quando c’erano le sorba, quando c’erano i bambini.
quando il giorno non chiudeva nella sera in un imbuto,
quando non ti rinchiudevi tu, quando non chiedevi aiuto.

Io ti voglio bene avanti avanti con te e senza di te…

Quando non veniva in mente sono solo canzonette
quando ancora non vendevi per denaro due strofette.
Quando nelle tue parole c’era meno fantasia,
quando pure tra il nemico il pentito era una spia.

Io ti voglio bene avanti avanti con te e senza di te…

quando allegro, quando curvo, quando dritto e bastonato,
quando c’era finalmente la sconfitta del passato,
quando ancora non picchiavi con la testa contro il muro,
quando ancora non sentivi il rimpianto del futuro.

Io ti voglio bene avanti avanti con te e senza di te…


Italia bella mostrati gentile
Rielab. Caterina Bueno

Italia bella mostrati gentile
e i figli tuoi non li abbandonare,
sennò ne vanno tutti ni’ Brasile,
non si ricordan più di ritornare.
Ancor qua ci sarebbe da lavorar
senza sta’ in America a migra’
Il secolo presente qui ci lascia
il 1900 si avvicina,
la fame ci han dipinta sulla faccia
e per guarirla ‘un c’è la medicina.
Ogni po’ noi si sente dire :io vo
là dov’è la raccolta del caffè.
Non ci rimane più che preti e frati,
moniche di convento e cappuccini,
e certi commercianti disperati
di tasse non conoscono confini.
Verrà un dì che anche loro dovran partir
là dov’è la raccolta del caffè.


L’amarezza delle mondine
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quando saremo a Reggio Emilia
el mè murus el sarà in piassa
“Bella mia sei arrivata?
bella mia sei arrivata?”
Quando saremo a Reggio Emilia
el mè murus el sarà in piassa
“Bella mia sei arrivata?
Dimmi un po’ come la va?”

“Di salute la mi va bene,
le borsette quasi vuote
e di cuor siam malcontente
e di cuor siam malcontente”
“Di salute la mi va bene,
le borsette quasi vuote
e di cuor siam malcontente
d’aver tanto lavorà”

Quando saremo a Reggio Emilia
i creditur i v’gnarà incuntra:
“Mondaris, föra la bursa,
mondaris, föra la bursa”
Quando saremo a Reggio Emilia
i creditur i v’gnarà incuntra:
“Mondaris, föra la bursa,
ca vuruma a ves pagà”


L’amore el viene el va el gira il mondo
(Gualtiero Bertelli) Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

L’amore el viene el va el gira il mondo,
el passa el porto senza navigare,
el passa el porto senza andare a fondo,
l’amore el viene el va el gira il mondo.

E mi voria esser ‘na gran piera,
tegnirlo su di me da ogni sera,
e mi voria esser un gran peso,
tegnirlo su sto cor tuto sospeso.

Voria saver la pianta de l’amore
che tuto un campo ne semineria,
e tanta a cresser ghe ne gh’avaria,
de riempirne il fondo del mio cuore,
e tanta a cresser ghe ne gh’avaria
da riempirne el fondo del tuo cuore.


L’eccidio di Ancona
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il fatale 7 giugno proprio il dì dello Statuto,
degli onesti avean voluto, seriamente protestar.

Contro i capi e le feroci compagnie di disciplina,
ma il Prefetto alla mattina Malatesta fè arrestar.

Il comizio fu inibito ed allora a Villa Rossa
quella gente alquanto scossa dal rifiuto si adunò.

Tutti quanti gli oratori già d’accordo nel parlare,
stabiliron di iniziare una seria agitazion.

Nell’uscire i comizianti dai local tranquilli e buoni
fur purtroppo testimoni di una scena di terror.

Spinti, oppressi e circondati, assaliti qual canaglia
dello stato la sbirraglia contro il popolo sparò.

Fu per l’orrida tragedia che nel mondo non v’è uguali
tre compagni a noi più cari, morti caddero nel suol.

Maledetta la sbirraglia che ci ha immersi nel dolore,
lì per lì colpita al cuore tutta Italia protestò.

Ma non basta la protesta, non è nulla il nostro pianto,
per coloro che soffron tanto, che hanno perso i lor figliol.


L’internazionale
Degeyter-Bergeret

Compagni avanti! Gran partito noi siamo dei lavorator.
Rosso un fiore c’è in petto fiorito: una Fede c’è nata in cor!
Noi non siamo più nell’officina
entro terra, nei campi, in mar,
la plebe sempre all’opra china
senza ideale in cui sperar.
Su lottiam l’Ideale nostro alfine sarà
l’Internazionale futura Umanità.
Su lottiam l’Ideale nostro alfine sarà
l’Internazionale futura Umanità.

Un gran stendardo al sol fiammante, innanzi a nioi. Glorioso va.
Noi vogliam per esso, giù, infrante le catene alla Libertà.
Che Giustizia venga noi chiediamo:
non più servi, non più signor!
Fratelli tutti esser vogliamo
nella famiglia del Lavor
Su lottiam l’Ideale…

Lottiam, lottiam! la terra sia di tutti eguale proprietà:
più nessun nei campi dia l’opra ad altri che in ozio sta.
E la macchina sia alleata,
non nemica ai lavorator.
Così la vita rinnovata
all’uom darà pace ed amor!
Su lottiam l’Ideale…

Avanti, avanti! La vittoria è nostra e nostro l’avvenir!
Più civile e giusta sia la storia, un’altra era sta per aprir.
Largo a noi! All’alta battaglia
noi corriamo per l’Ideal.
Via largo, noi siam la canaglia
che lotta pel suo Germinal
Su lottiam l’Ideale…


L’ Internazionale
(testo di Franco Fortini)

Noi siamo gli ultimi del mondo – ma questo mondo non ci avrà
Noi lo distruggeremo a fondo – Spezzeremo la società.
Nelle fabbriche il Capitale – come macchine ci usò
Nelle sue scuole la morale – di chi comanda ci insegnò.
Questo pugno che sale – questo canto che va
è l’Internazionale un’altra umanità.
Questa lotta che uguale – l’uomo all’uomo farà
è l’Internazionale – fu vinta e vincerà.
Noi siamo gli ultimi di un tempo – che nel suo male sparirà.
qui l’avvenire è già presente – chi ha compagni non morirà.
Al profitto ed al suo volere – tutto l’uomo si tradì.
Ma la Comune avrà il potere – dov’era il NO faremo il SI.
Questo pugno che sale ecc.
E tra di noi divideremo – lavoro, amore, libertà.
e insieme ci riprenderemo – la parola e la verità.
Guarda in viso, tienili a memoria – chi ci uccise, chi mentì
Compagno, porta la tua storia – alla certezza che ci unì.
Questo pugno che sale ecc.
Noi non vogliamo sperar niente – il nostro sogno è la realtà
da continente a continente – questa terra ci basterà.
Classi e secoli ci hanno straziato – fra chi sfruttava e chi servì,
Compagno, esci dal passato – verso il compagno che ne uscì.
Questo pugno che sale ecc.


L’ora del fucile
(Pino Masi- Piero Nissim)

Tutto il mondo sta esplodendo dall’Angola alla Palestina,
l’America Latina sta combattendo, la lotta armata vince in Indocina.
In tutto il mondo i popoli acquistano coscienza
e nelle piazze scendono con la giusta violenza

E quindi
Cosa vuoi di più compagno per capire
che è suonata l’ora del fucile?

L’America dei Nixon, degli Agnew e Mac Namara
nelle giungle del Vietnam una lezione impara,
la civiltà dei napalm ai popoli non piace,
finchè ci son padroni non ci sarà mai pace.
La pace dei padroni fa comodo ai padroni,
la coesistenza è truffa per farci stare buoni e quindi…

Cosa vuoi di più compagno per capire
che è suonata l’ora del fucile?

In Spagna ed in Polonia gli operai
c’insegnan che la lotta non si è fermata mai
contro i padroni uniti, contro il capitalismo
anche se mascherato da un falso socialismo.
Gli operai polacchi che hanno scioperato
gridavano in corteo “Polizia ghestapo”.
gridavano “Gomulka, per te finisce male”
marciavano cantando 2L’Internazionale” e quindi…

Cosa vuoi di più compagno per capire
che è suonata l’ora del fucile?

Le masse anche in Europa non stanno più a guardare,
la lotta esplode ovunque e non si può fermare,
ovunque barricate da Burgos a Stettino
ed anche qui tra noi da Avola a Torino,
da Orgosolo a Marghera, da Battipaglia a Reggio
la lotta dura avanza, i padroni avran la peggio e quindi

Cosa vuoi di più compagno per capire
che è suonata l’ora del fucile?


L’orologio della Passione
(canto di questua per la Settimana Santa-
Cerqueto di Fano Adriano – Teramo (Abruzzo)

Preparati all’un’ora, quest’è l’ultima cena
e con faccia serena così Gesù parlò.

Disse sarò tradito, disse sarò negato
e Giuda disperato rispose io non sarò.

Alle tre i sacramenti istituisce allor
e a lor tutti contenti ‘l suo corpo dispensò.

Alle quattro si mosse con grande compassion
alle cinque nell’orto il buon Gesù andò.

Alle sei il Padre Eterno dal Re dei Cieli andò
alle sette nell’orto la turba lo menò.

Alle otto una guanciata al buon Gesù toccò,
alle nove schiaffeggiato allor Giuda si turbò.

Alle dieci carcerato il buon Gesù andò,
quando che fu accusato suonava l’undicior.

Alle dodici Pilato le mani si lavò,
alle tredici di bianco vestiro ‘l salvator.

Alle tredici di bianco vestiro ‘l salvator,
con una canna in mano per dargli più dolor.

Coronato di spine fu alle qundicior
dalle tempie divine il sangue suo versò.

Legato alla colonna fu alle sedicior
battuto e flagellato per Dio fu un gran dolor.

Alle diciassettore la penna sua adoprò,
per la brutta sentenza che al buon Gesù toccò.

I chiodi ed i martelli per lui di preparò,
in croce il Redentore all’or diciotto andò.

Alle diciannovore testamento donò
Gesù pieno d’amore Giovanni a sè chiamò.

Alle venti da bere chiedeva il Salvator,
gustando aceto e fiele solo per ‘l peccator.

Suonando le ventuno la testa sua chinò
quell’alma santa e pura all’Eterno Padre andò.

Alle ventidueore la lancia lo passò
con ferro e con parole la costola gli piagò.

Alle ventitreore di croce lo levò
Maria con gran dolore in braccio lo pigliò.

Alle ventiquattrore Gesù al sepolcro andò
solo per nostro amore e a tutti ci salvò.

Di sette giorni intanto Gesù risuscitò
con gloria festa e canto all’Eterno Padre andò.


L’uva fogarina

E come è bella l’uva fogarina
e come è bella saperla vendemmiar
e far l’amore con la mia ibella
e far l’amore in mezzo al pra’
dirindin din, dirindin din
dirindin din din din din dì
dirindin din, dirindin din
dirindin din din din din dì
Filar l’an voeur filar
cusir non la sa far,
el sol de la campagna, el sol de la campagna
Filar l’an voeur filar
cusir non la sa far,
el sol de la campagna, la dis che ghe fa mal.

Teresina imbriaguna
poca voja ed lavurar
la s’è tolta la vestaglia,
la g’ha ancora da pagà

Filar l’an voeur filar
cusir non la sa far,
el sol de la campagna, el sol de la campagna
Filar l’an voeur filar
cusir non la sa far,
el sol de la campagna, la dis che ghe fa mal.

E come è bella l’uva fogarina
e come è bella saperla vendemmiar
e far l’amore con la mia ibella
e far l’amore in mezzo al pra’
dirindin din, dirindin din
dirindin din din din din dì
dirindin din, dirindin din
dirindin din din din din dì


La badoglieide
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O Badoglio, o Pietro Badoglio, ingrassato dal Fascio Littorio,
col tuo degno compare Vittorio ci hai già rotto abbastanza i coglion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei
t’ l’as mai dit, t’l’as mai fait, t’ las mai dit parei
t’ las mai dilu: sì sì; t’ las mai falu: no, no
tutto questo salvarti non può.

Ti ricordi quand’eri fascista e facevi il saluto romano
ed al duce stringevi la mano? sei davvero un gran porcaccion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Ti ricordi l’impresa di Etiopia e il ducato di Addis Abeba?
meritavi di prender l’ameba ed invece facevi i milion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Ti ricordi la guerra di Francia che l’Italia copriva d’infamia?
ma tu intanto prendevi la mancia e col duce facevi ispezion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Ti ricordi la guerra di Grecia e i soldati mandati al macello?
e tu allora per farti più bello rassegnavi le tue dimission.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

A Grazzano giocavi alle bocce mentre in Russia crepavan gli alpini
ma che importa, ci sono i quattrini e si aspetta la grande occasion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

L’occasione è arrivata, è arrivata alla fine di luglio
ed allor, per domare il subbuglio, ti mettevi a fare il dittator.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Gli squadristi li hai richiamati, gli antifascisti li hai messi in galera,
la camicia non era più nera, ma il fascismo restava il padron
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Era tuo quell’Adami Rossi che a Torino sparava ai borghesi,
se durava ancora due mesi, tutti quanti facevi ammazzar.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Mentre tu sull’amor di Petacci, t’affannavi a dar fiato alle trombe
sull’Italia calavan le bombe e Vittorio calava i calzon.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

I calzoni li hai calati anche tu nello stesso momento
ti credevi di fare un portento, ed invece facevi pietà.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Ti ricordi la fuga ingloriosa con iL re verso terre sicure?
siete proprio due sporche figure, meritate la fucilazion.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Noi crepiamo sui monti d’Italia mentre voi ve ne state tranquilli,
ma non crederci tanto imbecilli di non farci di nuovo fregar.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

No, per quanto moine facciate state certi, più non vi vogliamo,
dillo pure a quel gran ciarlatano che sul trono vorrebbe restar.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei

Se Benito ci ha rotto le tasche tu, Badoglio, ci hai rotto i coglioni,
pei fascisti e pei vecchi cialtroni in Italia più posto non c’è.
T’ l’as mai dit parei, t’ las mai dit parei


La ballata del piccolo An
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O Cheu io vorrei che tu fossi qui
con me a gioire degli ilang in fiore
con me a sentir cantar le campane
ma tu sei lontan o nel Nord-Vietnam

E’ marzo a Kam-Tho ed è poesia
la nostra poesia ma io non ho pace,
la nostra Kam-Tho dai viali di sao
è stratta tra maglie di ferro nemico

E un giorno quel viale dai fiori di ilang
avrà nome viale del piccolo An

O Cheu anche noi nel Sud si combatte
e nel nostro cuore c’è un solo Vietnam
il nostro Vietnam per lui si resiste
per lui è morto il piccolo An

Due salti un sorriso, è pieno di vita
è ricco di gioia il piccolo An
sul braccio la giacca e due bombe a mano
è già un partigiano il piccolo An

E un giorno quel viale dai fiori di ilang
avrà nome viale del piccolo An

Ma ecco il nemico rastrella la strada
e se ci sorprende per noi è finita
ma in fondo alla via c’è il piccolo An
che scappa e grida “C’è la polizia”

O piccolo An sei scaltro e veloce
assai più veloce di quei mercenari
il branco s’affanna, t’insegue feroce
così tu ci salvi da quei sanguinari.

E un giorno quel viale dai fiori di ilang
avrà nome viale del piccolo An

Tu piccolo An sei in un vicolo cieco
e l’occhio riluce nel viso un po’ bianco
tu prendi una bomba sorridi sereno
e quindi la lanci nel mezzo del branco

Lo scoppio il silenzio e poi un’altra bomba
sui volti assassini c’è solo il terrore
terrore e sgomento negli occhi velati
tu fissi quegli occhi con freddo furore

E un giorno quel viale dai fiori di ilang
avrà nome viale del piccolo An

Il piccolo An ci ha dato la vita
è morto gridando “Viva lo zio Ho”
siam pazzi di rabbia, di puro dolore
e il fuoco più rosso ci brucia nel cuore

O Cheu verrà marzo una primavera
la nostra poesia allora sarà
Kam-Tho liberata cogli alberi in fiore
col dolce profumo dei fiori d’ilang

Da oggi il viale dei fiori di ilang
ha il nome di viale del piccolo An


La ballata del Pinelli
Rielab. Santi-Straniero Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quella sera a Milano era caldo, ma che caldo, che caldo faceva
“Brigadiere apra un po’ la finestra” ad un tratto Pinelli cascò.
“Sciur questore io gliel’ho già detto, lo ripeto che sono innocente,
anarchia non vuol dire bombe, ma giustizia, amor, libertà”
“Poche storie, confessa Pinelli, il tuo amico Valpreda ha parlato,
è l’autore del vile attentato e il suo socio sappiamo sei tu.”
“Impossibile! – grida Pinelli – un compagno non può averlo fatto
e l’autore di questo misfatto tra i padroni bisogna cercar”
“Stiamo attenti indiziato Pinelli, questa stanza è già piena di fumo,
se tu insisti apriam la finestra, quattro piani son duri da far”
Quella sera a Milano era caldo, ma che caldo, che caldo faceva
“Brigadiere apra un po’ la finestra” ad un tratto Pinelli cascò.
C’è una bara e tremila compagni, stringevamo le nere bandiere
in quel giorno l’abbiamo giurato “Non finisce di certo così”


La ballata dell’affitto

Con la fine dell’anno corrente
il padrone m’aumenta l’affitto,
se non pago m’arriva lo sfratto
ed in strada mi toccherà andar.

Questa vita è sempre più dura
non riesco a sbarcare il lunario,
aumentatemi invece il salario
e l’affitto rimanga com’è.

Nella zona vicino alla mia
costruiscono nuovi palazzi,
ma che prezzi! son cose da pazzi,
solo i ricchi ci possono star.

Noi crepiamo di troppe fatiche
mentre voi ve ne state tranquilli,
ci credete davvero imbecilli
da pagarvi la tranquillità.

O padroni, sporchi padroni,
ingrassati da questo governo,
vi credete di vincere un terno,
ma vedremo chi la vincerà.

Se l’affitto ci ha rotto le tasche,
tu governo ci hai rotto i coglioni,
per gli amici di tutti i padroni
in Italia più posto non c’è.


La ballata della Fiat
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Signor padrone questa volta per te andrà di certo male
siamo stanchi di aspettare che tu ci faccia ammazzare
Noi si continua a lavorare e i sindacati vengono a dire
che bisogna aspettare e di lottare non si parla mai.
Signor padrone ci siam svegliati
e questa volta si dà battaglia
e questa volta come lottare
lo decidiamo soltanto noi.
Vedi il crumiro che se la squaglia
senti il silenzio nelle officine
forse domani solo il rumore
della mitraglia tu sentirai.

Signor padrone questa volta per te andrà di certo male
d’ora in poi se vuoi trattare dovrai accorgerti che non si può.
E questa volta non ci compri con le cinque lire di aumento
se offri dieci vogliam cento, se offri cento mille noi vogliam.

Signor padrone non ci hai fregati
con le invenzioni, coi delegati,
i tuoi progetti sono sfumati
ora si lotta contro di te.
E le qualifiche le categorie
noi le vogliamo tutte abolite
le divisioni sono finite
alla catena tutti uguali siam.

Signor padrone questa volta ormai a lottare si è imparato,
a Mirafiori s’è dimostrato in tutta Italia si dimostrerà.
E quando siamo scesi in piazza ti aspettavi un funerale
ma è andata proprio male per chi voleva farci addormentar

Ne abbiamo visti davvero tanti
di manganelli e scudi romani,
però si è visto anche tante mani
che a cercar pietre cominciano a andar.
Tutta Torino proletaria
alla violenza della questura
risponde ora senza paura
la lotta dura bisogna far.
No ai burocrati e ai padroni
cosa vogliamo? Vogliamo tutto.
Lotta dura a Mirafiori
e il comunismo trionferà.
No ai burocrati e ai padroni
cosa vogliamo? Vogliamo tutto.
Lotta dura a Mirafiori
e il comunismo trionferà.


La bandiera tricolore

La caserma de’ tedeschi
l’era posta in mezzo al mare;
gliel’han fatta sprofondare
gl’italiani co’ cannon

La bandiera tricolore
sempre e’ stata la piu’ bella
noi vogliamo sempre quella
per aver la liberta’

E sulle mura di Venezia
l’hanno ritta la bandiera
staccherem la gialla e nera
rizzeremo il tricolor.

Ferdinando è andato via
gli hanno messo il campanello;
e Leopoldo è un matterello,
lo vogliamo fucilar

Tu sta’ fermo nel pensiero,
lo straniero gli ha tremato;
Manuelle ritornato
sempre unito a noi sarà.

E Leopoldo gli è malato
Garibaldi è il suo dottore
Manuelle imperatore
lo vogliamo incoronar.

Lo vogliamo, lo vogliamo
Re Vittorio Manuelle
ed a costo della pelle
lo vogliam per nostro Re.

La vo¬gliamo, la vogliamo
la ghirlanda di rose e fiori:
la bandiera de’ tre colori
benedetto chi l’alzò.
( testo tratto da «Canti della Patria – 1831-1923» di G. Bazzi-Aimini – Milano 1923)


La bella Gigogin
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Rataplan tamburo io sento
che mi chiama alla bandiera.
O che gioia, o che contento!
Io vado a guerreggiar
Rataplan non ho paura
delle bombe e dei cannoni;
io vado alla ventura…
sarà poi quel che sarà.
Io son la Ninetta che fa la pignatara
e tutte in terra rara pignatte in quantità.
La ven, la ven, la ven a la finestra
l’è tuta, l’è tuta, l’è tuta insipriada
la dis, la dis, la dis che l’è malada
per non, per non, per non mangiar polenta
Bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza
lasciarla, lasciarla, lasciarla maridar.
A 15 anni facevo all’amore
a 16 anni avevo già marito
a 17 mi sono spartita
daghela avanti un passo, delizia del mio cuor.
Noi anderemo alla festa di ballo
e balleremo dodici quadriglie
venga la madre con tutte le figlie
daghela avanti un passo delizia del mio cuor.
O la bella Gigogin col trollallarillarillallera
oi la bella Gigogin col trollallarillalillallà.


La brigata Garibaldi
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Fate largo quando passa la Brigata Garibaldi,
la più bella, la più forte, la più ardita che ci sia.
Quando passa, quando avanza, il nemico fugge allor,
siam liberi, siam forti per scacciare l’invasor.
Abbiam la giovinezza in cor
simbolo di vittoria,
andiamo sempre forte e siamo pieni di gloria.
La stella rossa in fronte,
la libertà portiamo
ai popoli oppressi la libertà noi porterem.
Fate largo, quando passa, la Brigata Garibaldi….
Con la mitraglia fissa
e con le bombe a mano,
ai traditor fascisti gliela faremo pagare;
La stella rossa in fronte,
la libertà portiamo
ai popoli oppressi la libertà noi porterem.
Fate largo, quando passa, la Brigata Garibaldi….


La buona notte di Radio Libertà
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Una voce nella notte dalle valli scende al piano
dalle valli al piano.
Ascoltate il partigiano che vi dà la buona notte
e vi parla di lassù.
Parla una voce nelle nostre case
ed è come se fossimo presenti
col nostro cuore,
con la nostra fede
che alla vittoria crede.
Ascoltate il partigiano che vi dà la buona notte
e vi parla di lassù.
Va per le lande azzurre dello spazio
della libera gente il grido ardito.
La mamma ascolta
e un fremito d’amore
le palpita nel cuore.
Ascoltate il partigiano che vi dà la buona notte
e vi parla di lassù.


La caccia alle streghe
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E’ cominciata di nuovo la caccia alle streghe
stampa, governo padroni e la televisione,
in ogni scontento si vede uno sporco cinese
“uniamoci tutti a difendere le istituzioni”
Ma oggi ho visto nel corteo
tante facce sorridenti
le compagne quindici anni
gli operai con gli studenti.
Il potere agli operai
no al sistema del padrone,
sempre uniti vinceremo
viva la rivoluzione.
Quando poi le camionette
hanno fatto i caroselli
i compagni hanno impugnato
i bastoni dei cartelli.
Ed ho visto le autoblindo
rovesciate e poi bruciate
tanti e tanti poliziotti
con le teste fracassate
La violenza, la violenza
la violenza, la rivolta,
chi ha esitato questa volta
lotterà con noi domani.
La violenza, la violenza
la violenza, la rivolta,
chi ha esitato questa volta
lotterà con noi domani
Uno due dieci vent’anni di democrazia
“ e pietre non sono argomenti” ci dice un borghese,
siamo d’accordo con voi miei cari signori,
ma gli argomenti non hanno la forza di pietre.
Oggi ho visto nel corteo…


La canzon del Navili
Ivan della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quand seri giovin laoravi chi
sora al Navili, des ore al dì
me sont sposàa e ‘l viagg de nozz
m’è tocaa fall sora sto foss
Gh’è chi dis che l’è bela quest’aqua marscia,
sto scarich publich de cess, de rovera
ma mi quand riva giò la sira
me senti el stomech bel e saraa

E adess che son vecc, pien de malann,
g’ho an’mò de fala sta vita de can,
cont el barcon e pien de rabbia
a caregà sabbia sora ‘l Tisin.
Gh’è chi dis che l’è bela quest’aqua marscia,
sto scarich publich de cess, de rovera
ma mi quand riva giò la sira
me senti el stomech bel e saraa

Però la storia l’è minga finida
sora el Navili gh’è n’altra vita,
dal bel Tisin a Porta Cines
dì sora dì e mes su mes.
Gh’è Giovan el me fioeu, la mia speransa
giamò fida, giamò brusada
gh’è chi dis che l’è bela quest’aqua marscia, impestada
gh’è chi dis che l’è bela, ma a mi me pias no


La Comune di Parigi
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Non siam più la Comune di Parigi che tu borghese schiacciasti nel sangue
non più gruppi isolati e divisi, ma la gran classe dei lavorator.
Che uniti e compatti marciamo
sotto il rosso vessillo dei Soviet
di Lenin i compagni noi siamo
la forza, del lavor, la forza del lavor.

In piedi o proletari, giunto è il dì della riscossa
in alto la bandiera rossa, simbolo di libertà.
In piedi o proletari, giunto è il gran momento
di dire alfin chi siamo, di dir cosa vogliam
di dir cosa vogliam.

Vogliam la libertà, pace lavoro e pane
vogliamo alfin redimere tutta l’umanità
vogliam che sulla terra sia pace e lavoro
vogliam che sulla terra non regni più il dolor
non regni più il dolor.

Doman nelle officine non si faran cannoni
ma si faranno macchine solo per lavorar.
Per lavorare il ferro, la pietra con la terra
questa sarà la guerra, la guerra del lavor,
la guerra del lavor


La Comune non morrà
P.Pietrangeli- G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Fanno conto sul sonno e la stanchezza
per derubare il mondo d’ogni ricchezza

Fanno conto sul loro esser padroni
per derubare il mondo da
ladroni che smaschereremo
a cui il potere toglieremo
perchè noi comunisti non molliamo
Ancora ha un senso libertà
se la comune non morrà
perciò noi comunisti non molliamo

Fanno conto sul loro esser per bene
per non farci sentire le catene.
Se non si fidan più del perbenismo
ritiran fuori bombe ed è
fascismo che noi stroncheremo
piazza Loreto rifaremo
perchè noi comunisti non molliamo.
Ognun di noi ormai si sa
ha mille occhi per guardar
perciò noi comunisti non molliamo
E mille teste per pensar
e mille pugni da serrar
perciò noi comunisti non molliamo
Ha ancora un senso libertà
se la Comune non morrà
perciò noi comunisti non molliamo.


La Gismonda
De Concilio Mario Orlando

Gismonda, amata mia cara cugina,
lo vedi mi son fatta monichella.
Vieni anche te, non far la contadina
e vieni a far preghiera nella cella.
La vita è un passaggio che presto se ne va e la gloria di Dio è un’eternità.
Io non mi vo’ far monaca davvero,
col mi’ Beppino mi vo’ divertire,
non mi vo’ rinserrà nel monastero
eppoi laggiù finirci per morire.
Mi giro, mi spasso quanto mi piace a me e a fa’ la vita eterna ci fo’ pensare a te!
Così lo vedi cara mia Gismonda
vedo che tu sei forte e innamorata.
Peccato giorno in giorno ti circonda
e quando mori tu sarai dannata.
Ed io in convento a far preghiera sto, e quando sarò morta in cielo volerò.
Ma io prima di te certo ci volo,
quando a Beppino glielo bacio ‘i viso.
Cinque minuti soli io mi consolo.
Le porte m’apre lui del Paradiso.
La luna, le stelle, tutto mi fa veder. E te stai qui a morire pe’ salir lassù nel ciel.
Gismonda tu m’hai fatto impallidire
e me l’hai fatto palpitare i’ core.
Trovami un giovincel, voglio fuggire
là da ‘i convento per fare l’amore.
Lo vedo tutti i giorni tanta felicità, anch’io so’ nata femmina, l’amore voglio fa’.


La guardia rossa
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quel che si avanza è uno strano soldato
viene da Oriente e non monta destrier,
la man callosa e il viso abbronzato
è il più glorioso fra tutti i guerrier;
non ha pennacchi e galloni dorati
ma sul berretto scolpiti nel cor
mostra un martello e una falce incrociati:
gli emblemi del lavor.
Viva il lavor!
E’ la guardia rossa
che marcia alla riscossa
e scuote dalla fossa
la schiava umanità.

Giace vilmente la plebe in catene
sotto il tallon dell’iniquo padron:
dopo millenni di strazi e di pene
l’asino alfine si cangia in leon.
Sbrana furente il succhion coronato,
spoglia il nababbo dell’or che rubò
danna per fame al lavoro obbligato
a chi mai non lavorò.
Non lavorò.
E’ la guardia rossa
che marcia alla riscossa
e scuote dalla fossa
la schiava umanità.

Accorre sotto la rossa bandiera
tutta la folla dei lavorator:
rimbomba il passo dell’epica schiera
sopra la tomba del mondo che muor.
Tentano invano risorgere i morti:
tanto che vale lottar col destin?
Marciamo al sole più ardenti e più forti:
le armate di Lenin;
viva Lenin
E’ la guardia rossa
che marcia alla riscossa
e scuote dalla fossa
la schiava umanità.

Quando alla notte la plebe riposa
nella campagna nell’ ampia città.
Più non la turba la tema paurosa
del suo vampiro che la svenerà
Chè sempre veglia, devota e tremenda
La Guardia Rossa alla sua libertà;
la tirannia cancrenosa ed orrenda
Più non ritornerà.
Non tornerà.
Chè la Guardia Rossa
Già l’inchiodò alla fossa .
Nell’epica riscossa
dell’umanità
(testo originale tratto da “Canti Comunisti di Spartacus Picenus Ed.del Calendario del Popolo- 1967)


La lega

Sebben che siamo donne paura non abbiamo,
per amor dei nostri figli, per amor dei nostri figli
Sebben che siamo donne paura non abbiamo,
per amor dei nostri figli, in lega ci mettiamo
Aoilìoilìoilà e la lega la crescerà
E noialtri socialisti, e noialtri socialisti
Aoilìoilìoilà e la lega la crescerà
E noialtri socialisti, vogliam la libertà.
La libertà non viene perché non c’è l’unione,
crumiri col padrone, crumiri col padrone.
La libertà non viene perché non c’è l’unione,
crumiri col padrone, son tutti d’ammazzar.
Aoilìoilìoilà e la lega la crescerà
Sebben che siamo donne paura non abbiam
Abbiam delle belle buone lingue, abbiam delle belle buone lingue
Sebben che siamo donne paura non abbiam
Abbiam delle belle buone lingue, e ben ci difendiamo
Aoilìoilìoilà e la lega la crescerà
E voialtri signoroni che ci avete tanto orgoglio
Abbassate la superbia, abbassate la superbia
E voialtri signoroni che ci avete tanto orgoglio
Abbassate la superbia e aprite il portafoglio.
Aoilìoilìoilà e la lega la crescerà


La madre abbandonata in cerca del suo Achille
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Addio o forlivesi, ci rivedremo un dì
se arrivo a andare a Roma, non torno più a Forlì.
Scriverò una letterina diretta alla mammà
“ Il tuo figlio Achille si trova in campo ammalà”.
Attacca i suoi cavalli, la prende anche il fucil
e la si mette in strada come un garibaldin.
Quando fu in mezza strada, incontra un contadin,
era vestito di panno, di panno del più fin.
“Dimmi o contadino, dimmi la verità,
quel pann che porti indosso, dove tu l’hai comprà.”
“ Non voglio dir bugie, voglio dire la verità,
da un generale sul campo che noi abbiamo spoglià.”
E lei si mise a piangere, a piangere e sospirar
“Povero il mio Achille, dove me l’hanno ammazzà?”
“Dimmi o contadino, sapreste voi insegnar,
La tomba del Cantoni indove la ci sta?”
“Andate un po’ più avanti, la c’è un alberin
la tomba del Cantoni, la ci sarà là vicin.”


La mal maritata
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Tutte le sere all’osteria stava
e non pensava de damme de magnà.
Veniva a casa, faceva quistione
e se parlavo per me c’era il bastone.

Calci e pugni mi dava e poi mi bastonava due volte o tre

La sera poi con gli altri “sciampagnoni”
ancora i calzoni a me me se giocò:
veniva a casa mutande mutande
e non pensava alle pene degli affetti

Diede un calcio alla porta, mi buttò in terra morta e mi lasciò cader

Ma si non era per le mie care vicine
della mia vita voleva avere il fine.
Arremirate mie care zitelle.
o rugantelle che volete marito.

Che la cagion so io quante ne trovo io ne lo mio mari’


La mia morosa cara

La mia morosa ca, la fa la filander
la vegn a caì la sera col scossarin bagnà (2 volte)
Col scossarin bagnato, lee la sugava gli occhi
vedè ‘sti giovanotti vederli andà a soldà (2 volte)
Vederli andà a soldato, vederli andà a la guerra
vedej cascà per terra, che pena, che dolor (2 volte)


La morte di Anita Garibaldi
Liberovici-Vecchietti

Noi t’aspettiamo nell’alba fiorita
camicia rossa fiore di vita
Noi t’aspettiamo nell’alba fiorita
camicia rossa fiore di vita.

Per i tuoi figli sola a morire
o caro sposo mi devi lasciare
se gli occhi miei ti voglion mirare
tu con un bacio li chiuderai.

Sale la febbre nella laguna
come l’allodola trema l’Anita
tende allo sposo la mano sfinita
lo guarda e prega con un sospir.

“Per il tuo cuore questo sospiro,
per i miei figli è questo sorriso”
cade la morte sul suo bel viso
è già discesa l’ombra crudel.

La barca nera sulla laguna
porta l’Anita come una cuna,
sale nel cielo l’Ave Maria
che l’accompagna nell’agonia.

E’ morta Anita all’Ave Maria
il Generale la bacia e piange,
deve lasciarla, deve salvarsi
per riportarci la libertà.

(E chi lo salva e dai tedeschi
e tutta Italia la salverà (2 volte)


La povera Rosetta
Rielab Santi- Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il tredici di agosto in una notte scura,
commisero un delitto gli agenti di questura.
Hanno ammazzato un angelo di nome “La Rosetta”
Era di piazza Vedra, battea la colonnetta.
Chi ha ucciso la Rosetta non è della ligera,
forse viene da Napoli, è della mano nera
Rosetta mia Rosetta dal mondo sei sparita
lasciando in gran dolore tutta la malavita.
Tutta la malavita era vestita in nero
per compagnar Rosetta, Rosetta al cimitero.
Le sue compagne tutte eran vestite in bianco
per compagnar Rosetta, Rosetta al camposanto.
Si sente pianger forte in questa brutta sera,
piange la piazza Vetra e piange la ligera.
Oh guardia calabrese per te sarà finita,
perchè te l’ha giurata tutta la malavita
Dormi Rosetta dormi giù nella fredda terra
A chi t’ha pugnalato noi gli farem la guerra,
a chi t’ha pugnalato noi gli farem la guerra.


La prima l’è la Carlotta
Rielab. E. Cuppone

La prima l’è la Carlotta
la seconda l’è l’Angiolina,
la terza è Caterina,
la quarta l’è la Irin.
Trailailà e chi la vuole e chi la vuole,
lai lai là e chi la vuole eccola qua.
La quinta è la Giulietta,
la sesta è la Giuditta,
la settima Margherita,
l’ottava Teresin.
Trailailà e chi la vuole e chi la vuole,
lai lai là e chi la vuole eccola qua.
La nona è Maddalena,
la decima è Giulietta,
l’undecima Marietta
e l’ultima è Rosin.
Trailailà e chi la vuole e chi la vuole,
lai lai là e chi la vuole eccola qua.
Ho dodici amanti
con tutti a far l’amore,
se non mi dice il cuore
quale dovrò sposar.
Trailailà e chi la vuole e chi la vuole,
lai lai là e chi la vuole eccola qua.


La rondinella d’Aspromonte
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

O rondinella che libere l’ali
spieghi or fuggendo or tornando ver’ me,
deh se pur senti pietà de’ miei mali,
vai dove andare è negato al mio pie’.
Tu dèi volar d’Aspromonte al Cimino
e dal Cimino all’Amiata passar,
poi dell’Etruria nel dolce giardino,
sui freschi margini d’Arno posar.

Là dove franta più mormora l’onda
giunta di Flora il bel seno a lambir,
mesto e romito vedrai sulla sponda
l’abbandonato mio tetto apparir.
Stanza di pace, oh se farvi il tuo nido,
tu pur volessi al ritorno d’april,
non mai la sorte un asilo più fido
darti potrìa, rondinella gentil.

E di volare t’arresti il desìo
lì ti riposa in l’etrusco terren:
quello è il mio cielo, il mio suolo natìo
e di mia madre ti posa sul sen.
Dille “Son io di color messaggera
che giuro fean d’aver Roma o morir,
ma pur la sorte si rese a noi fera
pur troppo il giuro ho dovuto fallir.

L’empio ministro che serve al tiranno
e della Senna il volere segnò,
e provocando con l’armi a noi danno
di sangue il suol d’Aspromonte bagnò.
Sì, ma dell’italo sangue ogni stilla
che fu versato un torrente darà
quando a riscossa, imitando Balilla,
l’itala tromba l’appello farà”

E detto questo se al primo barlume
io ti vedrò alla prigione venir,
raccoglierò sulle molli tue piume
l’aure d’Etruria ei materni sospir.
E detto questo se al primo barlume
io ti vedrò alla prigione venir,
raccoglierò sulle molli tue piume
l’aure d’Etruria e i materni sospir.


La settumana
Rielab. G. Marini- I Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

La settumana
la par lunga un anno
dimando al giovedì
quando l’è sabat
quando l’è sabat
che mi rallegra il cuore
duman l’è festa
e rivedrò il mio amore
duman l’è festa
e rivedrò il mio amore


La zolfara
Amodei-Straniero Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Otto sono i minatori ammazzati a Gessolungo.
Ora piangono i signori e gli portano dei fiori
Hanno fatto in Paradiso ub corteo lungo lungo;
da quel trono dove è assiso Gesù Cristo gli ha sorriso.
Sparala prima la mina, mezz’ora si guadagna,
me ne infischio se rischio che di sangue poi si bagna.
Tu prepara la bara, minatore di solfara.
Hanno fatto un gran corteo con i quattro evangelisti.
Tutti quanti li hanno visti con San Marco e e San Matteo,
con San Luca e San Giovanni e i compagni che da prima
lavorando nella mina sono morti in questi anni.
Sparala prima la mina, mezz’ora si guadagna,….
Dopo la dimostrazione Gesù Cristo li ha chiamati
Con la sua benedizioni li ha raccolti tra i beati.
Poi levando poco poco la sua mano giustiziera
Con un fulmine di fuoco ha distrutto la miniera
Sparala prima la mina, mezz’ora si guadagna,…


Lassù sulle colline del Piemonte
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Lassù sulle colline del Piemonte
ci stanno i partigiani ad aspettar.
Guardando la pianura all’orizzonte
attendono il momento di calar.
Ma un dì pure tu
laggiù ritornerai,
la mamma e la bella bacerai (2)

Lassù un partigiano vince e muore,
lottando per la causa con valor.
Scacciando giù dai monti l’invasore
per dare all’Italia un po’ d’onor
Ma un dì pure tu


La tradotta che parte da Novara
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

La tradotta che parte da Novara
e va diretta al Monte Santo,
e va diretta al Monte santo, il cimitero della gioventù.
Sulle montagne fa molto freddo
ed i miei piedi si son gelati
ed i miei piedi si son gelati, e all’ ospedale mi tocca andar.
Appena giunto all’ospedale
il professore mi ha visitato:
“O figlio mio, sei rovinato e i tuoi piedi li dobbiam tagliar”
E i miei piedi mi hanno tagliato,
due stampelle mi hanno dato,
due stampelle mi hanno dato e a casa mia lor mi han manda’
Appena giunto a casa mia,
fratelli e madre compiangenti
e tra i singhiozzi e tra i lamenti “O figlio caro tu sei rovina’”
Mi hanno assegnato una pensione
di una lira e cinquantotto,
mi tocca fare il galeotto per potermi ben disfamar.
Ho girato tutti i paesi
e tutti quanti ne hanno compassione,
ma quei vigliacchi di quei signori nemmeno un soldo lor mi hanno da’!


Le basi americane
Rudy Assuntino

La cosa più penosa in giorni come questi
è di trovar tra voi le facce di sempre.
E invece sta cambiando la storia di ciascuno
perchè dai grandi fatti matura una lezione.

Buttiamo a mare le basi americane
cessiamo di fare da spalla agli assassini,
giriamo una pagina lunga di vent’anni,
andiamo a guadagnare la nostra libertà.

In una ragnatela di fatti quotidiani
abbiam dimenticato di essere compagni.
Nel mondo c’è una lotta che non si è mai placata,
rompiamo le abitudini, torniamo ad essere uomini.

Buttiamo a mare le basi americane
cessiamo di fare da spalla agli assassini,
giriamo una pagina lunga di vent’anni,
andiamo a guadagnare la nostra libertà.

Non serve domandare se poi ce la faremo,
lasciamo alle parole il tempo di aspettare.
O forse qui si aspetta la Rossa Provvidenza
per cui gli altri decidono e noi portiam pazienza.

Buttiamo a mare le basi americane
cessiamo di fare da spalla agli assassini,
giriamo una pagina lunga di vent’anni,
andiamo a guadagnare la nostra libertà.


Le déserteur
(di Boris Vian)

Monsieur le Président
je vous fais une lettre
que vous lirez peut-etre
si vous avez le temps.
Je vien de recevoir
mes papiers militaires
pour partir a la guerre
avant mercredi soir.
Monsieur le Président
je ne veux pas la faire,
je ne suis pas sur terre
pour tuer des pauvres gens.
C’est pas pour vous facher
il faut che je vous dise,
ma decision est prise,
je m’en vais déserteur.
Depuis que je suis né
j’ai vu mourir mon père,
je vu partir mes frères
et pleurer mes enfants.
Ma mère a tant souffert
qu’elle est dedans sa tombe
et se moque des bombes
et se moques des vers.
Quand j’etais prisonnier
on m’a volé ma femme
on m’a volé mom ame
et tout mon cher passé
Demain de bon matin
je fermerai ma porte
au nez des années mortes
j’irai sur le chemins.
Je mendierai ma vie
sur les routes de France
de Bretagne en Provence
et je dirai aux gens:
“Refusez d’obéir
Refusez de la faire
“N’allez pas ° la guerre
“Refusez de partir!”
S’il faut donner son sang
allez donner le votre,
vous etes bon apotre
Monsieur le President.
Si vous me poursuivez
prévenez vos gendarmes
que je n’aurai pas d’armes
et qu’ils pourron tirer.


Le impiraresse
Rielab. Luisa Ronchini

Semo tute impiraresse
semo qua de vita piene
tuto fògo ne le vene
core sangue venessiàn.

No xè gnente che ne tegna
quando furie diventèmo,
semo done che impiremo
e chi impira gà ragion.

se lavora tuto il giorno
come macchine viventi
ma par far astussie e stenti
tra mille umiliasiòn

semo fìe che consuma
dela vita i più bei anni
per un pochi de schei
che no basta par magnar

Anca le sessole(1) pol dirlo
quante lagrime che femo,
ogni perla che impiremo
xè na giossa de suòr.

per noialtre poverette
altro no ne resta
che sbasàr sempre la testa
al siensio e a lavorar

Se se tase i ne maltrata
e se stufe se lagnemo
come ladre se vedemo
a cassar drento in preson

Anca le mistra che vorave
tuto quanto magnar lore
co la sessola a’ ste siore
su desfemoghe el cocòn(2)


Le mondine contro la cavalleria
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Il ventiquattro di maggio a Ferrera
un grande sciopero, terribile guerra,
erano tutti in una stretta via
accompagnati dalla polizia.

Nel vedere le crumire uscire
le scioperanti si misero davanti:
“Se avete il coraggio di andare
ci tradite noi tutti quanti”

Nel veder le crumire ostinate
le scioperanti si misero davanti
e lor si sono gettate per terra:
“Calpestateci se avete il coraggio”.

Il commissario con grande amarezza:
“Non ubbidite alla pubblica sicurezza”,
non vedete che questa è viltà,
se non vi alzate vi faccio ‘restà”

Le scioperanti si sono alzate:
“Non è vero che questa è viltà,
son venuti e han fatto violenza
trascinandoci con libertà”

Il commissario con grande ironia
disse agli altri:”Andate pur via.
Si ferma solo la Provera Maria
che con noi la vogliamo portar”.

La ragazza andava pian piano,
l’hanno condotta davanti al Sultano,
il Sultano sbeffando le disse:
“Son contento e ancor più felice”

Gli scioperanti non dicon parola
Si recarono in mezzo alla folla
E sentiron la brutta novità:
“Il vostro Riba ve l’hanno arrestà”

Quando Riba fu giunto sul treno
Con la mano ci diede l’addio:
“Non piangete miei cari compagni
Che ben presto sarò qui con voi”

A Sannazzaro che sono arrivati
L’hanno rinchiuso in una prigione
Come se fossero dei malfattori
Mentre invece era gente d’onor.
Tredici giorni di malinconia
fu terminato in grande allegria.
Hanno lasciato la Provera Maria,
l’abbiam coperta di rose e di fior.


Le quattro stagioni
Rielab. Caterina Bueno

E’ nell’aprile, il fiore della vita,
che l’aria è piena, di soavi odor.
vedo laggiù tra l’erba rifiorita
quelli che si amano confusi nell’amor.
Amo gli augelli a gorgheggiar
sugli alberi della verzura,
amo quei piedi a calpestar
quel che produce la natura.
quando scorgo quel sentier
che mi conduce dove io bramo,
tutti i miei sogni, i miei pensier
volano verso colei che amo.

Ecco l’estate, il caldo è soffocante,
nell’officina sta il buon lavorator
pien di fatica e di sudor grondante
mentre il borghese disprezza il suo lavor.
Amo i martelli a martellar
sull’incudine dell’officina,
amo il gallo a salutar
con la sua sveglia mattutina.
quando penso che il mio ben
tra le mie braccia s’addormenta
chino il mio capo sul suo sen,
vorrei saperla sempre contenta.

E nell’autunno cadon le foglie morte
e del passato il ricordo nel cuor,
vien la tristezza, bussano alle porte
e la dolcezza par di sentir cantar.
Amo dell’uva il vendemmiar
con i suoi canti d’allegria,
amo il vino spumeggiar
in mezzo ai campi all’osteria.
quando penso nel mio cuor
alla mia piccola lontana,
cade una lacrima dal cuor,
lenta rintocca una campana.

Cade la neve, il freddo invernale
vedo sui tetti i camini a fumar,
il focolare riscalda assai male,
tutto è silenzio, meno che i marosi al mar.
Amo l’onda a spumeggiar
contro lo scoglio che l’aspetta,
amo del fulmine il tuonar
nel fragor della tempesta.
Quando son presso di te
mi viene in mente un’armonia,
e non so dirti che cos’è,
so ben d’amarti alla follìa.

Son da vent’anni in questa oscura cella
dimenticato da colei che amo ancor.
Se ci ripenso mi manca la favella
e penso sempre a questo mio perduto amor.
Amo la notte ad ascoltar
il passo della sentinella,
amo la luna a salutar
quando rischiara la mia cella.
Quando penso all’avvenir
alla mia libertà perduta,
vorrei baciarla e poi morir
mentre lei dorme all’insaputa.


Le tre bandiere

Bandiera nera la vogliamo? NO!
Bandiera nera la vogliamo? NO!
Perchè l’è il simbolo della galera
bandiera nera la vogliamo NO

Bandiera bianca la vogliamo? NO1
Bandiera bianca la vogliamo? NO1
perchè l’è il simbolo dell’ignoranza
bandiera bianca la vogliamo NO1

Bandiera rossa la vogliamo? SI!
Bandiera rossa la vogliamo? SI!
perchè l’è il simbolo della riscossa
bandiera rossa la vogliamo SI!


Lettera a Chaim
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Se il cielo fosse bianco di carta
e tutti i mari neri d’inchiostro
non potrei dire a voi miei cari
quanta tristezza ho in fondo al cuore,
non è la gioia, non è il dolore
intorno a me.

Ci sveglia l’alba nel livore
di noi sparsi nella foresta
a tagliar legna seminudi
coi piedi storti e sanguinanti,
ci hanno tolto scarpe e mantelli,
dormiamo in terra

Ogni notte come in un rito
ci danno la sveglia a bastonate,
Franz ride e lancia una carota
e noi come larve affamate
ci si contende unghie e denti
l’ultima foglia.

Due ragazzi sono fuggiti
ci hanno raccolto in un quadrato:
uno su cinque han fucilato
ed anche se io non ero il quinto,
non ha domani questo campo
ed io non vivo.

Questo è l’addio a tutti voi
genitori cari, fratelli ed amici,
vi saluto e piango, Chaim.


Lu rusciu te lu mare

Nu giurnu iò passava pi li patuli
e ‘ntisi le rinonchiule cantare,
e ‘ntisi le crinonchiule cantare.

A una a una iò li sentìa cantare
ca mi parianu lu rusciu ti lu mare,
ca mi parianu lu rusciu ti lu mare.

Lu rusciu ti lu mare è troppu forte,
la figghia ti lu Re si tae la morte (2.)

Eddha si tae la morte e iò la vita,
la figghia ti lu Re sta ssi marita (2)

Eddha sta ssi marita e iò mi ‘nzoru,
la figghia ti lu Re mi tae nu fiuru. (2)

Eddha mi tae nu fiuru e iò na parma,
la figghie ti lu Re sta bbae alla Spagna. (2)

Eddha sta bbae alla Spagna e iò in Turchia,
la figghia ti lu Re è la zita mia. (2)

E vola, vola, vola, palomba vola
e vola, vola, vola palomba mia,

ca iò lu core mia, ca iò lu core mia, ripetere
ca iò lu core mia ti l’aggia ddare.

(Un giorno io passavo per le paludi – e sentì le rane cantare – Ad una ad una io le sentivo cantare – e mi parevano il mormorìo del mare – Il mormorio del mare è molto forte – la figlia del Re si dà la morte – Ella si dà la morte ed io la vita – la figlia del Re sta per maritarsi – Lei sta per maritarsi ed io mi sposo – la figlia del Re mi dona un fiore – Lei mi dà un fiore ed io una palma – la figlia del Re se ne va in Spagna – Lei se ne va in Spagna ed io in Turchia – la figlia del Re è la mia fidanzata – Vola palomba vola, palomba mia che io il mio cuore te lo devo donare)


Ma Mi
(Testo di Giorgio Strehler Musica di Fiorenzo Carpi)

Serom in quatter col Padula,
el Rodolfo, el Gajna e poeu mi:
quatter amis, quatter malnatt,
vegnu su insema compagn di gatt.
Emm fa la guera in Albania,
poeu su un montagna a ciapà i ratt:
negher, todesch de la Wermacht
mi morire domaa a pensagh!
Poeu m’han cataa in d’una imboscada
Pugnn e pesciad e ‘na fusilada…
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
A San Vittor a ciapaa i bott, dormì de can, pien de malann!
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
Sbattuu de su, sbatuu de giò, mi sont de quei che parlen no!
El Commissari ‘na matina
El me manda a ciamà lì per lì:
“Noi siamo qui, non sente alcun
el me diceva ‘sto brutt terron!
El me diceva – i tuoi compari
Nui li pigliasse senza di te…
Ma se parlasse, ti firmo qua
Il tuo condono, la libertà!
Fesso sei tu se resti contento
D’essere solo chiuso qua dentro…
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
A San Vittor a ciapaa i bott, dormì de can, pien de malann!
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
Sbattuu de su, sbatuu de giò, mi sont de quei che parlen no!
Sont saraa su in sta ratera
De nebbia, de frecc e de scur,
sotta a ‘sti mur passen i tramm
frecass e vita del me Milan…
El coeur se strong, ven giò la sira,
me senti mal e sto minga in pee,
cucciaa sul lett in d’on canton
mi par de vess propei nessun!
L’è pegg che in guera staa su la tera:
la libertà na val ‘na spiada!
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
A San Vittor a ciapaa i bott, dormì de can, pien de malann!
Ma mi, ma mi, ma mi, quaranta dì, quaranta nott
Sbattuu de su, sbatuu de giò, mi sont de quei che parlen no!


Magneremo suf

Cara mama semo richiamadi
per la Todt ne toca lavorar.
Semo come cani bastonadi
de sicuro ne farà crepar.
Magneremo suf, carote e pomidor,
dimagriremo
come tanti bacalà.
Morireno . No
Vivaremo : Sì
e anche i gnocchi ‘ndarà farse ciavar!
Guai se no!


Maledetto sia Cadorna
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Maledetto sia Cadorna
prepotente come d’un cane
vuol tenere la terra degli altri
che i tedeschi sono i padron.
E i vigliacchi di quei signori
che la credevano una passeggiata,
quando sentirono la loro chiamata
corse a Roma e s’imboscò.
O vile Italia come la pensi
del tuo popolo così innocente
che non t’ha mai fatto niente
e tu vigliacca lo vuoi tradir.
Dagli ufficiali siamo maltrattati
e dal governo siamo malnutriti
in quattro stati si son riuniti
per distruggere la povertà.


Mama mia mi son stufa

Mama mia mi son stufa
o de far la filerina
ol cal e el poc a la matina
ol provin do volt al dì

Mama mia mi son stufa
tutt ol dì a fa’ andà l’aspa
voglio andare in bergamasca
in bergamasca a lavorar

El mestè de la filanda
l’è el mestè degli assassini
poverette quelle figlie
che son dentro a lavorà

Siam trattati come cani
come cani alla catena
non è questa la maniera
o di farci lavorar

Tucc me disen che son nera
e l’è el fumm de la caldera
il mio amor me lo diceva
di non far quel brut mestè

Tucc me disen che son gialba
l’è ol filor de la filanda
quando poi sarò in campagna
miei color ritornerà.


Mamma mia dammi cento lire

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar,
mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar
voglio andar.
Cento lire sì te le do, ma in America no, no no,
cento lire sì te le do, ma in America no, no, no,
no e poi no.
I fratelli alla finestra “Mamma mia lascela andà,
i fratelli alla finestra “Mamma mia lascela andar,
lascela andar”
‘Pena giunta in alto mare bastimento si rialzò,
‘pena giunta in alto mare bastimento si rialzò,
si rialzò.
Le parole oi della mamma son venute alla verità,
le parole oi della mamma son vebute alla verità,
alla verità.


Mano alla bomba
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Su mano alla bomba che scoppia e mitraglia,
disponi i petardi, impugna le “star”
impugna le “star”
Propaga l’idea rivoluzionaria,
la gran libertaria che i ceppi spezzò
Presto anarchici accorriamo
a pugnar per la vittoria od il morire,
con petrolio e dinamite,
ogni classe di governo a disfar, e debellar!
E’ ora che spenta sia la dittatura,
vergogna e tortura del mondo civil
del mondo civil.
Non più militari, nè classe borghese,
su, fuoco alle chiese e abbasso il poter.
Presto anarchici accorriamo
a pugnar per la vittoria od il morire,
con petrolio e dinamite,
ogni classe di governo a disfar, e debellar!


Marciam Marciam
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

E sotto il sole ardente con passo accelerato
cammina il partigiano col zaino affardellato
Cammina il partigiano che stanco mai si sente
cammina allegramente con gioia e con ardor
Marciam, marciam marciam ci batte il cuore
s’accende la fiamma, la fiamma dell’amore
s’accende la fiamma la fiamma dell’amore
quando vedo un partigian passar
Non c’è tenente nè capitano
nè colonnello, nè generale
questa è la marcia dell’ideal, dell’ideal,
un partigiano vorrei sposar.


Maremma
Rielab. Esposito Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Tutti mi dicon Maremma, Maremma
e a me mi pare una Maremma amara

L’uccello che ci va perde la penna
io c’ho perduto una persona cara

Sempre mi trema il cuor quando ci vai
perché ho paura che non torni mai

Sia maledetta Maremma, Maremma
sia maledetta Maremma e chi l’ama


Maria Giuana
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Maria Giuana l’era in s’ l’üs,
l’era in s’ l’üs ca la filava – oh
l’era in s’ l’üs ca la filava – oh
trumbalalà

A i pasa al so midighin:
“Cusa i föi Maria Giuana – oh-
“Cusa i föi Maria Giuana – oh-
trumbalalà

L’è tre dì chi stagh nen ben,
mi l’hai sempre mal da testa – oh
mi l’hai sempre mal da testa – oh
trumbalalà

Si i bivisi nen tan vin
mal da testa ad passerìa – oh
mal da testa ad passerìa – oh
trumbalalà

Si i bivis nen tant vin
st’ura chi sarìa già morta – oh
st’ura chi sarìa già morta – oh
trumbalalà

E adess chi möra mì
vöi ca i cantu sempre ciuca – oh
vöi ca i cantu sempre ciuca – oh
trumbalalà

Buti stupi par cusin,
damigiani par candeila – oh
damigiani par candeila – oh
trumbalalà

E ch’al previ ca vegna après mi
vöi ch’al sia ciuch ad barbera – oh
vöi ch’al canta la Viuleta -oh
trumbalalà


Mariulin bella Mariulin

Mariolin, bella Mariolin,
Mariolin bella Mariolin,
ma dove hai messo quel bambino che avevi?
“Oi mama de la mi mama l’ho gettato in peschiera”

Figlia mia parla più pian,
parla più piano che nessuno ti sente,
ti sente la giustisia e la ti viene a prendere.

L’hanno presa, l’hanno legà,
l’hanno legata con catene sicure
la bella Mariolina l’è in prigioni più scure.

Mama mia dammi d’un ba’
dammi d’un bacio sulle dure catene.
E chi ha fatto il male soffrirà le sue pene.


Mattmark
Elab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

C’è chi ha detto è stato un caso,
c’è chi dice fatalità,
noi gridiamo che non è vero,
non è questa la verità.
A Mattmark son morti in tanti
pel progresso dell’umanità,
che progresso è poi questo qua
se con vite si deve pagar?

O emigrante tu dammi retta
Stiamo uniti a gridare giustizia,
dei padroni la pelle è sicura
e chi paga è il lavorator.
C’è chi ha detto è stato un caso,
c’è chi dice fatalità,
noi gridiamo che non è vero,
non è questa la verità.
A Visp han fatto un processo
noi sappiamo cosa è successo;
chi è colpevole non si sa niente,
paga sempre la povera gente.

A Sion sembrava ci fosse
l’occasione per fare giustizia.
L’incredibile nero verdetto
ci ha lasciati con l’odio nel cuor.

E se un altro processo faranno
ai morti la colpa daranno
accusati che nella baracca
si parlava con voce un po’ alta.

Mattmark tu resterai
nella mente di ognuno di noi
sotto il ghiaccio son morti emigranti
e i colpevoli in libertà
C’è chi ha detto è stato un caso,
c’è chi dice fatalità,
noi compagni l’abbiamo capito
che uniti dobbiamo lottar.


Menelik e Taitù
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Menelik col fric col fric
Taitù col fruc col fruc
Baldissera, Baldissera
…Baldissera a brigulun


Mi avete incatenato
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Mi avete incatenato e non fa niente,
vostro mestiere è fare gli aguzzin,
mi avete bastonato crudelmente,siete pagati a fare gli assassin
Son comunista e questo lo sapete,
ed il mio cuore è pien di ribellion,
ma voi sbagliate se credete coi martiri di fiaccar
questa mia fede di rivoluzione

Compagni che rinchiusi sopportate
la vil vendetta del dominator:
forza di energia incatenate,
percè vorremmo battere i signor.
Fui condannato perchè ho un ideale
e lotto per scacciar lo sfruttator,
che tiene schiavo sotto il giogo del bastone e del terror
il proletario che di fame muore

Compagni che soffrite alle catene,
sperate in un gran giorno di riscossa,
che uniti e fieri marceremo verso il sol dell’avvenir
portando in alto la bandiera rossa


Mi so no el perché
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Semm chi e l’è tutt e l’è nient
E mi mi soo no cosa dì
L’è on bar e gh’è no tanta gent:
cafè, vun per mi, vun per ti
Mi soo no el perché, riessi no a parlà
Mi te cerchi i oeucc, voraria basà
Voraria ma perché a l’è ‘ndada inscì
Voraria ma perché tutt l’è dree a finì
Voraria ma perché trovi pu la man
Voraria ma…ma ti te set lontan.

Mi voo, ciao se troevom doman
D’acord, mi te speti an’mo chi
Quant’è? Lassa sta, paghi mi
Andemm, te compagni al tram.
Per la strada ti te me det la man
Voraria savè chi te l’ha faa fa’
L’è andana gent, son chi de per mi,
se gh’è staa on quai cos dess l’è già finii
gh’è on quaivun che ‘l dis de desmentegà
che sti robb van inscì, che gh’è nient de fa.
Cafè, uno corretto l’altro no.
E speti speti ho bevu anca ‘l to


Morte di Gesù
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Morte di Gesù, Maria si affanna
e nel vedere il fijo alla colonna.
Morte di Gesù, Maria si accora
e tiene dietro al fijo finchè si mora.

Popolo piangete, voi gente v’inchinate
che il Redentore vostre v’hanno ammazzate.

Morte di Gesù, Maria s’affanna…

Quando va nell’orto il Padre suo pregava
“E se mi vuoi inchiodato, fammi risorto”

Quando era arrivato alli trent’anni
aveva incominciati li suoi affanni

Quando li trent’anni li aveva passati
i giorni suopi d’amore belli e finiti

Morte di Gesù, Maria s’affanna…

“Fijio mio fijio assassinato
ti giuro che sarai ma vendicato”

E va da Giuanne il suo grande amore
“Giura che mio fijo hai da vendicare”

Risponde Giuanne con grande sentimento
“Ci penseranno gli altri a far giuramento”

“In nome di Dio ci sapremo vendicare
nei giorni che saranno ti posso dire”

Morte di Gesù, Maria s’affanna…


Nina ti te ricordi
Gualtiero Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Nina ti te ricordi
quanto che g’avemo messo
a andar su sto’ toco de leto
insieme a fare all’amor.

Sie ani a fare i morosi
a strenzerla franco su franco
e mi che gero stanco
ma no te volevo tocar.

To mare che brontolava
e quando che se sposemo?
e ‘l prete che racomandava
che non se doveva pecar.

E dopo se semo sposai
che quasi non ghe credeva
te giuro che a mi me pareva
parfin che fusse un pecà.

Adesso te speti un fjo
e ancûo la vita x’è dura
a volte me ciapa a paura
de aver dopo tanto sbaglià.

Amarse no x’è no un pecato
ma ancûo el xe un lusso de pochi
e intanto ti Nina ti speti
e mi son disocupà.


Ninna nanna de la guera
Versione Gigi Proietti

Fa la ninna, fa la nanna
che ner sonno nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedono per monno
Fra le spade e li fucili
de li popoli civili.
tra la gente che se scanna
per un matto che comanna,
che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza,
O a vantaggio de una fede,
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar sovrano macellaro;
che sto covo d’assassini
che c’insanguina la tera
Lo sai bene che la guera
è un gran giro de quatrini,
che prepara le risorse
pe li ladri de le borse.
Fa la ninna, cocco bello,
finché dura ‘sto macello,
Fa la ninna, che domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima,
boni amichi come prima;
so’ cuggini, e fra parenti
nun se fanno comprimenti!
Torneranno più cordiali
li rapporti personali
e, riuniti infra de loro,
senza l’ombra de un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la pace e sur lavoro
pe’ quer popolo cojone
risparmiato dar cannone.


Noi siamo la classe operaia
Rielab. Santi Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Noi siamo la classe operaia
che suda, che soffre e lavora
smettiam di soffrire che l’ora
finiam di soffrire ch’è l’ora.
O ladri del nostro sudore,
l’Italia farem comunista
scacciam la canaglia fascista
sorgiamo che giunta è la fin,
sorgiamo che giunta è la fin.
La falce e il martello è l’emblema
non più vagabondi e signori
il pane ha sol chi lavora
il pane ha sol chi lavora.
Giustizia eguaglianza vogliamo
al mondo siam tutti fratelli
noi siamo le schiere ribelli
sorgiamo che giunta è la fin,
sorgiamo che giunta è la fin.
Già trema la classe borghese
già sporca già lorda di sangue
si sveglia il popol che langue,
si sveglia il popol che langue.
O ladri del nostro sudore
l’Italia farem comunista,
cacciam la canaglia fascista
sorgiamo che giunta è la fin.


Noi vogliamo l’eguaglianza
Rielab. Sergio Liberovici Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Noi vogliamo l’uguaglianza, siam chiamati malfattori,
Ma noi siam lavoratori che padroni non vogliam
E giù la schiavitù, vogliam la libertà
Siamo lavoratori, siamo lavoratori.
E giù la schiavitù, vogliam la libertà
Siamo lavoratori, vogliamo la libertà
Dei ribelli sventoliamo, le bandiere insanguinate
E farem le barricate per la vera libertà
E giù la schiavitù, vogliam la libertà…
E ancor ben che siamo donne noi paura non abbiamo
Per amor dei nostri figli noi in lega ci mettiamo
E giù la schiavitù, vogliam la libertà


Notte chiara
Domenico Modugno

Che notte chiara chiara
che ‘nduri e tramontana
e nu grillu canta, canta, ahi, aha, ah
ringrazia a tia signuri
pecchè me lassi vivire accussì
Tu ca mi fai truvare l’acqua fresca
quando spacca la sulagna.
Tu ca mi fai truvare l’igna sicca
quando mbianchi la muntagna
Ringrazia a tia signuri
e famme sempre vivire accussì.

Che vientu ‘e seta fina
ca vene da lu mari
ca è luntanu, ma lu sentu ahi, aha, ah
Ringrazia a tia signuri
pecchè me lassi vivire accussì.
Tu ca alle picurelle dài pastura
e li tunni alla tunnara.
Tu ca m’ha rigalatu chesta vita
cu lli gioie e li duluri.
Ringrazia a tia signuri
e famme sempre vivire accussì.


Nove maggio
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E nei giorni della lotta rosso era il mio colore,
ma nell’ora del ricordo oggi porto il tricolore.
Tricolore è la piazza, tricolori i partigiani
“siamo tutti italiani, viva viva la nuova unità”
E che festa e che canti e che grida e che botti
e c’è Longo e c’è Parri e c’è pure Andreotti.
E c’è il mio principale quello che mi ha licenziato,
quello sporco liberale anche lui tricolorato.
Mi son tolto il fazzoletto, quello bianco verde e rosso
e al collo mi son messo quello che è solo rosso.
E mi han dato del cinese, mi hanno detto “disfattista”.
Ho risposto secco secco ”ero e sono comunista”.
Ieri ho fatto la guerra contro il fascio e l’invasore,
oggi lotto contro il padrone per la stessa libertà.
Se vi va bene il liberale con Andreotti e il tricolore,
io vi dico “siete fottuti, vi siete fatti incastrar”
E mi han dato del cinese, mi hanno detto “disfattista”.
Ho risposto secco secco ”ero e sono comunista”.


Nuovi Stornelli socialisti
(E quando muoio io)

Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

E quando muoio io non voglio preti, non voglio avemarie, nè paternostri
non voglio avemarie nè paternostri, ma la bandiera rossa dei socialisti.
E la rigi-la rigì- la rigiri e la rigiri la sempre Arditi
evviva i socialisti, abbasso i gesuiti !
Hanno arrestato tutti i socialisti, l’arresto fu ordinato dai ministri,
l’arresto fu ordinato dai ministri, e questi sono i veri, i veri camorristi.
E la rigi-la rigì- la rigiri e la rigiri che mai la sbaglia
evviva i socialisti, abbasso la sbirraglia !
La Francia ha già cacciato i preti e i frati, le monache, i conventi ed i prelati
le monache, i conventi ed i prelati perchè eran tutte spie e perciò pagati.
E la rigi-la rigì- la rigiri e la rigiri la ferindola
abbasso tutti i preti e chi ci crede ancora!
Ma se Giordano Bruno fosse campato, non esisterebbe più manco il papato,
non esisterebbe più manco il papato e il socialista avrebbe già trionfato.
E la rigi-la rigì- la rigiri e la rigiri là sul ventuno
evviva i socialisti, evviva Giordano Bruno!
E quando muoio io non voglio preti, ma quattro bimbe belle alla mia barella,
ma quattro bimbe belle alla mia barella, ci voglio il socialista con la sua bella.
E la rigi-la rigì- la rigiri la ruota e la rotella
evviva Giordano Bruno, Garibaldi e Campanella!


Numi voi siete spietati
E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Numi voi siete spietati noi chiamammo libertà
ma i prieghi sono andati dove manca la pietà
re di Alpi Tiberino, contro noi tutti s’armò;
vince, vince l’assassino e più d’uno al ciel mandò
vince vince l’assassino e più d’uno al ciel mandò.

S’odon voci dalle tombe di Boier, Chantel, Junod,
e dan fiato a mille trombe
li due Bruti Azzari, Arò.
Di marmotte in mille pezzi vada il trono di un tal Re;
la corona si disprezzi e si franga sotto i piè
la corona si disprezzi e si franga sotto i piè

Chi sarà che a questi accenti non andrà con gran valor,
e tra fuochi e tra tormenti e tra pene tra dolor.
Van dicendo noi siam morti sol per man di crudeltà.
Vendicate i nostri torti, figli voi di libertà
Vendicate i nostri torti, figli voi di libertà.


O cancellier che tieni la penna in mano
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O cancellier che tieni la penna in mano
scrivè una letterina alla mia mamma
scrivè una letterina alla mia mamma

Scrivè una letterina alla mia mamma
dille che so in galera per una lotta
dille che so in galera per una lotta

Per una lotta giusta m’han condannato,
lor m’han promesso il pane non me l’han dato
lor m’han promesso il pane non me l’han dato

Sentìi chiamar “Giancarlo fatti coraggio,
tre anni di galera son di passaggio,
tre anni di galera son di passaggio”

Andrem tanto lontano, tanto lontano
dove la bella Russia ci dona il pane,
dove la bella Russia ci dona il pane.

Dove la bella Russia ci dona il pane,
non vogliam più menzogne democristiane,
non vogliam più menzogne democristiane.


O cara moglie
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O cara moglie stasera ti prego,
dì a mio figlio che vada a dormire,
perché le cose che io ho da dire
non sono cose che deve sentir.
Proprio stamane là sul lavoro
con il sorriso del caposezione
mi è arrivata la liquidazione
mi han licenziato senza pietà.
E la ragione è perché ho scioperato
per la difesa dei nostri diritti,
per la difesa del mio sindacato
del mio lavoro e della libertà.
Quando la lotta è di tutti per tutti
il tuo padrone, vedrai, cederà,
se invece vince è perché i crumiri
gli dan la forza che lui non ha.
Questo si è visto davanti ai cancelli,
noi si chiamava i compagni alla lotta,
ecco: il padrone fa un cenno, una mossa,
un dopo l’altro cominciano a entrar.
O cara moglie, dovevi vederli,
venir avanti curvati e piegati
e noi gridare “crumiri venduti”
e loro dritti senza guardar.
Quei poveretti facevano pena,
ma dietro a loro là sul portone
rideva allegro il porco padrone,
li ho maledetti senza pietà.
O cara moglie io prima ho sbagliato,
dì a mio figlio che venga a sentire
che ha da capire che cosa vuol dire
lottare per la libertà.


O care mamme
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O care mamme, apriteci le porte
le vostre figlie, le vostre figlie,
o care mamme apriteci le porte
le vostre figlie gh’è drè rivà.
le vostre figlie gh’è drè rivà

Arriveremo al sabato di sera
con la bandiera
in sul vapor

E se ‘l vapore al va e se ‘l camìa
l’è l’alegria
dei mondaris

Quando saremo alla Stazion Centrale
ad abbracciare
i nostri genitor.

Li abbracceremo e poi li stringeremo
con tanta gioia
nei nostri cuor.

O care mamme sian tutte rovinate
dalle zanzare
dai moscerin
e dai fapresti e scarfolin.


O fieri flagelli
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O fieri flagelli che al mio buon Signore
le carni straziate con grande dolore
non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l’amato Gesù.

O spine crudeli che al mio buon Signore
la testa pungete con tanto dolore
non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l’amato Gesù.

O chiodi spietati che al mio buon Signore
piè e man trapassate con tanto dolore
non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l’amato Gesù.

O lancia tiranna che al mio buon Signore
il fianco trafiggi con tanto dolore
ti bastin le pene già date al mio ben
deh, non più straziare l’amato Gesù.


O Germania che sei la più forte
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O Germania che sei la più forte
fatti avanti se c’hai del coraggio,
se la repubblica ti lascia il passaggio
noi partigiani fermarti saprem.
Quanti morti e quanti feriti,
quanto sangue s’è sparso per terra,
ma il partigiano sul campo di guerra,
sarà difficile poterlo fermar
ma il partigiano sul campo di guerra
sarà difficile poterlo fermar


O Gorizia
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

La mattina del cinque di agosto
si muovevano le truppe italiane
per Gorizia e le terre lontane
e dolente ognun si partì
Sotto l’acqua che cadeva a rovescio
grandinavano le palle nemiche
su quei monti, colline e gran valli
si moriva dicendo così.
O Gorizia tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu.
O vigliacchi che voi ve ne state
con le mogli sui letti di lana
schernitori di noi carne umana
questa guerra ci insegna a punir.
Voi chiamate il campo d’onore
questa terra al di là dei confini;
qui si muore gridando assassini
maledetti sarete un dì.
Cara moglie che tu non mi senti
raccomando ai compagni vicini
di tenermi da conto i bambini
che io muoio col suo nome nel cuor.
O Gorizia tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu.


O iniqua, o infame Turchia
Otello Profazio

O iniqua, o infame Turchia
l’hai ucciso il mio amate consorte
ma quando ebbi l’annuncio di morte
un dolore provai da morir.
M’ha lassato una sola bambina,
tutto il giorno suo padre lamenta,
pora figlia l’è tutta sgomenta,
dice “Mamma, mio padre dov’è?”
Il tuo padre è in quelli deserti
che dalli mostri è stato afferrato,
come Cristo me l’hanno ammazzato,
manco un santo l’è andato a salvà.
(Andrò sempre vestita da lutto
quando guardo il suo caro ritratto,
o di lacrime lo bagno ad un tratto,
o di baci lo devo coprir)
Quel signore ch’è chiuso in palazzo,
gli ha comprato l’elmetto e la spada,
per morire gli ha insegnato la spada
ma i suoi figli li stringe sul cuor.
Comanda Cristo oppure il padrone,
maledetta sia sempre la guerra,
chi di sangue ha sporcato la terra,
che non possa il sole veder


Oi Marietina

Oi Marietina vu sii pure bela,
perchè sii bela vu sarè robada.
Sarè robada in camera e in cucina
de quel sc’etel serè la sua sposina.
De quel sc’etel serè la su’ ruina,
de quel sc’etel serè la sua disgrassia.
Leva su i bela da quel cosineto,
leva su i bela da quel cosineto,
leva su i bela da quel cosineto,
quatro paroli e poi ritorni a leto.
Quatro paroli te li voglio dire
quatro d’amore e quatro da morire.
Queli d’amor te li dirò stasera
e queli da morire a la mainera.
Also gli ochi al cielo vedo una stela,
sbaso gli ochi e vedo un’altra in tera,
e quela in cielo la me dà splendore
ma quela in tera la me ruba il cuore.
Oi Marietina vu sii pure bela
perchè sii bela vu sarè robada.

(Oi Mariettina voi siete proprio bella e per questo sarete rapita. Sarete rapita nella camera o nella cucina, di quel ragazzo sarete la sposina. Per quel ragazzo sarà la sua rovina, per quel ragazzo sarà la sua disgrazia. Sollevati bella da quel cuscino, quattro parole e poi ritorni a letto. Quattro parole te le voglie dire, quattro d’amore e quattro da morire. Quelle d’amor te le dirò stasera e quelle da morire domattina. Alzo gli occhi al cielo e vedo una stella, abbasso gli occhi e ne vedo un’altra in terra, e quella in cielo brilla di splendore e quella in terra mi ruba il cuore. Oi Mariettina voi siete proprio bella e per questo sarete rapita.)


O macchinista

Alla mattina, ‘na pagnottina
e a mezzogiorno riso e fasoi.
E alla sera fagioli e riso
questo è il mangiare dei mondaris
Care mondine, care ragazze
un’altra firma dovete far.
Non c’è più firma né firmamento
questo è il momento di andare a ca’.

Quando saremo alla stazione
che confusione che ci sarà.
Domanderanno “Cosa è successo?”
“Son le mondine che vanno a ca’”
O macchinista accendi il carbone .                                                                                          quel macchinone fallo volar
fallo marciare come un diretto
a Ospedaletto vogliamo andar.

A casa si va, si trova l’amante
sotto le piante a fare l’amor.
sotto le piante, sopra il trifoglio
il ben che ti voglio nessuno lo sa.
O macchinista accendi il carbone
fallo marciare come un diretto
a Ospedaletto vogliamo andar


Oh mamma mia tegnim a ca’

Mamma mia tegnim a ca’
o mamma mia tegnim a ca’,
o mamma mia tegnim a ca’
che me in filanda, me in filandaghe vòi pù ‘na
Me dòr i pe’ me dòr i man (3 volte)
e la filanda, la filanda l’è di vilan.
L’è di vilan per laurà (3 volte)
e me in filanda, me in filanda vòi pù ‘na
Gh’è giò ‘l sentòn, ferma ‘l rodòn £ volte)
E la filanda e la filanda l’è la preson
L’è la preson di presonè (3 volte)
E me in filanda, me in filanda son stufa asè


O padrone non lo fare
Giovanna Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Se ci avessi cento figli tutti quanti belli e forti
Gli direi “Vi preferisco morti che a lavorare per il padron”

Il padrone in veste nera con la mano sopra il cuore
“Mi fa tanto dispiacere ma io vi debbo licenzià”

“O padrone non lo fare siamo in pochi ma a lottare
e per farla scomparire la maledetta proprietà”

Il padrone in veste nera con la mano sopra il cuore:
”State attenti a lavorare che io vi posso rovinà”

Ci ho la tradotta dei crumisi che li porta a lavorare
che li porta a disertare ma dalla loro società.

O padrone non lo fare…

Che farai allora crumiro per i soldi del padrone
tu rimani a guardare chè da solo ti sei rovinà

O padrone non lo fare…

“O padrone non lo fare siamo in pochi ma a lottare
e per farla scomparire la maledetta proprietà”


Or che innalzato è l’albero
Rielab.E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Or che innalzato è l’albero s’abbassino i tiranni:
da’ suoi superbi scanni scenda la nobiltà
Un dolce amor di Patria
s’innalzi in questi lidi
formiam comuni i gridi
Viva la Libertà

L’indegno aristocratico non osi alzar la testa;
se l’alza, allor la festa tragica si farà.
Un dolce amor di patria ecc.

Già reso uguale e libero, ma suddito alla legge,
è il popolo che regge, sovrano ei sol sarà
Un dolce amor di patria ecc.

Giuri implacabil odio ai feudi, alle corone,
e sempre la nazione libera resterà.
Un dolce amor di patria ecc.

Sul torbido Danubio penda l’austriaca spada,
nell’itala contrada mai più lampeggerà.
Un dolce amor di patria ecc.


O sciur padrun i cavalé van male
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O sciur padrun
i cavalé van male
O sciur padrun
i cavalé van male
i cavalè van male
furment e furmentun,
ghe paserà l’anada
senza pagà il padrun.
O paisan
impiantem sü di scioper
O paisan
impiantem sü di scioper
impiantem sü di scioper
di scioper e di burdei
ghe paserà l’anada
senza ciapà cinq ghei.


O sol che te ne vai
Rielab. Caterina Bueno

O sol che te ne vai, che te ne vai
o sol che te ne vai là su pei poggi.

Fammelo d’un favor se lo vorrai,
salutalo il mio amor, ‘un l’ho vist’oggi.

Ci ha separato la foglia del grano,
‘un l’ho vist’oggi che troppo è lontano.

Ci ha separato la foglia del pioppo,
‘un l’ho vist’oggi che lontano è troppo.


O Venezia che sei la più bellaRielab. Santi- Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O Venezia che sei la più bella,
e di Mantova tu sei la più forte:
gira l’acqua intorno alle porte,
sarà difficile poterla pigliar.

Un bel giorno entrando in Venezia,
tutto il sangue scorreva per terra,
i soldati sul campo di guerra,
e tutto il popolo gridava pietà.

O Venezia, ti vuoi maritare ?
per marito ti daremo Ancona,
per corredo le chiavi di Roma
e per anello le onde del mar.


Oggigiorno a piglià moglie
Rielab. Marini-Portelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Oggigiorno a piglià moglie
Nina mia non se po’ fa’:
so’ sospiri, so’ sospire, so’ gran doglie
se d’amore ‘gna campà
Do’ lu trovi un bucitaccio?
pe’ du sedie, pe’ du sedie co un pagliacci
t’ariccomanni a poco cacio
te risponne, te risponne, tu si pacio.
E se voli un po’ de lusso
va alli spiazzi de Babbusso
de sti tempi lo sposà
Nina mia, nun se po’ fa.
Oggiggiorno a piglià moglie
Co’ stu russu, cos tu russu che ce sta,
pe’ levaje tante voje
‘gna piglialla in società.
Famo presto a dì, sposemo,
ma poi doppo, ma poi doppo che magnemo?
e a bollì che ce mettemo?
li bacetti, li bacetti che se demo?
E se poi vengono li figli
che glie demo, li sbadigli?
de ‘sti tempi lo sposà
Nina mia, non se po’ fa.


Padroni ci volete spaventare
(Franco Rusnati)
E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Padroni ci volete spaventare
creando crisi pur di non mollare;
questa è una vecchia storia, nessuno più la beve
voi siete la rovina de ‘stu paese.
Questa è una vecchia storia, nessuno più la beve
voi siete la rovina de ‘stu paese.
Ormai anche tra noi è maturato
ci siam formati un solo sindacato;
è una lotta di classe contro gli sfruttatori
uniti vanno avanti i lavoratori.
E’ una lotta di classe contro gli sfruttatori
uniti vanno avanti i lavoratori.
Le frottole che avete raccontato
è merce che ormai non fa più mercato.
Noi siam lavoratori di forgia e fonderia
voi siete chi rovina l’economia.
Noi siam lavoratori di forgia e fonderia
voi siete chi rovina l’economia.
Striscioni e cartelloni son preparati,
campane e campanacci ben ‘cordati;
siam tutti in prima fila impazzir noi vi faremo
‘n minuto in più di voi resisteremo.
Siam tutti in prima fila impazzir noi vi faremo
‘n minuto in più di voi resisteremo.
E adesso che incomincia la battaglia
per estirpare tutta ‘sta marmaglia;
noi non vogliamo guerre, nè croci, nè onori,
voglion sol cose giuste i lavoratori.
Noi noi non vogliamo guerre, nè croci, nè onori,
voglion sol cose giuste i lavoratori.


Partire, partirò, partir bisogna
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Partire partirò, partir bisogna
dove comanderà nostro sovrano;
chi prenderà la strada di Bologna
e chi anderà a Parigi e chi a Milano:
Se la partenza, o cara, ti sembra amara non lacrimare;
vado alla guerra e spero di tornare.
Quando saremo giunti all’Abetone
riposeremo la nostra bandiera
e quando si udirà forte il cannone,
addio Gigina cara, buonasera.
Ah, che partenza amara, Gigina cara, mi convien fare!
sono coscritto e mi convien marciare.
Di Francia e di Germania son venuti
a prenderci per forza a militare,
però allorquando ci sarem battuti
tutti, mia cara, speran di tornare.
Ah, che partenza amara, Gigina cara, Gigina bella!
di me non udrai forse più novella.


Partono gli emigranti
(Alfredo Bandelli)
Rielab.E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Non piangere oi bella se devo partire
se devo restare lontano da te.
Non piangere oi bella, non piangere mai
che presto vedrai ritorno da te.
Addio alla mia casa, addio alla mia terra
addio a tutto quello che lascio quaggiù:
o tornerò presto o non tornerò mai
soltanto i ricordi io porto con me.
Partono gli emigranti
partono per l’Europa
sotto lo sguardo della polizia.
Partono gli emigranti
partono per l’Europa,
i deportati della borghesia.
Non piangere oi bella, non posso tornare
ma devo restare a sudare quassù.
Le notti son lunghe, non passano mai
e non posso mai averti per me.
Soltanto fatica, violenza e razzismo,
ma questa miseria coscienza ci dà:
consumo le mani e mi cresce la voglia
la voglia di avere il mondo per me.
Partono gli emigranti
partono per l’Europa
sotto lo sguardo della polizia.
Partono gli emigranti
partono per l’Europa,
i deportati della borghesia.


Passannante
Labianca Andrea

Na giacchette de vellute
pe se’ carrine l’agghie vennùte,
p’accattà lu pugnalette
p’ammazzà lu rre Umberte

Passannante ere uaglione,
mettève lu pete sus u staffone,
che nu picchele pugnalette
per ammazzà lu rre Umberte.

Passannante sus’ cangèlle
gridava “Allarme” la sentenelle
Passannante nun chiage cchiù
lo rre no regne cchiù.


Perché mai parlarvi di pace
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Ma perché mai – parlar di pace
voi lo sapete – del freddo e dei figli
e il costo di – scarpe e vestiti
e il ritmo del – vostro martello
Per cercar voi – canto bandiere
le nostre idee – e il mondo nostro
e ho perso il – sapore dei campi
e delle piccole –cose di tutti

Perché mai parlarci di pace
noi sappiamo del freddo e dei figli
e del costo di scarpe e vestiti
e del ritmo del nostro martello

Perché mai parlarci del Viertnam
noi l’abbiamo scolpito sui volti
e sul giallo dei nostri salari
affamati dal tempo ridotto

Perché mai parlarci di Nixon
noi l’abbiamo in ogni padrone
denti bianchi paterno sorriso
e l’insulto della sua pietà

E una sera ai cancelli per capire
colle cento e le mille più voci
e le grida “Marelli” e “Vietnam”
e la pace cantata da noi

Questa pace cantata da noi
oggi è grido di vera violenza
no ai burocrati in buona coscienza
no agli Agnelli, ai Nixon, ai padroni.

Perché mai parlarci di pace
se ogni giorno si vive alla guerra
se per un poliziotto per terra
sono mille i morti per noi.

Perché mai parlarci di pace
Perché mai parlarci di pace
Perché mai parlarci di pace.


Per i morti di Reggio Emilia
Fausto Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Compagno cittadino, fratello partigiano
teniamoci per mano in questi giorni tristi
di nuovo a Reggio Emilia, di nuovo là in Sicilia
son morti dei compagni per mano dei fascisti.
Di nuovo come un tempo, sopra l’Italia intera,
urla il vento e soffia la bufera.
A diciannove anni è morto Ovidio Franchi
per quelli che son stanchi, o sono ancora incerti;
Lauro Farioli è morto per riparare il torto
di chi si è già scordato di Duccio Galimberti .
Son morti sui vent’anni per il nostro domani,
son morti come vecchi partigiani.
Marino Serri è morto, è morto Afro Tondelli
ma gli occhi dei fratelli si son tenuti asciutti,
compagni sia ben chiaro che questo sangue amaro
versato a Reggio Emilia è sangue di noi tutti.
Sangue del nostro sangue, nervi dei nostri nervi
come fu quello dei fratelli Cervi.
Il solo vero amico che abbiamo al fianco adesso
è sempre quello stesso che fu con noi in montagna
ed il nemico attuale è sempre ancora eguale
a quel che combattemmo sui nostri monti e in Spagna.
Uguale la canzone che abbiamo da cantare:
scarpe rotte eppur bisogna andare.
Compagno Ovidio Franchi, compagno Afro Tondelli
e voi Marino Serri, Reverberi e Farioli
dovremo tutti quanti aver d’ora in avanti
voialtri al nostro fianco per non sentirci soli.
Morti di Reggio Emilia uscite dalla fossa
fuori a cantar con noi bandiera rossa.


Pietà l’è morta
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Lassù sulle montagne
bandiera nera
è morto un partigiano
nel far la guerra
E’ morto un partigiano
nel far la guerra
un altro italiano
va sotto terra
Un altro italiano
va sotto terra
fascisti e tedeschi fuori d’Italia
Fascisti e tedeschi
fuori d’Italia
gridiamo a tutta forza
pietà l’è morta.


Poichè non vogliam sfruttati (Bandiera rossa)
Gualtiero Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Poichè non vogliam sfruttati
nè vogliamo sfruttatori
ci hanno detto quei signori
che la loro è libertà
Libertà d’esser padroni,
di poterci derubare,
siamo in tanti a lavorare,
sono pochi a guadagnar.
Avanti popolo alla riscossa,
bandiera rossa s’innalzerà,
bandiera rossa, bandiera rossa,
bandiera ross trionferà.

Poichè noi vogliam la terra
che ci avete derubato
e che per troppo vi abbiam lasciato,
ci gridate “malfattori”.
Ma le fabbriche potenti
che vi abbiamo costruito,
che ci hanno imprigionato,
ora noi vogliam guidar.
Vogliam le fabbriche, vogliam la terra
e non più guerra, ma libertà,
e non più guerra e non più guerra
e non più guerra ma libertà.
Avanti popolo, tuona il cannone,
rivoluzione vogliamo far,
rivoluzione, rivoluzione,
rivoluzione dobbiamo far
Avanti popolo alla riscossa,
bandiera rossa s’innalzerà,
bandiera rossa, bandiera rossa,
bandiera ross trionferà.


Polesine
(Gigi Fossati- Sergio Liberovici) Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Tera e aqua, aqua e tera da putini che da grandi
“ Siora tera ai so comandi,, siora aqua bonasera”
Tera e aqua! se lavora soto un sole che cusina…
Tera e aqua! a la matina se scomissia de bonora.
Tera e aqua! tera nuda, gnente piante, gnente ombrìa.
Sta fatiga mai finia. La comanda che se suda.
Tera e aqua! a mezogiorno quel paneto che se magna,
no gh’è aqua che lo bagna e gh’è aqua tuto intorno!
Tera e aqua! Co vien sera tuti intorno, dona e fioi
a una tecia de fasoi se ghe fa un bona siera.
Tera e aqua! Po a la note se se buta sora el leto
e se sogna par dispeto tera e aqua, piene e rote.
Sempre aqua e sempre tera! da putini che da grandi:
“Siora tera ai so comandi…” Po se crepa e bonasera.


Povero Matteotti
rielab.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Presso Montecitorio,
là c’è una salita
là dove Matteotti
che ci lasciò la vita

Povero Matteotti
te l’hanno fatta brutta
e la tua vita
te l’han tutta distrutta

E mentre che moriva
morendo lui diceva
Voi uccidete l’uomo
ma non la sua idea

E mentre che moriva
con tutto il suo eroismo
gridava forte forte
evviva il socialismo

Vigliacchi sono
gliela farem pagare
uniti proletari
lo sapremo vendicare
Vigliacchi sono
gliela farem pagare
uniti proletari
lo sapremo vendicare


Povero Pinelli
G. Marini- G. Bertelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Povero Pinelli, te l’hanno fatta brutta
e la tua vita te l’han tutta distrutta.

Anonimo e innocente, amavi l’anarchia
per questo t’hanno preso e t’han portato via.

In una cella oscura ti hanno interrogato
e poi dal quarto piano ti hanno suicidato.

E mentre che cadevi avevano paura
che tu gridassi forte “Mi ha ucciso la questura”

Già morto nel cortile la bocca ti han legato
e poi in tribunale ti hanno archiviato.

Vigliacchi sono, gliela farem pagare,
amarchico Pinelli ti sapremo vendicare


Prima che se cantava bandiera rossa
Rielab. E. Cuppone

Prima che se cantava Bandiera Rossa
tutti se guadagnava quarche cosa,
adesso che se canta Giovinezza
cce fanno morì a tutti de debbolezza
Finché gira questa rota la saccoccia è sempre vota,
co’ ‘sto bell’uso
cce fanno sdiggiunà er pezzo der muso
Cent’anni fa mannaggia la paletta
li muratori annaveno in carozza,
se lavorara come ‘na saetta
tutti se guadagnaveno la stozza.
Ma adesso poveracci nun se ponno fa’ du’ stracci,
co’ questa vita
sarebbe ora de falla finita.
Ci alziamo la mattina e guardiamo intorno
perché noi non sappiamo dove andiamo:
in cerca di lavoro è proibito,
perché noi siamo tutti disoccupati.
Tanta ggente s’è avvilita, dice “Oddio che brutta vita!”
vita da cani,
perché noi siamo tutti disoccupati.


Prima della guerra c’era da dubitare
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Prima della guerra c’era da dubitare
perchè la vaga Italia voleva guerreggiare;
noi mantovani pronti a disertare,
perchè il macello umano lo vogliam salvare
Credo che non sia un delitto
in questi tempi a disertar,
perchè la cara vita
tutti quanti la vogliam salvar!

Ho disertato vicino alla famiglia,
il rombo del cannone non lo sento più;
il vecchio disertore figlio del Ticino,
il vecchio disertore non lo pescan più.
Ho disertato anch’io
per non fare il militar,
perchè la cara vita
tutti quanti la vogliam salvar!

Una bella sera andavo per la piazza,
andavo in cerca di una brutta razza.
L’amico imboscato gridava al disertor:
“ Pigliatelo, arrestatelo e cacciatelo in prigion!”
La lotta corpo a corpo
col maresciallo io dovetti far,
finchè laggiù la forza
ed in galera io dovetti andar!

Ragazzine belle fate l’amor coi disertori,
dateci dei baci, non sono traditori,
dateci dei baci con amor amor;
finita questa guerra sposerete un disertor.
Ho disertato anch’io
per non fare il militar,
perchè la cara vita
tutti quanti la vogliam salvar!


Quand’ero monaca

Quand’ero monaca baciavo i santi
ora son monaca, bacio gli amanti.
Quand’ero monaca di questo convento
ora son monaca di un reggimento.
Oilì oilà, monaca m’avevan fatto e moio per te.
Quand’ero monaca del campanile
ora son monaca, porto il fucile.
Quand’ero monaca facevo scuola
ora son monaca con la pistola.
Oilì oilà, monaca m’avevan fatto e moio per te.
Quand’ero monaca portavo il cordone
ora son monaca servo un plotone.
Quand’ero monaca baciavo i santi
ora son monaca, bacio gli amanti.
Oilì oilà, monaca m’avevan fatto e moio per te.


Quand riva ‘l cald
Ivan della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quand riva ‘l cald mi riessi no a dormì
e troevi pù la strada de ‘andà a cà
riva la nott e mi sont an’mò in gir
piassa del Domm, Lorett, de chì e de là.

Cosa te diset? Se te frega a ti?
speta compagno che mi voeuri cuntà
quel che g’ho vist, speta, l’alter dì
cioè l’altra nott, eh. Tant per no sbajà

Sagrat del Domm, la vuna, giò per terra
gh’è un giuinot de quei consciàa a l’artista
che scriv tranquil:” Sia guerra alla guerra”
Cosa te diset? – “Ah, sì a l’è on trotskista-

Quand l’ha finìi l’è ‘ndàa a Arcivescovado
g’ha scritt sul mur:”Padroni al macello”
bel ciar e nett. Ma ti cosa te diset?
-Ah sì, l’è vun del grup Falce e Martello-

L’è turnàa indrèe fino a Tommaso Grossi
Là ‘nduve ‘l tram el svolta giò a sinistra.
Perché te ridet? – Ah, sì. Quaderni Rossi;
eh già, l’ha scritt: “No al centro sinistra”

Mezz’ora a pè, Milan l’è on gran paes
l’ha tiràa el fiàa domà in piassa Argentina;
fiadi anca mi, lu ‘l scriv “Viva la Cina”;
-tas lì, hoo capìi: quel lì a l’è on cines.

Mettes d’acord; alora l’è on trotskista
Oppure vun del grup Falce e Martello
magari anca dei Quaderni Rossi
Classe Operaia, Cines o stalinista.

La verità, compagni, e questo è il bello,
quel giuin là è solo comunista.

Dare etichette è sempre da coglioni
chi ci guadagna poi sono i padroni
a meno che il gioco sia finito
e allora ci guadagna anche il partito.


Quando vedrai
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quando vedrai brillar la stella blu
vuol dire che Benito non c’è più
Quando vedrai brillar la stella nera
vuol dire che Benito l’è in galera
Quando vedrai brillar la stella rossa
vuol dire che Benito è nella fossa.


Quando l’Anarchia verrà
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quando l’Anarchia verrà
tutto il mondo verrà trasformato
e dei governi sarà
un ricordo d’infame passato.
Unito alle altre verrà
la famiglia del lavoratore
ed in comun metterà
il frutto del sudato lavoro.

E allor nel cor, pensando all’avvenire 2 volte
Cesserà lo strazio ed il soffrire.

La macchina aiuto darà
al progresso del nostro lavoro
il borghese non lo sfrutterà
per cavarne l’infamia dell’oro.
L’aborrito confin sparirà
e così pure preti e soldati
e nel mondo sol spazierà
l’ideal di cui siamo animati.

E allor nel cor, pensando all’avvenire 2 volte
Cesserà lo strazio ed il soffrire.

Dovunque colpir si potrà
guerra guerra all’odiato borghese,
finchè scendere a patti dovrà
guerra sempre in qualunque paese.
L’anarchia è propagata di già
quindi amici da forti lottiamo
l’ideal s’ avvererà
se uniti più forti vinciamo.


Quattordici luglio ore undici Togliatti
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Alle ore 11 del quattordici luglio
dalla Camera usciva Togliatti
quattro colpi gli furono sparati
da uno studente vile e senza cuor

L’onorevole a terra colpito
soccorso venne immediatamente,
lutto e grida ovunque si sente,
accorron subito deputati e dottor.

L’assassino è stato arrestato
dai carabinieri di Montecitorio
e davanti all’interrogatorio
ha confessato dicendo così:

«Già da tempo io meditavo
di riuscire a questo delitto.
Appartengo a nessun partito,
è uno scopo mio personal»

Rita Montagnana che è al Senato
coi dottori e tutto il personale
han condotto il marito all’ospedale
sottoposto alla operazion.

L’onorato chirurgo Valdoni
con i ferri che sa adoperare
ha saputo la pallottola levare
e la vita potergli serbar.

Il gesto insano, brutale e crudele
al deputato dei lavoratori,
protestino contro gli attentatori
della pace e della libertà.

L’onorevole Togliatti auguriamo
che ben presto ritorni al suo posto
a difendere il paese nostro,
l’interesse di noi lavorator.
A difendere il paese nostro,
l’interesse di noi lavorator.


Quattro signori a Parigi vanno
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Quattro signori a Parigi vanno
a commerciare e a dividere il bottino
la guerra han fatto, altro più non sanno
e la vittoria vuol la pace-inganno
Il Tribunale han confezionato
di giudicare la pace imputata
e la giustizia han dimenticato
han troppa fame, han voglia di rubar.
Finito giugno pace non è fatta
in sette mesi e più di discussione
fan fallimento tutto il mondo scatta
gambe per aria par che debba andar.
Evviva dunque la rivoluzione
la borghesia più non regnerà
il bolscevismo sta per trionfare
o dunque popolo unito sta.
La dittatura del proletariato
dopo la Russia avremo in tutto il mondo
viva il Soviet, Lenin glorificato
in un gran simbolo di civiltà.
Evviva dunque la rivoluzione
la borghesia più non regnerà
il bolscevismo sta per trionfare
o dunque popolo unito sta.


Regazzine vi prego ascoltare
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Regazzine vi prego ascoltare
la mia storia con giusta ragion,
io la voglio davver raccontare
che mi trovo nei grandi dolor.
Da quel dì dalla morte crudele
fianco mio l’amor mi rapì,
e pensar ch’ero tanto fedele,
trovo pace nè notte e nè dì.
Mi voleva per Pasqua sposarmi
ma il destino non volle così:
non avendo compiuto i vent’anni
che sul Piave innocente morì.
Mi ricordo dei cari suoi baci
che mi dava stringendo al mio sen;
mi diceva:” Sei bella, mi piaci,
sulla terra sei nata per me”.
Regazzine che fate l’amore,
capirete quant’è il mio soffrir:
non c’è al mondo più grande dolore
che vedere l’amante a morir.
Son rimasta nel mondo smarrita,
senza avere la mia gioia al sen;
prego Dio che mi tolga la vita
per andare a viver con sè.
Così disse con voce tremante,
per tre volte così replicò;
chiuse gli occhi dolenti all’istante
poi in cielo con lui se ne andò.
Chiuse gli occhi dolenti all’istante
poi in cielo con lui se ne andò.


Ricordate brava gente
E. Cuppone

Ricordate brava gente di quel mese di dicembre,
era nel ’69 con denunce in ogni dove.
Dopo un lungo autunno caldo il potere non è saldo,
c’è la lotta, c’è il contratto e succede questo fatto:
alla Banca dell’Agricoltura scoppia una bomba da far paura.
Sono morti agricoltori, pensionati e non signori,
ma ad un servo del padrone no, non sfugge l’occasione
e Nutrizio sul giornale esce con l’editoriale
“Strage tra la borghesia: la matrice è l’anarchia.
E comincia proprio là l’ultimo complotto contro la libertà.
Come sempre, come suole, un colpevole ci vuole
non importa chi egli sia, purchè c’entri l’anarchia.
Non è ancora un dì passato che Valpreda è già arrestato,
ma l’avevano già in mente fin dal giorno precedente.
Il Corriere dice che è un pazzo anarchico, drogato e pure pregiudicato…
Un compagno dell’arrestato è in questura interrogato,
ha un alibi di ferro, ma lo torchiano lo stesso.
Lui è calmo ed abituato e non pare preoccupato,
ma d’un tratto, caso strano, vola giù dal quarto piano.
Il Questore poi dirà quel suicidio è un’autoaccusa già!
Calabresi e lor compari oggi sono commissari,
ma se vanno per le strade voi sapete che gli accade:
che sui muri di Milano ci son tante scritte a mano
che gli gridano sul viso che Pinelli è stato ucciso.
Se Pinelli si è buttato, Calabresi allora si è sparato.
Non dobbiamo chieder luce a chi luce non può fare:
se i padroni metton bombe, non lo vanno a raccontare!
Il processo che vogliamo, quello che bisogna fare
nelle strade e nei quartieri è il processo popolare.
Non Valpreda è l’imputato, noi dobbiamo processar lo Stato.


Ricordo di Pavese
Perugini-Pogliotti

Un paese vuol dire non essere soli
avere gli amici, del vino, un caffè.
Io sono della città;
riconosco le strade
dalle buche rimaste,
dalle case sparite,
dalle cose sepolte
che appartengono a me

Al di là delle gialle colline c’è il mare,
un mare di stoppie, non cessano mai:
il mare non voglio più,
ne ho viste abbastanza;
preferisco una tampa
e bere in silenzio,
quel grande silenzio
che è la vostra virtù

E in silenzio girare per quelle colline,
le rocce scoperte, la sterilità
(lavoro non serve più
non serve schiantarsi)
e le mani tenerle
dietro la schiena,
non fare più nulla
pensando al futuro

La sola freschezza è rimasta il respiro,
la grande fatica è salire quassù.
Ci venni una volta quassù
e quassù son rimasto
a rifarmi le forze,
a cercarmi compagni,
a trovarmi una terra,
a trovarmi una pace Un paese vuol dire non essere soli.


Ricordo il tempo di Benvegnuda
E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Ricordo il tempo di Benvegnuda
detta Pincinella di terra di Nave
strega qual fu brusada,
brusada come legna verda,
brusada come l’erba secca,
ma niente di questa storia può dirsi,
niente può dirsi vero.
Oggi davanti alla chiesa di Nave
c’è una donna vestita di bianco
con croci rosse sul petto,
chi entra e chi esce la vede.
Lei piange e si vergogna.
La gente di valle Camonica va a messa
e la fa finta di niente…
Ha medicato quelli stregati,
ha insegnato a disperdere li puti,
ha fatto incentamenti d’amore,
incantamenti per rompere la fede,
grandi magie per tutto il paese
e il suo compagno si dice era il diavolo;
la gente aveva paura,
la gente aveva paura.


Rosso levante e ponente
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Rosso levante e ponente, rosso scolpito nel cuor,
rossa la nostra bandiera emblema di pace e lavor (2vv)
La guerra è voluta dai ricchi, non porta che fame e terror,
su avanti compagni lottiamo, a morte il fascismo oppressor (2vv)
Il fascio ci lega le mani, la chiesa ci lega il cervel,
chi libera i popoli schiavi è solo la falce e il martel (2vv)
Quanti son morti per noi, lungo la lotta fatal,
gloria eterna agli eroi, morti son per l’ideal (2vv)


Saluteremo il signor padrone
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Saluteremo il signor padrone
per il male che ci ha fatto,
che ci ha sempre maltrattato
fino all’ultimo momen’

Saluteremo il signor padrone
con la so’ risera neta
pochi soldi in la casseta
e i debit da pagar

Macchinista macchinista faccia sporca
metti l’olio nei stantuffi
di risaia siamo stufi,
di risaia siamo stufi.
Macchinista macchinista faccia sporca
metti l’olio nei stantuffi
di risaia siamo stufi,
a casa nostra vogliamo andar

Con un piede con un piede sulla staffa
E quell’altro sul vagone
Ti saluto cappellone
Ti saluto cappellone
Con un piede con un piede sulla staffa
E quell’altro sul vagone
Ti saluto cappellone
a casa nostra vogliamo andar


San Giusep e la Madona

San Giusep e la Madona i andaven vers a Betlèm
San Giusep e la Madona i andaven vers a Betlèm

Quan fu stati inanzi un tòco la Madona la gh’éva sét
Quan fu stati inanzi un tòco la Madona la gh’éva sét

Andèm, andèm verginella Maria, ‘na quai funtana la truvarèm
Andèm, andèm verginella Maria, ‘na quai funtana la truvarèm

Quan fu stati inanzi un tòco na funtana si l’ànno trovà
Quan fu stati inanzi un tòco na funtana si l’ànno trovà

Bevì, bevì verginella Maria, bevì de l’acqua finchè vurì
Bevì, bevì verginella Maria, bevì de l’acqua finchè vurì

La funtana la se alsava, la Madona la se sbasava
La funtana la se alsava, la Madona la se sbasava

Quand fu stati inanzi un tòco, la Madona la gh’éva fam
Quand fu stati inanzi un tòco, la Madona la gh’éva fam

Andèm, andèm verginella Maria, che un quai po’ de pan el truvarèm
Andèm, andèm verginella Maria, che un quai po’ de pan el truvarèm

Quand fu stati inanzi un tòco, un prestinaio si l’ànno trovà
Quand fu stati inanzi un tòco, un prestinaio si l’ànno trovà

Mangì, mangì verginella Maria, mangì del pa’ finchè vurì
Mangì, mangì verginella Maria, mangì del pa’ finchè vurì

Quan fu stati inanzi un tòco, la Madona la gh’éva sogn
Quan fu stati inanzi un tòco, la Madona la gh’éva sogn

Andèm, andèm verginella Maria, che na quai stala la truvarèm
Andèm, andèm verginella Maria, che na quai stala la truvarèm

Quan fu stati inanzi un tòco, una stalla si l’ànno trovà
Quan fu stati inanzi un tòco, una stalla si l’ànno trovà

Durmì, durmì verginella Maria, durmì, durmì finchè vurì
Durmì, durmì verginella Maria, durmì, durmì finchè vurì

San Giusep el va de fora, a vedè se ‘l gh’era un quai ciar
San Giusep el va de fora, a vedè se ‘l gh’era un quai ciar

El va de denter San Giusep, el trova lì Gesù Bambin
El trova lì Gesù Bambin senza la fasa e sensa ‘l cusìn

Col mantello della sua mamma, si gh’àn fa la fasa e ‘l cusìn
si gh’àn fa la fasa e ‘l cusìn per fasà Gesù Bambin.


Sciopero interno
Fausto Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Abbiam trovato un metodo d’azione
per romper meglio le scatole al padrone
è il sistema più rapido e moderno
e che si chiama lo sciopero interno..
Sciopero interno, da dentro l’officina
noi perdiam poco e Agnelli va in rovina
se si sta a scioperar dentro i cancelli
chi ci rimette è soprattutto Agnelli
Basta che siamo duecento scioperanti
tutta la Fiat non può più andare avanti
ci rimette la paga poca gente
ma tutti gli altri non producon niente.
Sciopero interno, caliamo il rendimento
ed abbassiamo il cottimo giù a cento
chè con lo scasso della produzione
noi riusciremo a battere il padrone
Sciopero interno, vuol dire che in sostanza
oggi io lotto e non che sto in vacanza
ma che incontro i compagni con lo scopo
di migliorar la lotta il giorno dopo.
Sciopero interno, facciamo l’assemblea
ai nostri capi gli viene la diarrea
nel vedèr che senza chiedèr permesso
noi comandiamo in fabbrica già adesso.
Sciopero interno, facciamo anche i cortei,
i nostri capi stan lì come babbei
nel vedere che dentro queste mura
noi altri non abbiamo più paura.
Forza compagno, facciam sciopero interno
non c’è demonio e non c’è padreterno
che ci possa oramai più trattenere
d’andare avanti e nprendere il potere,
che ci possa oramai più trattenere
d’andare avanti e nprendere il potere,


Se nasce l’anarchia
Rielab. G. Marini- S. Portelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Bevi bevi compagno se no t’ammazzerò,
nun m’ammazzà compagno, che adesso beverò
Mentre er compagno beve la canteremo, la canteremo
mentre er compagno beve la canteremo larillerà
Lalalalalailà lalala la canzone che ammazza li preti,
Lalalalalailà lalala mazza monache preti e frà.
Se nasce l’anarchia un bel pranzo s’ha da fa’
tutto vitello e manzo se duimo de magna’, se duimo de magna’.
Un frittarel di monache, preti e frati spezzati
l’ossa de ‘sti maiali ai cani s’ha da da’, ai cani s’ha da da’.
Le chiese son botteghe
i preti son mercanti
vendono madonne e santi
e a noi ce se credono vecchi poveri e ignoranti, vecchi poveri e ignoranti.
Lalalalalailà lalala la canzone che ammazza li preti,
Lalalalalailà lalala mazza monache preti e frà.


Se non ci ammazza i crucchi

La mia mamma la mi diceva
non andare sulle montagne
mangerai sol polenta e castagne
ti verrà l’acidità
La mia morosa la mi diceva
non andare con i ribelli
non avrai più i miei lunghi capelli
sul cuscino a riposar
Se non ci ammazza i crucchi
se non ci ammazza i bricchi
i bricchi ed i crepacci
e il vento di Marenca
se non ci ammazza i crucchi
se non ci ammazza i bricchi
quando saremo vecchi
ne avrem da raccontar
Questa notte mi sono insognato
ch’ero sceso giù in città
C’era mia mamma vestita di rosso
che ballava col mio papà
C’era i Tedeschi buttati in ginocchio
che chiamavano pietà
C’era i fascisti vestiti da prete
che scappavan di quà e di là
Se non ci ammazza….


Se otto ore
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Se otto ore vi sembran poche
provate voi a lavorar
e proverete la differenza
di lavorare e di comandar
E proverete la differenza
di lavorare e di comandar
E noi faremo come la Russia
chi non lavora non mangerà
e noi faremo come la Russia
chi non lavora non mangerà
e quei vigliacchi di quei signori
andranno loro a lavorar
e quei vigliacchi di quei signori
andranno loro a lavorar.


Se partigiano io son
Rielab. Cuppone

Se partigiano io son
non arrossire
tu sai che è meglio morir,
ma non tradire
certo una fede abbiam sì,
dentro nel cuore;
fiamma che brucia d’amor
quando si muore.
Mamma non piangere più
sulla mia fossa,
un giorno vedrai a garrir
bandiera rossa,
come quel sangue che un dì
versai in guerra
a redenzione d’amor
per la mia terra


Se non ci conoscete

Se non ci conoscete guardateci dall’alto
Noi siam le fiamme nere del battaglion d’assalto
Bombe a man e colpi di pugnal !
E se l’artiglieria fa il suo bombardamento
L’Ardito va all’assalto, veloce come il vento
Bombe a man e colpi di pugnal !
Ci han messo sul trofeo un cipressetto nero
E ci hanno riservato un posto al cimitero
Bombe a man e colpi di pugnal !


Se tu bagni il tuo piede
Paolo Pietrangeli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Se tu bagni il tuo piede in un lago
di un paese chiamato Cultura,
poi tirar dietro il piede è assai dura,
ma è più duro imparare a nuotar.

Ed è pieno di barche lucenti
con pennacchi e con mille bandiere,
tu ti accosti, vai lì per vedere
e ti accorgi che fondo non ha.

E tu t’agiti, gridi, ti muovi
e gli urli che stanno affondando,
ma ti guardano tutti ridendo
non è cosa che faccia per lor.

C’è una barca che dovrebbe andare
ma perdio non va ben manco quella,
vi assicuro è più grande e più bella
e nel fondo, no, buchi non ha.

E’ legata con mille catene
e con corde e legacci alla riva,
ma si muove, si vede che è viva
e nessuno che pensi a guidar.

C’è una barca che dovrebbe andare
ma per dio non va bene manco quella
vi assicuro è più grande e più bella
e nel fondo no, buchi non ha


Sei minuti all’alba
(Enzo Iannacci)

Sei minuti all’alba el gh’è nianca ciar,
sei minuti all’alba, il prete è pronto già.
L’è giammò mes’ura ch’el va drè a parlà
“Gliel’ho detto, padre, de bun, mi hu già mo pregà”.
Nella cella accanto canten ‘na canzun
“Sì ma non è il momento, un pu d’educasiun”
Mi anca piangiaria, il groppo è pronto già;
piangere d’accordo e perchè mi han da fucilà.
Vot settember sun scappà
hu finì de fa ‘l suldà,
al paes mi sun turnà,
disertore m’han ciamà.
De sul treno caregà,
n’altra volta sun scapà,
in montagna sono andato, ma l’altr’er
cui ribelli m’han ciappà.
Entra un ufficiale, mi offre da fumar:
“Grazie ma non fumo, prima di mangiar”
Fa la faccia offesa, mi tocca di accettar
le manette ai polsi son già, quei lì van a drè a cantà.
E strascino i piedi e mi sento mal;
sei minuti all’alba, Dio come l’è ciar.
Tocca farsi forza, ci vuole un bel final
dai allunga il passo perchè ci vuole dignità.


Sent un po’ Gioan, te se ricordet…
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Sent on po’, Gioan, te se ricordet
del quarantott, bei tempi de buriana…
Vegniven giò da la Rocca de Berghem
i tosann brasciaa su tutt’insema,
tutt’insema cantaven, cantaven
Bandiera Rossa, Gioan, te se ricordet…

Mi s’eri nient, vott’ann e calseton
e duu oeucc pien de famm pèer vedè,
e mi hoo vist, Gioan, e mi hoo vist
in d’i oeucc i tosann brasciaa su insema
la speransa pussee bela, pussee vera,
Bandiera Rossa, Gioan, te se ricordet.

E quej oeucc mi i hoo vist, dopo tri dì,
insci negher de rabbia e de dolor:
l’ha vint el pret cont i so beghin
l’ha vinta il pret cont i ball e i orazion.
Ma ind i oeucc di tosann gh’era la guera,
Bandiera Rossa, Gioan, te se ricordet.


Senti le rane che cantano
Svampa

Senti le rane che cantano
che gioia e che piacere
lasciare la risaia andare al mio paese

Vedo spuntar tra gli alberi
la bianca mia casetta
vedo spuntar dall’uscio la mamma che mi aspetta.

Mamma papà non piangere
non sono più mondina
son ritornata a casa a far la signorina


Sentite buona gente
Rielab. E.Cuppone Ed.Bella Ciao-Ala Bianca

Sentite buona gente
un fatto di dolore
d’un povero prigioniero
che mi commuove il cuore.

Trovandosi ammalato
e non riconosciuto
ed il tenente ingrato
invece l’ha battuto.

Vigliacco di un tenente
ha il cuore di un leone,
meriteresti il fronte
o la fucilazione.


Sento il fischio del vapore

Sento il fischio del vapore, l’è il mio amore ch’el va via,
sento il fischio del vapore, l’è il mio amore ch’el va via,
e l’è partito per l’Albania, chissà quando ritornerà,
e l’è partito per l’Albania, chissà quando ritornerà,
Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata (rip)
e se mi trova già maritat, oh che pena, oh che dolor (rip)
Oh che pena o che dolor che brutta bestia è mai l’amore ! (rip)
starò piuttosto senza mangiare, ma l’amore lo voglio far (rip)
Lo voglio far mattina e sera finchè vien la primavera (rip)
la primavera è ritornata, ma il mio amore non è torna’ (rip)
(Mi han rinchiuso in un convento e mi han tagliato i miei capelli
ed eran biondi e ricci e belli, m’han tagliato le mie beltà)


Set filanda

E canta la scigada rispond el lissignoeu.
I donn de la filanda g’han btut ol camisoeu
A la matin bon’ora
se sente a supelà,
saranno le filere lerà,
che vanno a lavora’
Ohi giovanotti cari
se vorì fare l’amor,
andèe da le filere lerà
no ste’ a guardarghe i color
No ste’ a guardarghe i colori,
no ste’ a guardarghe le man,
l’è ‘l fum de la caldera lerà
a ‘l dis che ghe fa mal.
Povere filandere non gh’avrì mai ben.
dormen ‘n de paja, creperì nel fen
dormen ‘n de paja, creperì nel fen
povere filandere non gh’avrì mai ben.
Al suna la campanela l’è nè ciar, nè scur
povere filandere pichi ‘l co nel mur,
povere filandere pichi ‘l co nel mur,
al suna la campanela l’è nè ciar, nè scur
Quando sento il primo fischio
il mio cuore comincia a tremar
e se sbaglio una sola volta
e se sbaglio una sola volta
Quando sento il primo fischio
il mio cuore comincia a tremar
e se sbaglio una sola volta,
me la multa mi tocca pagar
O mama mia tegnim a ca’
o mama mia tegnim a ca’
o mama mia tegnim a ca’
che mi ‘n filanda, mi ‘n filanda mi voi pu ‘na’
Me dor i pe’, me dor i man (3 volte)
e la filanda, la filanda l’è di vilan.
L’è la preson di presonè (3 volte)
E mi in filanda di filanda son stufa assè.
Mama mia mi son stufa
tutt ol dì a fa’ n’dà l’aspa,
voglio andare in bergamasca
in bergamasca a lavorar.
El mestèe de la filanda
l’è el mestèe degli assassini,
poverette quelle figlie
che son dentro a lavorà.
Siam trattati come cani
Come cani alla catena,
non è questa la maniera,
oh di farci lavorar
Tucc me disen che son nera,
e l’è ‘l fum de la caldera,
il mio amor me lo diceva
di non far quel brut mestèe
Tucc me disen che son gialda
L’è ol filor de la filanda,
quando poi sarò in campagna,
miei color ritorneran.


Set risaia

A lavorar la terra ci vuol le contadine,
noi siamo le mondine, noi siamo le mondine
a lavorar la terra ci vuol le contadine,
noi siamo le mondine, siamo lavorator.
Se non ci conoscete, guardateci all’occhiello,
portiam falce e martello, portiam falce e martello
Se non ci conoscete, guardateci all’occhiello,
portiam falce e martello, simbolo del lavor.
Vogliam la libertà
Se tu vedi le mondariso quand i vann a la stassiun
i g’han le gambe a furbesetta, i g’han le gambe a furbe setta
Se tu vedi le mondariso quand i vann a la stassiun
i g’han le gambe a furbesetta,
lur i mette cumpassiun, i mette cumpassiun
Tira dritt sui marciapè le mondariso, le mondariso
tira dritt sui marciapè le mondariso lassè passè
Cunt el faa che lee la g’ha,
anca lee l’è cchia a mundà
Alè, alè, alè, alè, alè, alè
Cunt el faa che lee la g’ha,
anca lee l’è cchia a mundà
Alè, alè, alè la vergogna ghe l’ha de dree
E cunt le cicule, e cunt le ciacule,
e cunt le ci e ci e ci e ci e ciacule
e cunt le cicule, e cunt le ciacule,
sarà felice anche doman
E mi l’hoo sempre dit, che luu l’è un ciuccatee,
soltant a la dumenica, soltanto a la dumenica
E mi l’hoo sempre dit, che luu l’è un ciuccatee,
soltant a la dumenica el spend i mee danè.
Rosina dimmela, Rosina dammela,
e dammela e dimmela e dammela
e dammela e dimmela e dammela
Rosina dimmela, Rosina dammela,
e dammela e dimmela e dammela
la fedeltà d’amor.
E a chi tucca la mia Adelaide
e a chi tucca la mia Adelaide
e a chi tucca la mia Adelaide
sarà felice anche duman
La gioventù più bella, la gioventù più cara
L’amor senza capara, l’amor senza capara
La gioventù più bella, la gioventù più cara
L’amor senza capara, non lo farò mai più
E a mangià poc e poc e poc
se diventa fiacc e fiacc e fiacc
se diventa stracc e stracc e stracc,
se burla là
E a mangià poc e poc e poc
se diventa fiacc e fiacc e fiacc
se diventa stracc e stracc e stracc,
se burla là


Siam tutti bagnati
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Siam tutti bagnati,
coi piedi gelati
e di pattuglia ci tocca di andar
mentre la quota incomincia a sparar.

Ciapùm ciapùm

E nevica ancora
per una qualch’ora,
e pei nostri fanti son brutti momenti
e morti e feriti nei camminamenti.


Siamo i precari
Sull’aria di “I Watussi”

Nel continente scuola (paraponzi ponzi po’)
Lì nel provveditorato (paraponzi ponzi po’)
Ci sta un popolo di precari
Sono ATA so’ insegnanti
Li mortacci se son tanti, sono tanti
Siamo i precari, siamo i precari
Perdenti di posto
Dopo tanti anni, dopo tanti anni
Lo prendiamo in quel posto
Noi siamo quelli a cui il provveditore
Toglie ogni anno la luce del sole
Non ci sono più scuole
Non ci sono più scuole
Cara Gelmini, non siamo noi tonti
Questa riforma te l’ha fatta zio Tremonti
Meno miliardi e più alunni gli dà
Ai tanti precari un bel no o o o
Siamo i precari, siamo i precari
Perdenti di posto
Dopo tanti anni, dopo tanti anni
Lo prendiamo in quel posto

Con la riforma della scuola voluta dal governo Berlusconi,
la ministra Gelmini operò tagli così profondi che si intuì che
il vero obbiettivo era di favorire la scuola privata a scapito
di quella pubblica. Decine di migliaia di insegnanti supplenti
vennero coì tagliati via e le classi furono accorpate se non
cancellate nei plessi dei paesi di campagna o di montagna,
laddove la popolazione scolastica era ridotta.


So’ stato a lavora’ a Montesicuro
rielab. E.Cuppone

So’ stato a lavora’ a Montesicuro
se tu sapesse quanto ho guadagnato,
ce manca quattro pavele* a uno scudo. (2 volte)

Non posso dì però quanto ho sudato,
so’ mezzo morto me se schianta il core
e l’anama me va per conto suo (2 volte)

Mannaggia allora a quando ci ho pensato
d’annatte a laorà ma a quel diserto
che p’arricchì ‘n brigante so’ crepato (2 volte)


Son Cieco
Rielab. Esposito-Straniero Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Son cieco e mi vedete
devo chieder la carità:
ho quattro figli e piangono
del pane non ho da dar
Noi anderemo a Roma
e davanti al Papa ed al Re
noi grideremo ai potenti
che la miseria c’è.
E per le vie di Roma
la bandiera vogliamo alzar
sventola la bandiera
socialismo trionferà


Son deciso

Son deciso, son deciso di salire
Su di quella, su di quella finestrella.
Dove dorme, dove dorme la mia bella
pian pianino, pian pianino la bacerò.
Dove dorme, dove dorme la mia bella
pian pianino, pian pianino la bacerò.
Nel baciarla, nel baciarla la si sveglia,
la mi guarda, la mi guarda è così pallida
la mi guarda, la mi guarda è così pallida,
la mi sembra, la mi sembra per morir
Chi è entrato, chi è entrato in questa stanza,
sono io, sono io, il tuo Alberto,
tu non sai, tu non sai quanto ho sofferto
per venirti, per venirti a ritrovar.
Tu non sai, tu non sai quanto ho sofferto
per venirti, per venirti a ritrovar.
Buona notte , buona notte dormi bene,
ti consegno, ti consegno ai genitor.
Buona notte , buona notte dormi bene,
ti consegno, ti consegno ai genitor.
Buona notte, buona notte dormi bene
e ricorda e ricordati di me.
Buona notte, buona notte dormi bene
e ricorda e ricordati di me


Son la mondina, son la sfruttata
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Son la mondina, son la sfruttata,
son la proletaria che giammai tremò,
mi hanno uccisa, incatenata,
carcere e violenza, nulla mi fermò.
Coi nostri corpi sulle rotaie,
noi abbiam fermato i nostri sfruttator;
c’è molto fango nelle risaie,
ma non porta macchia il simbol del lavor.
E lotteremo per il lavoro,
per la pace, il pane, per la libertà,
e creeremo un mondo nuovo
di giustizia e di nuova civiltà.
Questa bandiera gloriosa e bella
noi l’abbiam raccolta e la portiam più in su,
dal Vercellese a Molinella,
alla testa della nostra gioventù.
E se qualcuno vuol far la guerra,
tutti uniti insieme noi lo fermerem:
vogliam la pace sulla terra
e più forti dei cannoni noi sarem.


Son maritata giovane
Rielab. E.Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Son maritata giovane, son maritata giovane,
son maritata giovane l’età di quindici anni
l’età di quindici anni, l’età di quindici anni.

Mio marito è morto…
è morto militar…

E son rimasta vedova…
con due figli al cuor…

(Uno lo tengo in braccio…
e l’altro per la mano…)

(Uno si chiama Pietro…
e l’altro Franceschin…)

Tutte le ore che passano…
mi sento di morir…

E devo andare in ‘Merica…
‘Merica a lavorar…

‘Merica, ‘Merica, ‘Merica..
‘Merica a lavorar…


Sorgiamo!

Schiavo secolar paria del servaggio
che alla fame ognor ti forza l’oppressor;
la sorte lieta sta nel tuo coraggio
non più mendicanti non più sfruttator.
Il pingue fannullon non vuol capir ragione
gavazza col sudor frutto del tuo lavor:
morte ai ladron, non vogliam più padron
perché non han pietà dell’umanità.
Sorgiam, sorgiam, sorgiamo.
Orsù lavorator che spunta già l’albor
il dritto affermiano all’esistenza
e nell’avvenir il sol risplenderà
d’indipendenza.
Se uniti noi sarem da forti pugnerem
la vile tirannia disperderem
corriamo ad espugnar i troni e gli altar
pel grande ideal dell’Anarchia!

Il politicante che promette ognora
è un vile menzogner mai sazio di poter:
leggi sopra leggi ei ti diè finora
sol per affamarti e farti massacrar.
Giura fede al re, non si cura di te
spergiuro e mentitor è uomo senza onor.
Ministri e senator, deputati e signor
crudeli son con noi dell’orgia son gli eroi..
Sorgiam, sorgiam, sorgiamo.

Popolo oppresso da quest’orda infame
vano è il tuo ciarlar impugna orsù l’acciar.
Vittima sei sempre delle inique brame
dei mistificator che ti dicon malfattor!
Non devi più servir, non devi più soffrir
è questo l’ideal, lo scopo tuo final.
Per te sarà l’onor, la gioia, lo splendor
se da oggi in poi combatterai con noi.
Sorgiam, sorgiam, sorgiamo.


Sotto l’albero del Piemonte

Sotto l’albero del Piemonte (2) CORO: Sotto l’albero del Piemonte (2)
c’è una donna là che canta. (2) c’è una donna che canta (2)

Tanto ben che la cantava (2) Tanto ben che lei la cantava (2)
‘l fiol dal re s’innamorava (2) Lui s’innamorava (2)

Chi è la donna là che canta (2) Chi è la donna ch’è là che canta (2)
l’è una donna del Piemonte (2) lei è del Piemonte (2)

L’è una donna del Piemonte (2) E’ una donna ch’è del Piemonte (2)
l’è una donna maritata (2) lei è maritata (2)

Maritata o non maritata (2) Maritata o non maritata (2)
io la voglio far mia sposa (2) io la voglio far sposa (2)

Fiol dal re fa far ‘na festa (2) Fiol dal re fa’ fare la festa (2)
per le donne maritate (2) per le maritate (2)

O marito, marito mio (2) O marito, marito mio (2)
io alla festa voglio andare (2) alla festa vo’ andare (2)

Tutti vanno e poi ritornan (2) Tutti vanno e poi ritornan (2)
Tu sei bella e non ritorni (2) sei bella e non torni (2)

Ritornare o non ritornare (2) Ritornare o non ritornare (2)
io alla festa voglio andare (2) alla festa vo’ andare (2)

Quando fu in mezzo alla festa (2) Quando fu in mezzo alla festa (2)
‘l fiol dal re l’ha conossuda (2) lui l’ha conosciuta (2)

Lui la prese per una mano (2) Lui la prese per una mano (2)
e la portò in camera sua (2) e la portò via (2)

Cosa dirà il mio marito (2) Cosa dirà il mio marito (2)
quando non vede la sua sposa (2) se non vede la sposa (2)

Non pensare a tuo marito (2) Non pensare a tuo marito (2)
pensa pur d’averne un altro (2) pensa che n’hai un altro (2)

Cosa diranno i miei bambini (2) Cosa diranno i miei bambini (2)
quando non vedon la sua mamma (2) se non vedon la mamma (2)

Non pensare ai tuoi bambini (2) Non pensare ai tuoi bambini (2)
pensa pur di averne altri (2) puoi averne di altri (2)

Più bellini e più carini (2) Più bellini e più carini (2)
e padron di tanta roba (2) padroni di roba (2)


Spunta l’alba al 15 giugno
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Spunta l’alba al 15 giugno
l’artiglieria apriva il fuoco
e gli alpini in gran galoppo
il Montenero a conquistar
Montenero dove tu sei,
o traditor della vita mia,
ho lasciata la mamma mia
per venirti a conquistar.
E per venirti a conquistare
abbiam perduto molti compagni
e sull’età dei venti anni
la loro vita non torna più.
E maledetta la Croce Rossa
perché non vuole più guerreggiare,
lascia i feriti a lacrimare
pien di sangue e di dolor.


Stornelli d’esilio
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

O profughi d’Italia a la ventura
si va senza rimpianti, nè paura
Nostra patria è il mondo intero
nostra legge è la libertà
ed un pensiero, ed un pensiero…
nostra patria è il mondo intero
nostra legge è la libertà
ed un pensiero, ribelle in cor ci sta.

Dei miseri le turbe sollevando
fummo d’ogni nazione messi al bando.
Nostra patria è il mondo intero

Dovunque uno sfruttato si ribelli
noi troveremo schiere di fratelli.
Nostra patria è il mondo intero

Raminghi per le terre e per i mari
per un’Idea lasciammo i nostri cari
Nostra patria è il mondo intero

Passiam di plebi varie tra i dolori
de la nazione umana precursori
Nostra patria è il mondo intero

Ma torneranno Italia i tuoi proscritti
ad agitar la face dei diritti
Nostra patria è il mondo intero


Stornelli pisani
Rielab. G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il centro sinistra è un grande governo
sorretto da Nenni e dal Padreterno
e il Padreterno è cosa palese
parla una lingua vicina all’inglese
E noi diciamo morte al padrone, bandiera rossa, rivoluzione
E noi diciamo morte al padrone, bandiera rossa, rivoluzione

Facciamo l’amore non fate la guerra
così i pacifisti dell’Inghilterra,
scritto sui muri, stampati in cartelli
lo trovi ai negozi di Feltrinelli.
Con conto in banca è facile amare
per chi coi padroni non ha da lottare.
E noi diciamo morte al padrone, bandiera rossa, rivoluzione
E noi diciamo morte al padrone, bandiera rossa, rivoluzione


Stornelli Toscani

Peschi fiorenti
ho canzonato diciannove amanti
ho canzonato diciannove amanti
e se canzono voi saranno venti.

Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor.

Fior di susino
se passeggi per me passeggi invano
se passeggi per me passeggi invano
senz’acqua non si macina il mulino.

Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor.

Fior di granato
prendètelo, prendètelo marito
prendètelo, prendètelo marito
se avete da scontà qualche peccato.

Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor.

Fior di trifoglio
giovanottino voi pigliate abbaglio
giovanottino voi pigliate abbaglio
non è ancor seminata l’erba voglio.

Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor.

O quanta frutta
la donna innamorata è mezza matta
la donna innamorata è mezza matta
quando ha preso marito è matta tutta.

Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor
Colgo la rosa e lascio star la foglia
ho tanta voglia di far con te all’amor.


Strofette satiriche antifasciste

Mateoti Mateoti
grande martire d’Italia
Musolin coi gambe a l’aria
lo faremo fucilare,
Mussolino traditore,
che a l’Italia fè teróre
Mateòti uomo d’onore,
lo faremo incoronar,
Mateòti uomo d’onore,
lo faremo incoronar.

Ta senterét che ròba o Rosa stèla
che pitansèla
che ‘l vén föra de lì ‘nscì
quan’ sarà ben bé rüstì.
Rosa stèla sta a sentir,
ciapa ‘l Duce e fal rüstì
che ‘l bötér ghe ‘l mète mi,
l’ó comprat incö al mesdì.
con contorno de spinàste
ghe agiünget öna Petàs
e con quater fasulì,
Farinacci e fa bulì.
Ta senterét che ròba o Rosa stèla
che pitansèla
che ‘l ven föra de lì ‘nscì
quan ‘ sarà bèn bé rüstì.
(parodia di “Rosabella del Molise”)

Tute le sére ‘nda ‘n lèt sènsa mangià
perché ‘l Benito ‘l m’à dit de risparmià,
mentre i inglés i mangia ‘l rost
i Italià i cicia i òs
per tè sucù de lègn
sta ‘n pé söl di marmèl.
(sull’aria di “Lilì Marlene”)

Addio panini imburrati,
salami affettati vi devo lasciar
ora che siam tesserati,
abbiamo finito così di mangiar.
La gioventù non sta più su,
si sente un certo languor
in Italia si vive d’amor.

Non ti potrò scordare, o bella pagnottella,
tu sei la sola stella, che brillerà per me
Ricordi le patate, piantate al Valentino
ci manca pure il vino, di fame ci fan morir!
(sull’aria di Piemontesina)


Su comunisti della capitale
Rielab. G. Marini-S. Portelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Su comunisti della capitale
è giunto alfine il dì della riscossa,
quando alzeremo sopra il Quirinale
Bandiera Rossa

Questa città ribelle e mai domata
dalle rovine e dai bombardamenti
la Guardia Rossa suona l’adunata:
tutti presenti.

Vent’anni e più di tirannia fascista
col carcere, il confino ed il bastone
non hanno menomato al comunista
la convinzione.

La convinzione di una nuova era
che al mondo porterà la redenzione
e porta scritto sulla sua bandiera:
Rivoluzione.

E se la borghesia ‘n ce lascia perde,
e se la borghesia ‘n ce lascia in pace
risponderemo dalle barricate
piombo con piombo.

E se cadremo in un fulgor di gloria
schiacciando borghesia e capitalismo,
nel sangue nascerà la nuova storia
del comunismo.


Sulla sponda argentina
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Sulla sponda argentina
Mussolini cammina
Matteotti de drè che ghe tira il gilet
“Assassin che te sè”
Mussolini se volta
con la faccia sconvolta
e se mette a vusà “Eia Eia alalà”
ma nissun ghe da tra’


Sun cuntent de vess al mund
Rielab. F. Amodei Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Sun cuntent de vess al mund
da quand so che l’è rutund;
alegher, alegher
‘me caminar sui beder,
sui veder a pé biot
mentre i sciuri i fan nagott

O Signur di pueritt
quel dei sciuri el g’ha i curnitt
alegher, alegher
gh’è cchi anca mo’ San Peder,
San Peder el gh’è pu
el gh’è pu anca Gesu.


Tall el Zaatar
Mimmo Boninelli Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Son questi corpi di donne, di vecchi e bambini
che avete distrutto e ammassato in macerie
di case sventrate da colpi assassini
di voi che volete vederci spariti
per sempre da questo lenzuolo di terra
mettendo in silenzio le voci che chiedon
la lotta di donne di vecchi e bambini
che sanno che Tall el Zatar, no, non morirà mai,
questa voce si sentirà Tall el Zatar, no, non morirà mai,
questa voce si sentirà Tall el Zatar, no, non morirà mai

Il massacro di Tel al-Zaatar (in arabo: مذبحة تل الزعتر‎) è avvenuto il 12 agosto 1976 durante la Guerra civile libanese. Tel al-Zaatar (La Collina del Timo) era un campo di rifugiati palestinesi gestito dall’UNRWA, e ospitava circa 50000-60000 rifugiati nella zona nordorientale di Beirut


Ta pum

Questa sera si va in azione
Partigiano non farti ammazzar
Ta pum, ta pum, ta pum
Ta pum, ta pum, ta pum
A Cosbana c’è un cimitero
Cimitero di noi partigian
Ta pum, ta pum, ta pum….
Il fascista feroce e inumano
Bimbi e donne sa solo ammazzar
Ta pum, ta pum, ta pum….
Cimitero di Cosbana
Forse un giorno ti vengo a trovar
Ta pum, ta pum, ta pum….


Thyssen Krupp

Tra il 5 e il 6 di dicembre a Torino,
un grande incendio, un fuoco assassino,
ha deflagrato su sette operai
una disgrazia da non scordare mai.
Hanno provato invano ad uscire
La linea cinque dell’acciaieria
Era bloccata, c’è poco da dire,
non han potuto scappare via
Qualcuno è morto lasciando dei figli
Qualcuno ha avuto una lunga agonia
E alla fine è scampato uno solo.
Il gruppo Thyssen la deve pagar
Ma si è trovata una lettera infame
Quegli operai fan solo delle trame,
son morti tutti per lor distrazione
e adesso vanna alla televisione
La verità è che la ditta tedesca
Se ne fregava di porte e estintor,
il sol profitto importa che cresca
e per il resto sian pure dolori
Ne muovo tanti cadendo dai ponti
La sicurezza non importa nulla
Ed il profitto nei loro confronti
Non è per niente una grande novità
Così piangiamo quei morti a Torino
E tutti gli altri che un crudo destino
Ha devastato con la morte bianca
E rinneghiam del profitto l’orror.


Trenta giorni di nave a vapore
N. Svampa

Trenta giorni di nave a vapore
fino in America noi siamo arrivati
fino in America noi siamo arrivati
abbiam trovato nè paglia e nè fieno
abbiam dormito sul nudo e terreno
come le bestie abbiamo riposà.

E l’America l’è lunga e l’è larga
l’è circondata dai monti e dai piani
e con l’industria dei nostri Italiani
abbiam formato paesi e città.
E con l’industria dei nostri Italiani
abbiam formato paesi e città.


Tu lo sai compagno a Marzabotto
Ivan Della Mea Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Tu lo sai compagno a Marzabotto
I fascisti hanno preso una donna
Le hanno tolto il figlio dal ventre
E ridendo gli hanno sparato.

Io ti dico compagno nel Vietnam
Parà e marines hanno preso una donna
Le hanno tolto il figlio dal ventre
E ridendo gli hanno sparato.

Ma come è dolce poter dire “Pace,
“pace fratelli su tutta la terra”
Lo disse Hitler lo dice oggi Nixon
E i padroni che ci fanno guerra.

Tu lo sai compagno che il tempo
È ancora rosso di vecchie ferite
E ha la voce di orfane madri
E il silenzio dei forni nei lager.

O partigiano in tutti questi anni
Ci siamo fatti un partito, una fede.
Ma c’è una donna che oggi non crede
In questa pace che pace non dà.

Ma come è dolce poter dire “Pace,
“pace fratelli su tutta la terra”
Lo disse Hitler lo dice oggi Nixon
E i padroni che ci fanno guerra

Oggi sappiamo compagni nel Vietnam
C’è quella donna più sola e tace
E non si può, non si può di re “Pace”
su quel ventre che frutti non dà.

Poiché non siamo degli ex partigiani,
diciamo “Basta!” ai fascisti e ai padroni
ai loro servi assassini e cialtroni
diciamo “guerra” e guerra sarà.

E allora basta parlare di pace
Non siam fratelli su tutta la terra
Siam partigiani e facciamo la guerra
La nostra guerra per la nostra pace.


Tutti mi dicon Cesare
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Tutti mi dicon Cesare, son Cesarino
andavo per i monti da partigiano
quando venni all’assalto con l’arma in mano
per dare alla mia patria la sua bella libertà

Amavo una ragazza che mi ha tradito
era una rondinella di primavera
quando venni all’assalto con la bandiera
per togliere la patria dalla sua triste schiavitù

Ma un giorno di missione io la incontrai
ella era accompagnata da un fascistino
e mi lanciò uno sguardo ancor maligno
pareva mi dicesse “Di te non so che far”

Ma il giorno del trionfo la rincontrai
non era accompagnata da quel brigante
lei mi gridò “Cesare” con voce tremante
per sempre ti ho amato e per sempre ti amerò

Ma Cesare quel giorno, da partigiano
tolse la rivoltella dalla cintura
e lei mi grida:” Cesare mi fai paura”
ci diedi un colpo al cuore e a terra la lasciai.

Mamma perdonami se ti ho fatta piangere
è stato il primo amore che mi ha tradito,
mamma perdonami, se ti ho fatta piangere
Viva l’Italia libera, viva la Libertà.


Uguaglianza
Paolo Pietrangeli Ed Biella Ciao-Ala Bianca

Ti ho visto lì per terra
al sole del cantiere
le braccia e gambe rotte dal dolore
dicevan ch’eri matto
ma devo ringraziar la tua pazzia
Ti ho visto un sol momento
poi ti ha coperto il viso
la giacca del padrone che ti ha ucciso
ti hanno nascosto subito
eri per loro ormai da buttar via
Ci dicon siete uguali, ma io vorrei sapere
uguali davanti a chi, uguali perché e per chi
E’ comodo per voi
dire che siamo uguali
davanti a una giustizia partigiana
che è questa giustizia
se non la vostra guardia quotidiana
Ci dicon siete uguali, ma io vorrei sapere
uguali davanti a chi, uguali perché e per chi
E’ comodo per voi
che avete in mano tutto
dire che siamo uguali davanti a Dio
è un Dio ch’è tutto vostro,
un Dio che non accetto e non conosco


Ultime ore e decapitazione di Sante Caserio
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Il sedici di agosto
sul far della mattina,
il boia avea disposto
l’orrenda ghigliottina,
mentre Caserio dormiva ancor
senza pensare al triste orror.
Entran nella prigione
direttore e prefetto,
con voce di emozione
svegliorno il giovinetto.
Disse svegliandosi «Che cosa c’è?»
«E’ giunta l’ora, alzatevi in piè».
Udita la notizia
si cambiò nell’istante,
veduta la giustizia
stupì tutto tremante.
Li chieser prima di andare a morir:
«Dite se avete nulla da dir».
Così disse al prefetto
«All’or ch’io morto sia,
prego questo biglietto
date alla madre mia.
Posso fidarmi che lei lo avrà.
Mi raccomando, per carità».
«Altro non ho da dire
schiudetemi le porte,
finito è il mio soffrire,
via datemi la morte.
E tu mia madre, dai fine al duol
e darti pace del tuo figliuol».
Poi con precauzione
dal boia fu legato
e in piazza di Lione
fu quindi trasportato.
E spinto a forza il capo entrò
nella mannaia che lo troncò.
Spettacolo di gioia
la Francia manifesta
gridando «Evviva il boia
che gli tagliò la testa».
Gente tiranna e senza cor
chi sprezza e ride l’altrui dolor.
Allor che n’ebbe avviso
l’amata genitrice,
le lacrime nel viso
scorreano all’infelice.
Era contenta la madre almen
pria di morire stringerlo al sen.
L’orribile dolore
le fé bagnare il ciglio,
pensar solo al terrore
che li piombò nel figlio.
Misera madre, quanto soffrì,
quando tal nuova del figlio udì.
Io pregherò l’Eterno
o figlio sventurato
che dal tremendo averno
ti faccia liberato.
Così pregando, con forte zel
l’alma divisa ritorni in ciel.
(Pietro Cini)


Una cosa già detta o (Questo amore)
Fausto Amodei Ed.Bella Ciao-Ala Bianca

Vorrei dirtelo tutto d’un fiato La- Mi-
e gridartelo questo mio amore, Sol La-
come grida un bambini ch’è nato Mi-
come grida la gente che muore, Sol La-
come grida chi si è ribellato, Do Mi-
come grida chi chiede vendetta La- Mi-
ed invece son qui senza fiato Sol La-
che ti dico una cosa già detta. Re- Fa Mi7

Vorrei dirtelo questo mio amore
e parlartene a lungo ed a fondo,
come parla di un mondo migliore
chi vuol render migliore ‘sto mondo,
come parla chi vuol risvegliare
la coscienza di un popolo stanco,
ma sto zitto per non disturbare,
mentre dormi tranquilla al mio fianco.

Vorrei dirti che questo mio amore
è l’amore che riesce a sentire
chi per la libertà lotta e muore,
verso la libertà di chi vive,
che chi vive vorrebbe provare
verso il mondo che l’ha riscattato,
ma ti riesco soltanto ad amare
come un cucciolo buffo e impacciato.

Vorrei farti capire che t’amo
perché tu riesci a darmi il coraggio
di ascoltare l’antico richiamo
verso un mondo più giusto e più seggio,
perché tu riesci a starmi qui accanto
per capire i miei sogni ribelli,
mentre sembra che ami soltanto
il tuo viso e i tuoi lunghi capelli.

Te beata che riesci ad amarmi,
alla buona così come viene,
come quando sorridi a guardarmi
e mi mormori che mi vuoi bene.

 


Un bel dì finirà
Sull’aria di “All’alba se ne parte il marinaio”

Ma perché lavorar
se non basta nemmeno a mangiar.

All’alba se ne parte l’operaio
nella “schiscietta” niente da mangiare,
il caso si fa sempre disperato
e a casa non vorrebbe più tornare.
Ma perché lavorar
se non basta nemmeno a mangiar
c’è mia moglie che piange e che spera
con tanta miseria non sa come far.
Ma perché lavorar…

C’è il gran partito dei lavoratori
che comunisti vengono chiamati,
capitalisti li hanno intimoriti,
ed anche il Papa li ha scomunicati.
Ma un bel dì finirà
la cuccagna dei democristian
ed insieme uniti e compatti
col nostro Togliatti per la libertà

 


Uomini e soldi
Fausto Amodei Ed.Bella Ciao-Ala Bianca

Son senza patria i soldi dei padroni,
son soldi viaggiatori come piccioni.
Per viaggi d’affare o di piacere
i capitali varcano le frontiere
Sono mille e più miliardi che anno per anno
traversan le frontiere e se ne vanno,
e noi lavoratori senza lavoro
dobbiamo per mangiare viaggiar con loro.
I soldi che gli agrari ci han tolto via
fan tappa su in Piemonte e in Lombardia,
e qui si riproducono per contanti
poi se ne vanno all’estero tutti quanti.
I soldi dei padroni van dritti dritti
dovunque possan trarre maggior profitti
e noi passo per passo, metro per metro,
dobbiamo per mangiare tenergli dietro.
Avevo già arricchito più di un padrone
faccendo da bracciante nel meridione.
E poi nel nord o all’estero, da operaio,
ne ho fatti venir ricchi qualche migliaio.
Ma occorre che gli passi quel brutto vizio
che i soldi ci abbian sempre al loro servizio.
Deve essere il contrario e prima o poi
dovranno essere i soldi a servir noi.
La rabbia che han portato i nostri fratelli
all’Alfa, ed alla Fiat e alla Pirelli
noi la dobbiam portare per tutta Europa
spazzando via i padroni come una scopa.
Perchè il padrone è uno, non ci si sbaglia,
che faccia i soldi all’estero o qui in Itala.
I soldi lui li fa sul nostro lavoro
e poi li manda all’estero e noi con loro.
Noi non vogliamo essere mai più esiliati
ma ormai protagonisti e organizzati.
Dobbiamo farla finita ed essere pronti
a giunger presto alla resa dei conti.


Valle Giulia
Pietrangeli Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Piazza di Spagna splendida giornata
traffico fermo la città ingorgata
e quanta gente quanta che ce n’era
cartelli in alto tutti si gridava
“ No alla scuola dei padroni
via il governo dimissioni “ ehh!
E mi guardavi tu con occhi stanchi
mentr’eravamo ancora lì davanti
ma se i sorrisi tuoi sembravan spenti
c’erano cose certo più importanti
“No alla scuola dei padroni
via il governo dimissioni” eeh!
Undici e un quarto avanti a Architettura
non c’era ancor ragion di aver paura
ed eravamo veramente in tanti
e i poliziotti in faccia agli studenti
“No alla scuola dei padroni
via il governo dimissioni” eeh!
Hanno impugnato i manganelli e han picchiato come fanno sempre loro,
e all’improvviso è poi successo un fatto nuovo, un fatto nuovo, un fatto nuovo,
Non siam scappati più – Non siam scappati più.
Il primo marzo sì me lo rammento
Saremo stati millecinquecento
E caricava giù la polizia
Ma gli studenti la cacciavan via
“ No alla scuola dei padroni!
Via al governo, dimissioni!”
E mi guardavi tu con occhi stanchi
Ma c’eran cose molto più importanti;
ma qui che fai, ma vattene un po’ via!
Non vedi arriva giù la polizia!
“ No alla scuola dei padroni!
Via al governo, dimissioni!”
Le camionette, i celerini
Ci hanno dispersi, presi in molti, poi picchiati,
ma sia ben chiaro, che si sapeva
che non è vero, non è finita lì.
Non siam scappati più
Non siam scappati più


Valsesia
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Quando si tratta di attaccare
noi di Moscatelli siamo i primi,
tutti s’affacciano a guardare,
tutti s’affacciano al balcon.
Contro i tedeschi, repubblicani
combatteremo, siam partigiani,
ai nostri morti l’abbiam giurato,
vogliam vincere o morir
Viva Stalin Mora e Gibin
Valsesia, Valsesia
cosa importa se si muore,
con il grido del valore
partigiano vincerà.


Varda Giulaj

Varda Giulaj che ven la primavera
varda Giulaj che ven la primavera
varda Giulaj che ven la primavera
se guarderem in cera cui bombol e i cannon
Varda Giulaj che ven la primavera
varda Giulaj che ven la primavera
varda Giulaj che ven la primavera
te mettrem su l’era a batt el formenton!


Venti giorni sull’Ortigara
(sull’aria di Ta pum della Grande Guerra)

Venti giorni sull’Ortigara
senza cambio per dismontà
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum
Se domani si va all’assalto
soldatino non farti ammazza’
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum
Quando sei dietro quel muretto,
soldatino non puoi più parlar
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum
Quando poi si discende a valle
battaglione non ha più solda’
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum
Nella valle c’è un cimitero,
cimitero di noi solda’
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum
Cimitero di noi soldati
forse un giorno ti vengo a trovar
Ta pum, ta pum, tapum
Ta pum, ta pum, ta pum


Vedrai come è bello
G.Bertelli- G. Marini Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

M’hanno detto a quindici anni di studiare elettrotecnica
è un diploma sicuro, d’avvenire tranquillo.
con quel pezzo di carta non avrai mai problemi,
non avrai mai padroni, avrai sempre il tuo lavoro.

Vedrai come è bello lavorare con piacere
in una fabbrica di sogno, tutto luce e libertà.

M’hanno detto a quindici anni, fai la specializzazione
è importante nella fabbrica, farai il lavoro che ti piace.
Io l’ho fatto ed a vent’anni poi mi sono diplomato,
ad un corso aziendale m’hanno poi perfezionato.

Vedrai come è bello lavorare con piacere
in una fabbrica di sogno, tutto luce e libertà.

Tutto quello che hai studiato dentro qui non serve a niente
non importa un accidente cosa poi tu voglia fare.
Il diritto più importante è catena di montaggio,
modi e tempi di lavoro, ogni giorno, ogni ora.

Qui dentro non c’è tempo, non c’è spazio per la gente,
qui si marcia con le macchine e non si parla di libertà.
La tua libertà resta fuori dai cancelli,
la puoi ritrovare tra le mura di casa.

Vedrai come è bello lavorare con piacere
in una fabbrica di sogno, tutto luce e libertà.
Vedrai come è bello
Vedrai come è bello
Vedrai come è bello


Vegna quel més
Rielab. E.Cuppone Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Vegna quel més, quel més di cavalé
e ‘l pover paisan ne bev gnanca un bicer.

I pover dunett su e giò per isti tavul
e i omen in sul murun che paren tucc di diaul.

Vegn al campé su l’uss de la ca’
cun sapa e la badila e “nduma a lavurà”.

Vegn san Martin gh’è il ficc de paga’
pulaster e capun lur devan anda’ a purtar.

Lur van a Milan cun pulaster e capun,
lur van in dal latée e bevan in dal gran salun


Vi ricordate?
Rielab. E. Cuppone Ed. Bella Ciao- Ala Bianca

Vi ricordate del quarantasette
i morti a Portella delle Ginestre.
Un primo maggio rosso, ma di sangue
di un popolo che ancora lotta e langue.
Si disse ch’era colpa di Giuliano
ma non si seppe mai chi armò la mano.
Di certo era un rigurgito fascista
pagato dal potere democrista.
Vi ricordate quel 18 aprile?
Ha vinto il clero e poi l’agguato vile
a Togliatti il 14 di luglio
che mise tutta Italia in gran subbuglio.
Prevalse alfine la ragion di stato,
De Gasperi ci lega con la Nato
e a dettar legge coi democristiani
si mettono i padroni americani.
E tra il ’49 ed il ‘ 50
il Papa lancia la sua guerra santa.
Scomunica chi vota comunista,
la polizia li uccide solo a vista.
A Modena, a Melissa, in ogni parte
62 compagni messi a morte.
La Resistenza viene ripagata
per quest’Italia nuova e liberata.
E venne il tempo della legge truffa.
In parlamento e in piazza gran baruffa
intanto che Andreotti coi fascisti
patteggiano per fare il repulisti.
Vi ricordate i morti a Reggio Emilia?
Il partigiano muore, non si umilia.
Ci prova anche il governo di Tambroni
sorretto dai fascisti e dai padroni.


Vi ricordate quel 18 aprile?
rielab. Cuppone Ed Bella Ciao-Ala Bianca

Vi ricordate quel 18 aprile
d’aver votato democristiani
senza pensare all’indomani
a rovinare la gioventù.


Via Gleno
Boninelli Ed. Bella Ciao-Ala Bianca

Non più si balla, non più si canta
perché il mio amore l’è prigionier.
Non più si balla, non più si canta
perché il mio amore l’è prigionier.

L’è prigioniero laggiù in via Gleno
e chissà quando ritornerà. (2 volte)

Il mondo dice che c’è n’è tanti
ma carcerati senza ragion. (2 volte)

Son carcerati senza ragione
l’è la giustisia che ghe fa tort. (2 volte)

M’è arrivata ‘na letterina
si l’è il mio amore che ‘l me manda a dir,
uè giovanotti che gira ‘l mondo
gridate forte la mia ragion ,
uè giovanotti che gira ‘l mondo
gridate forte la mia ragion.

La mia ragione, il mio pensiero
che non si uccide la libertà,
la mia ragione il mio pensiero
che non si uccide la libertà.


Vieni o maggio
Rielab. E. Cuppone

Vieni o maggio, t’aspettan le genti
ti salutano i liberi cuori:
dolce Pasqua dei lavoratori,
vieni e splendi alla gloria del sol.
Squilli un inno di alate speranze
al gran verde che il frutto matura
alla vasta ideal fioritura
in cui freme il lucente avvenir.
Disertate falangi di schiavi
dai cantieri e dall’arse officine:
via dai campi su dalle marine
tregua, tregua all’eterno sudor!
Innalziamo le mani incallite,
e siam fascio di forze fecondo
noi vogliamo redimere il mondo
dai tiranni de l’ozio e de l’or.
Giovinezze, dolori, ideali
primavere dal fascino arcano
verde maggio del genere umano
date ai petti il coraggio e la fe’.
Date fiori ai ribelli caduti
collo sguardo rivolto all’aurora,
al gagliardo che lotta e lavora
al veggente poeta che muor,
al gagliardo che lotta e lavora
al veggente poeta che muor,
al poeta che muor.


Vitti ‘na crozza
versione originale dei primi anni del 1900

Purtatimi a mia nel Mungibbeddhu
ca jetta focu e lampi ti tutti i lati
o matri, matri, matri, addulurata
chiangiu pa’ a vita mia e pa’ a mia amata.

Ce nnaja fare cchiù di la mia vita
nun sono bbonu cchiù pe’ travagghiari
la vita è fatta ti gioie e duluri
e accussì nun pozzu cchiù campari.

Si nni jeru si nni jeru li me anni
currennu si nni jeru nu sacciu unni
ora ca suntu vecchiu di cent’anni
chiamu la crozza e nuddhu m’arrispunni.

Vitti ‘na crozza sopra lu cannuni
fua curiusu e ncì vusi spiari
iddha mi rispunniu cun gran duluri
morsi senza nu toccu di campani


Voglio fare il passaporto
Rielab. Sandra Boninelli

Voglio fare il passaporto per andare in Ungheria
per trovar l’amante mio quattro pass di là del mar
per trovar l’amante mio quattro pass di là del mar.

Quattro passi di là del mare per ‘ncontrà la Celestina,
tanto bela e graziosina, la mi ha fato innamorar
tanto bela e graziosina, la mi ha fato innamorar.

La mi ha fatto innamorare la mi ha fa’ cambià i colori,
noi andrem dai professori e i colori torneran
noi andrem dai professori e i colori torneran.

I colori son già tornati ma l’amor non è ‘rivato,
noi andremo in camerata, in caserma militar
noi andremo in camerata, in caserma militar.

La caserma ma dei soldati l’è piantada in mezzo al mare,
co’ le bombe e coi cannoni la faremo sprefondar
co’ le bombe e coi cannoni la faremo sprefondar.

 

Vuoi tu venir Giulietta?
Rielab. E.Cuppone Ed.Bella Ciao-Ala Bianca

“Vuoi tu venir Giulietta
Vuoi tu venire con me
Vuoi tu venire in ‘Merica
A travagliare con me?”
“Ma sì che vegnaria
S’el foss de ché a Milan
Ma per andare in ‘Merica
L’è massaria luntan.”
E ‘nduela sta Merica Merica
E ‘nduela sta Merica Merica
E ‘nduela sta Merica Merica
L’è al di là del mar!
Uè cus-ela ‘sta Merica Merica
Uè cus-ela ‘sta Merica Merica
Uè cus-ela ‘sta Merica Merica
L’è un massolin di fior
Merica Merica Merica
Merica Merica Merica
Merica Merica Merica
Merica a lavorar
Merica a lavorar
Merica a lavorar.

 


Sacco e Vanzetti
(versione Coro Ingrato tratto da
“Il canto anarchico in Italia” di Schirone-Catanuto)

Tutto è finito, la morte è ormai decisa,
già il giorno e l’ora della pena è stabilito,
a nulla valsero preghiere e pianti
del mondo intero per i due emigranti

Eran d’Italia Vanzetti il piemontese,
pugliese Sacco con figli e la consorte,
vollero andare in quel gran paese
per lavorare, ma ne ebbero la morte.

(recitato)
Sacco e Vanzetti due liberi pensatori,
pieni di vita e del lavoro amanti,
d’idee avanzate, dai lavoratori
di tutto il mondo lor furono rimpianti.

Voi bimbi cari che ognor rammentere
lo strazio immenso del vostro papà amato,
frenate il pianto che un dì avrete
da giudicare chi mal ha giudicato.

Eran d’Italia Vanzetti il piemontese,
pugliese Sacco con figli e la consorte,
vollero andare in quel gran paese
per lavorare, ma ne ebbero la morte.

 


Bevi Teresa

S’eri giuvine anca trop per toeul mjèe
ma uramai pudevi pu tirass indrèe
l’è sta’ inscì che una matina
hoo cipaà la Teresina
ed in quatter e quattr’ott me sun spusà.

Mi g’hoo mai avu de vizi in vita mia
dumà bevi un biccierott in cumpagnia
ma l’è astemia e spurcacciona
dopu un an la me abandona
cun la scusa che s’eri semper intranà.

Mi bevi, e ribevi
mi bevi per dimenticar
colei che nel mio bicchiere
versava acqua mineral.
Mi bevi e pensi
chissà che fin l’ha fàa,
perchè senza bever vin,
come la può scampàa..

Ma un bel dì nel turnà a ca’ a tarda sera
dervi l’usc e senti un tanfu de barbera.
lee l’è lì sur al divan
cun la testa in mezz a man
ciuca marcia che le sta’ pu nanca in pèe

La sullevi e l’accumpagni al lavandin
la me guarda e la me cerca un poo de vin,
resti lì cume un cujun,
ma poo rampi al butijun
e ne versi un bel tassot per tucc e du.

Bevi, Teresa
Teresa, bevi insieme a me
due cuori uniti ad un bicchiere
felici tutti e tre.
Bevi, Teresa
però turna a chi pu.
te se stata una gran carogna
va a daa via al cul.

 


Anche gli uccelli

Anche gli uccelli che volano in cielo
anche gli uccelli che volano in cielo,
anche gli uccelli che volano in cielo
non sono mica di un sol cacciator!

Anche i pesci che nuotan nel mare (3)
Non sono mica di un sol pescator!

Anche le foglie che sono nell’aria (3)
Non sono mica di un albero sol!

Anche le donne mal maritate (3)
Non sono mica di un solo marì’!

Anche i bambini che girano in casa (3)
Non sono mica di un solo papà!

 


Amore mio non piangere
Amore mio non piangere se me ne vado via,
io lascio la risaia ritorno a casa mia.

Amore mio non piangere se me ne vo lontano
ti scriverò da casa per dirti che io t’amo.

Non sarà più la capa che sveglia alla mattina,
ma là nella casetta mi sveglia la mammina.

Vedo laggiù fra gli alberi la bianca mia casetta
e vedo laggiù la mamma che ansiosa lei mi aspetta.

Mamma, papà non piangere se sono consumata,
è stata la risaia che mi ha rovinata.


A l’era sabet sera

Lavorava alla fotogalvanica
el sonava alla filodrammatica
l’hann trovàa in de la roggia Bertonica
non sapeva spiegare il perché.
– Come, non sapeva spiegare il perché?
– E per forza:
A l’era sabet sera e l’era ciocch tradì
gh’era passàa la voeuja de andà a cà a dormi.

L’è stàa in gir fino alle ore piccole
el cercava on postegg di autopubbliche
poi c’ha detto a un taxista: è libero?
– Sì… – E allora ch’el vaga a dormì!
– A chi ch’el vaga a dormi?
– A lù!
– A mè??!!
– E per forza:
A l’era sabet sera e l’era ciocch tradì
gh’era passàa la voeuja de andà a cà a dormi.

Lavorava alla fotogalvanica
el voreva provà a fà el nottambulo
l’hann trovàa in de la roggia Bertonica
non sapeva spiegare il perché.
Ma perché non sapeva spiegare il perché?
Ohéj, ma te set dur… ma per forza…

A l’era sabet sera e l’era ciocch tradì
gh’era passàa la voeuja de andà a cà a dormi!

Azzurri

A gh’era nanca un orinari, un cesso pubblico o un water closs,
porca vacca di una eva, ma guarda il caso, me caghi adoss,
pussibil ‘na città come Milano gh’è nanca un cess per andà a cagà.
Azzurri di che culur gh’avevi su i calzuni stirà,
maruni in diventàa fin su i buttuni tutti smerdàa,
per colpa de quel pistola che in TV el fa la pubblicità,
del Falqui la caramella, che in trii minutt la te fa andà a cagà

Cerco l’ingresso in un cortile, ma gh’è un cagnett ch’el fa bau bau
Brutto fetente d’un cagnino perchè te vuset come un danà
Pensa quand’eri più piccino che mi per tui hoo dovù nettà
Azzurri di che culur gh’avevi su i calzuni stirà,
maruni in diventàa fin su i buttuni tutti smerdàa,
per colpa del Tino Scotti che in TV el fa la pubblicità,
del Falqui la caramella, che in trii minutt la te fa andà a cagà

A Parigi un neonato

A Parigi un dì in chiesa si trovò
era il figlio del peccato che la mamma abbandonò
un gingillo al collo avea con la data di quel dì.
Santo Dio! Come piangeva! Parea forse dir così:

“Mamma mammina, sei senza pietà
se mi abbandoni di me che sarà
sono tuo figlio, da te nacqui un dì
non si abbandonano i figli così.”

Passò il tempo e grandicello il fanciullo diventò
frequentò perduta gente, anche lui ferì e rubò
ma la mamma sua adorata pur nel fango non scordò
e bandito, delinquente, quasi sempre la invocò:

“Mamma mammina, sei senza pietà…

Una dama ricca e sola una notte si svegliò
sentì stringersi alla gola, diede un balzo e poi gridò
e dal collo del cipiglio gli strappò un gingillo d’or
“Diede un grido Tu, mio figlio!” Pianse e poi lo strinse al cuor.

“Mamma mammina, sei senza pietà…


Era Natale

Era Natale nell’harem del pascià,
gli eunuchi se ne stavan mani in mano
tra decine di splendide beltà,
distese sopra questo o quel divano.
Entra il pascià col suo passo marziale
Il truce volto e le potenti spalle
e dice “ Che volete per Natale?”
Gli eunuchi gli rispondono “”le p…”
“Gloria nei cieli e pace quaggiù,
tra il bue e l’asinello è nato Gesù”

Era Natale nell’Oceano indiano,
ma piena estate ancora in Vaticano
e il collegio dei Santi Cardinali
ha vietato la pillola ai cristiani.
“Son questi” – grida il popol rispettoso-
scherzi da prete ad alto livello;
ci pare che davvero sia rischioso
fidarsi solamente dell’uc..”
“Gloria nei cieli e pace quaggiù,
tra il bue e l’asinello è nato Gesù”

Era Natale alla Casa Bianca,
l’esercito era lì col Presidente
a ricevere la benedizione,
prima di andare nell’estremo Oriente.
“La sacra face della libertade
spetta l’onore a voi di mantenere”
Tutti in coro rispondono i soldati
“Con quella face scaldati il sed…”
Gloria nei cieli e pace quaggiù,
tra il bue e l’asinello è nato Gesù

A la mensa collettiva

A la mensa collettiva a gh’è il mangià che straca,
se va denter cont la forza, se ven fora cont la fiaca.
La minestra semper bona perché la dis mai nient (2 volte)
t’en danno una tazzina ma ghe manca il cundiment.

Ste voret per vint lira, te dann anca el bologna,
la grassa che l’era denter l’è scappada dalla vergogna
Quatter rav in insalada, fettin ben ben tajà (2volte)
El merluzz che te refilen el campana ‘me un danà

A la mensa collettiva gh’è i sbarbà de la via Arena,
gh’è anca il sciur Giacobbe con la sciura Maddalena.
Lisander che starnuda, Enrico el peruchè; (2 volte)
la mensa collettiva la fa su di grand danè

Il magnano

Donne donne gh’è chí el magnano
che’l gh’ha voeuja de lavorà
e se gh’aví quajcoss de fà giustà
tosann gh’è chí el magnan
che’l gh’ha voeuja de lavorà

Salta foeura ona sposotta
cont in man ‘na pignatta rotta
E se me la giustii propi de galantòmm
mí sí ve la daría de nascost del mè omm

El marito apos a l’uscio
el gh’aveva sentito tutto
el salta foeura cont on tarèll in man
e pirn e pum e parn su la crapa del magnan

El magnano el dis nagotta
e ‘l va via con la crapa rotta
senza ciamà dottór nè avocatt
el s’è stagnàa la crapa al post di sò pignatt

senza ciamà dottór nè avocatt
el s’è stagnàa la crapa al post di sò pignatt.

Porta Romana

Porta Romana bella Porta Romana
Ci stan le ragazzine che te la danno
Ci stan le ragazzine che te la danno
Prima la buona sera e poi la mano.

E gettami giù la giacca ed il coltello
Che voglio vendicare il mio fratello
Che voglio vendicare il mio fratello
E gettami giù la giacca ed il coltello.

La via San Vittore l’è tutta a sassi
L’ho fatta l’altra sera a pugni e schiaffi
L’ho fatta l’altra sera a pugni e schiaffi
La via San Vittore l’è tutta a sassi.

La via dei Filangeri l’è un gran serraglio
La bestia più feroce l’è il commissario
La bestia più feroce l’è il commissario
La via dei Filangeri l’è un gran serraglio.

In via dei Filangeri gh’è ‘na campana
‘gni vòlta che la sòna l’è ona condanna
‘gni vòlta che la sòna l’è ona condanna
In via dei Filangeri gh’è ‘na campana
Prima faceva il ladro e poi la spia
E adesso è delegato di polizia
Prima faceva il ladro e poi la spia
E adesso è delegato di polizia.

E sette e sette e sette fanno ventuno
Arriva la volante e non c’è nessuno
Arriva la volante e non c’è nessuno
E sette e sette e sette fanno ventuno.

O luna che rischiari le quattro mura
Rischiara la mia cella ch’è tanto scura
Rischiara la mia cella ch’è tetra e nera
La gioventù più bella morì in galera.

O luna luna luna che fai la spia
Bacia la donna d’altri ma non la mia
Amore amore amore, amore un corno
Di giorno mangio e bevo, di notte dormo.

Ci sono tre parole in fondo al cuore
La gioventù, la mamma e il primo amore
La gioventù la passa, la mamma muore
Te restet come on pirla col primo amore.

Porta Romana bella Porta Romana
Ci stan le ragazzine che te la danno
Ci stan le ragazzine che te la danno
Prima la buona sera e poi la mano.

Sono povero ma disertore

Sono povero ma disertore
e disertavo per la foresta
quando un pensiero mi viene, mi viene in testa, (2)
di non fare mai più il soldà

Monti e valli ho scavalcato
E dai fascisti ero inseguito,
quando una sera mi addo- mi addormentai (2)
e mi svegliai incatenà.

Incatenato le mani e i piedi
e dal questore fui trasportato
ed il pretore m’ha do- m’ha domandato (2)
perchè mai so’ ‘ncatenà

Io gli risposi delicatamente
che il disertore sempre avea fatto
e disertavo per la- per la foresta (2)
disperato de fa ‘l soldà.

Padre mio che sei già morto,
madre mia che vivi ancora,
se vuoi vedere tuo figlio torturato (2)
e ‘mprigionato senza ragion

O soldati che marciate,
che marciate al suon della tromba,
quando sarete su la- su la mia tomba (2)
griderete “pietà di me


Cinturini

Semo de Cinturini laciatece passà,
semo belle e simbatiche ce famo rispettà.
Matina e sera, ticchetetà,
infinu a sabadu ce tocca d’abbozzà
Matina e sera, ticchetetà,
infinu a sabadu ce tocca d’abbozzà

Quanno fischia la sirena prima innanzi che fa giurnu,
ce sentite atturnu atturnu dentro Terni da passà.
Matina e sera, ticchetetà,

Quanno a festa ce vedete quando semo arcutinate
pe signore ce pijate siamo scicche in verità
Matina e sera, ticchetetà

Se quarcuno che se crede, perchè semo tessitore,
ma se nui famo all’amore lo facemo pe’ scherzà.
E se ce dicono, tant’accuscì,
je dimo squajatela, pe’ me tu poli jì
e se ce dicono, tant’accuscì,
je dimo squajatela, pe’ me tu poli jì
Matina e sera, ticchetetà,

I commenti sono chiusi.